titolo aleister crowley e il rock

ultima modifica: 23 marzo 2016

 

alesiter crowley e i beatles

 

Questo articolo è una raccolta di notizie reperite sull'enciclopedia online Wikipedia 1. Trattasi di una rapida carrellata dei gruppi e dei singoli cantanti che nutrono una grande stima per il noto occultista inglese Aleister Crowley, uno dei fondatori della magia cerimoniale, da molti considerato come il «padre» del satanismo moderno e il «santo patrono» del rock. Anche se non esaustivo, questo florilegio di informazioni mostra come l'ammirazione per questo spregevole individuo non sia una semplice «moda» passeggera (le mode durano una stagione, non mezzo secolo!), ma un vero e proprio fenomeno trasversale che dura da diversi decenni interessando tutte le correnti musicali, dal pop al black metal, e che Crowley è un punto costante di riferimento di molte stelle del rock.

 

Numerosi musicisti contemporanei sono rimasti affascinati dalla persona e dalle idee del mago inglese Aleister Crowley (1875-1947), e molti di loro si sono ispirati a lui o alle sue opere per le loro composizioni. Tra i gruppi rock che hanno fatto diversi riferimenti a Crowley ricordiamo:

 

- I Beatles inclusero la sua fotografia fra altre figure influenti sulla cover del loro concept album Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band («La banda del sergente Pepper dei cuori solitari»; Parlophone 1967) 2;

 

 

- Graham Bond (1937-1974), tastierista e leader della band Graham Bond Organisation, registrò Holy Magick, una «messa thélemica» ricavata dagli scritti di Crowley;

- David Bowie, nella canzone Quicksand («Sabbia mobile»), un brano incluso nell'ellepì Hunky Dory («Eccellente»; Virgin Records 1971), canta: «I'm closer to the Golden Dawn, immersed in Crowley's uniform of imagery»Sono più vicino alla Golden Dawn, immerso nell'uniforme di Crowley, di immaginario») 3;

 

David Bowie: Quicksand

 

- Il nome di Crowley figura all'inizio del testo della canzone Bal-a-Versailles 4, inciso dal complesso pub rock australiano Cold Chisel, e contenuto nel loro album The Last Wave of Summer («L'ultima onda d'estate»; Mushroom Records 1998).

 

holy magick - graham bond

hunky dory - david bowie

the last wave of summer - cold chisel

Da sinistra: le copertine di Holy Magick (di Graham Bond), di Hunky Dory (di David Bowie) e di The Last Wave of Summer (dei Cold Chisel).

 

 

david bowie come aleister crowley

A sinistra: Aleister Crowley nella posa della Golden Dawn denominata «The Enterer» («Colui che entra»). A destra, David Bowie, suo discepolo, nella stessa posizione mentre canta il brano TVC15. Fonte della fotografia:

http://www.parareligion.ch/bowie.htm

 

Molti altri gruppi heavy metal hanno parlato di Crowley nei testi delle loro canzoni, sebbene le loro interpretazioni abbiano più spesso seguito l'immagine «satanista» di Crowley che non i suoi veri scritti. Alcuni di questi testi sul famoso mago inglese hanno talvolta fatto ricorso all'immaginario escatologico cristiano, come nel caso del numero 666 5.

 

- Ozzy Osbourne, nella suo 33 giri Blizzard of Ozz (Epic 1980) ha incluso la canzone Mr. Crowley, un brano che parla delle battaglie e delle credenze di Crowley;

 

Ozzy Osbourne: Mr. Crowley

(con traduzione in italiano)

 

 

 

- Anche i Ministry parlano di Crowley nel testo del brano Golden Dawn - dove hanno persino inserito la sua voce - una track inclusa nel lorothe book of lies - aleister crowley album Land of Rape and Honey (Warner Bros/Wea 1988). Questo gruppo ha inoltre citato Crowley nel suo ellepì Psalm 69 (Sire 1992), nelle ultime righe del testo dell'ultima canzone: «The way to succeed or the way to suk eggs» («Il modo di riuscire o il modo di bere le uova»), parole prese in prestito da The Book of Lies («Libro di bugie»), un'opera scritta da Crowley nel 1913 (vedi foto a lato);

- Il leggendario gruppo britannico heavy metal Iron Maiden ha attinto agli insegnamenti di Crowley in molte delle sue canzoni - in particolare in Moonchild («Figlia della Luna», il titolo di un libro di Crowley) 6, un brano che fà parte dell'album Seventh Son of a Seventh Son (EMI 1988); inoltre, Bruce Dickinson, il cantante della band, che è un ardente seguace del misticismo, ha fatto spesso riferimento alle opere di Crowley nei suoi progetti solisti;

- La pionieristica band svizzera black metal/trash metal Celtic Frost ha inciso un album (ora un classico) intitolato To Mega Therion (Noise Records 1985), sulla cui cover appare un demone che usa un Crocifisso a mo' di fionda. In greco, queste parole significano «La Grande Bestia», un nomignolo anticristico che Crowley aveva adottato per sé;

- La black metal band tedesca Edguy ha scritto un brano, Out of Control («Fuori controllo»), dall'ellepì Vain Glory Opera («Opera di vanagloria»; AFM Records 1998), che parla di Crowley 7;

 

Edguy: Out of Control

 

seventh son of a seventh - iron maiden

psalm 69 - ministry

vain glory opera - edguy

Da sinistra: le copertine di Seventh Son of a Seventh (degli Iron Maiden), di Psalm 69 (dei Ministry), e di Vain Glory Opera (degli Edguy).

 

 

- Lo showman e rockstar Marilyn Manson ha affermato che Crowley è uno dei suoi autori preferiti. Sul suo album Antichrist Superstar («Anticristo Superdivo»; Interscope 1996), la frase «when you are suffering, know that I have betrayed you» («quando stai soffrendo, sappi che ti ho tradito») sembra che si rifaccia ad una sentenza del Liber AL vel Legis di Crowley: «Begone! ye mocker; even though ye laugh in my honour ye shall laugh not long: then when you are sad know that I have forsaken you» (Comincia! Tu beffatore; anche se ridi del mio onore non riderai per molto: quando sarai triste sappi che ti ho abbandonato»). La frase presente nel testo Disposable Teens («Adolescenti disponibili»), dal suo LP Holy Wood («Legno santo: Interscope 2000), «I never really hated a one true god but the god of the people I hated» («Io non ho mai realmente odiato un vero dio, ma ho odiato il dio della gente») è certamente una versione riformulata di un passo dell'opera autobiografica The Confessions of Aleister Crowley (1929): «I did not hate God or Christ, but merely the God and Christ of the people whom I hated» («Io non odio Dio o Cristo, ma è unicamente il Dio e il Cristo della gente che odio»).

 

Nel brano Misery Machine («La macchina della sofferenza»), dal suo CD Portrait of an American Family («Ritratto di una famiglia americana»; Nothing Records 1994), dice il ritornello: «We've gotta ride to the Abbey of Thelema, to the Abbey of Thelema» («Siamo andati a fare un giro all'Abbazia di Thélema, all'Abbazia di Thélema») 8.

- I Coil, un gruppo che fà rock sperimentale, verso la fine del loro video funereo e spaventoso Tainted Love («Amore contaminato»; 1985) - una metafora dell'AIDS - fanno balenare le frasi Love is the law («L'amore è la Legge» e Love under will («L'amore sottomesso alla volontà»), dalla già citata opera di Crowley Liber AL vel Legis, o Libro della Legge;

 

Coil: Tainted Love

 

coil - tainted love - aleister crowley

Quattro fotogrammi estratti dal video dei Coil Tanted Love. Da sinistra in alto: la Stella unicursuale, l'Occhio di Horus inserito nel Triangolo e la frase «Love is the Law, Love under Will», altrettanti segni della devozione dei Coil al mago nero inglese.

 

 

- Nella canzone Firm Hand («Mano decisa»), dall'ellepì Swansong («Canto del cigno»; Columbia Records 1996), la formazione grindcore di Liverpool Carcass canta per due volte: «Hate is the law, love under will» («L'odio è la legge, l'amore sottomesso alla volontà»), una piccola variazione della summenzionata frase presente sul Liber AL vel Legis di Crowley;

 

the confessions of aleister crowley

liber al vel legis - book of law - aleister crowley

carcass

Da sinistra: The Confessions of Aleister Crowley, il Liber Al Vel Legis e i Carcass.

 

- Il gruppo inglese Current 93 9, il cui leader David Tibet è un ex membro dell'Ordo Templi Orientis (OTO) 10, prende il suo nome da un termine mistico che si riferisce alla dottrina thélemica, e si è ampiamente inspirato agli scritti e alle opere di Crowley. Tibet ha inoltre scritto un articolo sull'influenza di Crowley nella musica contemporanea per la rivista Flexipop;

- La death metal band polacca Behemoth ha intitolato una delle sue incisioni Thelema 6; inoltre, nel video Decade of Therion («Il decennio della Bestia»; 1999) il volto del mago inglese appare più volte (vedi animazione sotto);

 

 

- Il gruppo gothic rock britannico Fields of Nephilim, che fà numerosi e indiretti referimenti a Crowley e a Thélema nelle sue composizioni, ha scritto brani tipicamente crowleyani come Moonchild e Love Under Will. L'album Elizium (Beggars Banquet 1990) contiene una registrazionerose kelly fonografica della voce di Crowley mentre legge una delle sue opere;

- La pop band tedesca Alphaville, nota per i riferimenti mistici di vario genere, ha scritto un brano sulla moglie di Crowley Rose Kelly (1874-1932), intitolato Red Rose («Rosa rossa»), dal loro LP Afternoons in Utopia («Pomeriggi ad Utopia»; WEA 1986), il cui testo contiene numerosi messaggi in codice riguardanti il sistema thélemico e altre idee occulte;

- Il gruppo folk-rock di San Francisco Annwn ha fatto qualcosa di simile intitolando una delle sue canzoni The Scarlet Muse («La Musa Scarlatta»), un brano dedicato a Leila Waddell (1880-1932), una delle amanti magiche di Crowley. Alcuni componenti del gruppo, riuniti in un una band di nome Nuit 11, hanno prodotto un album, Mother Night («Madre notte»; 2002), basata in parte su concetti mistici thélemici.

- C'è un riferimento ai Magical Diaries («Diari magici») di Crowley (1923) nella canzone Liezah dei The Coral, un brano presente nel loro album Magic and Medicine («Magia e medicina»; Sony 2004);

- Il quartetto americano nu metal Mudvayne cita uno dei libri di Crowley nel brano Mercy, Severity («Misericordia, severità»), incluso nel loro album The End of All Things to Come («La fine di tutte le cose sta per venire»; Epic 2002). La frase «pain of division is nothing, joy of dissolution is everything» («il dolore per la separazione non è nulla, la gioia per la dissoluzione è tutto») ripropone una versione rimaneggiata del seguente versetto del Liber AL vel Legis: «This is the creation of the world, that the pain of division is as nothing, and the joy of dissolution all» («Questa è la creazione del mondo, che il dolore della separazione è come un nulla, e la gioia per la dissoluzione è tutto»). Anche l'insegnamento thelemico «Do what thou wilt shall be the whole of the Law» («Fà ciò che ti piace sarà tutta la Legge») è presentato in maniera leggermente diversa nella canzone (K)now F(orever), dall'LP L.D. 50 (Sony 2000): «Do what you will, make it the whole of your law» (Fà ciò che ti piace, diventi tutta la tua legge»);

 

mudvayne - matthew mcdonough - golden dawn

Sopra: Matthew McDonough (conosciuto anche come Spag o Spüg), batterista dei Mudvayne,

si è fatto tatuare sul petto il simbolo dell'Hermetic Order of the Golden Dawn.

(I fotogrammi sono stati estratti dal video Dig).

 

david tibet

behemoth

alphaville

Da sinistra: David Tibet, i Behemoth e gli Alphaville.

 

 

- Il gruppo rock britannico Manic Street Preachers ha incluso tra tanti volti famosi quello di Crowley nel video del brano blasfemo You Love Us («Tu ci ami»);

 

manic street preachers - you love us - aleister crowley

A sinistra: animazione estratta dal video dei Manic Street Preachers You Love Us. A destra: anche sulla cover del CD 12" omonimo (1992), nell'angolo in basso a destra appare il volto del mago nero inglese.

 

house of 1000 corpses - rob zombie- La band statunitense The Murder City Devils ha intitolato il loro ultimo album Thelema (Sub Pop 2001), e ha fatto stampare il motto crowleyano «Do what thou wilt» («Fà ciò che ti piace») sul retro della cover del CD;

- Aleister Crowley ha influenzato pesantemente anche i Tiamat, un gruppo metal svedese che nel suo album Prey («Preda»; Century Media 2004) ha inserito brani come Light in Extension («Luce in estensione») - il cui testo è preso interamente dalle opere di Crowley - e Pentagram («Pentagramma»), una track in cui è stata inserita la voce stessa del mago;

- La band di progressive metal americano dei Tool si è ispirata alle opere di Crowley, all'enochian magic board 12 del batterista Danny Carey e a supposti riferimenti alla Cabala ebraica per comporre l'ellepì Lateralus (Volcano 2001); tra l'altro, sul loro bollettino d'informazione scrive l'occultista crowleyano Blair MacKenzie Blake;

- Molti gruppi rock si sono serviti delle opere di Crowley per comporre i proprî lavori, inclusa la band britannica Paradise Lost («Paradiso perduto») e i finlandesi Babylon Whores («Prostitute babilonesi»). Nel suo film House of 1000 Corpses («La casa dei 1.000 corpi»; Universal 2003) Rob Zombie ha inserito una registrazione autentica (ma rallentata) di Crowley mentre legge il suo poema The Poet. Il frammento che si sente, nella versione originale, è: «Bury me in a nameless grave» («Seppellitemi in una tomba anonima»). Inoltre, nel covo di Capitan Spaulding, su una parete si possono vedere le riproduzioni di alcune delle figure demoniache dipinte da Aleister Crowley e scoperte sotto l'intonaco della famosa Abbazia di Thélema a Cefalù.

 

Rob Zombie: House of 1000 Corpses

 

- Forse, il fatto più curioso è che Jimmy Page, chitarrista dei Led Zeppelin, è stato proprietario dal 1971 al 1992 di un cottage - la Boleskine House - sul Lago di Loch Ness, appartenuto a Crowley. Qualcuno si è anche accorto che sul vinile (nello spazio tra l'ultima traccia e l'etichetta) dell'album Led Zeppelin III (Atlantic Records 1970), è stato inciso il motto iniziatico di Crowley «Do what thou wilt» («Fà ciò che ti piace»). Tale scritta può essere confusa con la firma del master cutter George Peckham 13. Page ha inoltre composto la colonna sonora di Lucifer Rising («L'ascesa di Lucifero»), un lungometraggio realizzato nel 1967 dal regista underground Kenneth Anger, un altro personaggio fortemente influenzato dalla figura e dall'opera di Crowley; in un'inquadratura del film, appare per qualche secondo un barbuto Jimmy Page mentre contempla una foto del maestro Therion e altre immagini di Crowley vengono flashate sullo schermo;

 

thelema - the murder city devils

prey - tiamat

lateralus - tool

Da sinistra: la cover di Thelema (dei The Murder City Devils), di Prey (dei Tiamat) e di Lateralus (dei Tool).

 

 

- Mick Jagger, leader dei Rolling Stones, ha composto la colonna sonora di un altro lungometraggio del 1969 girato dal thélemita Kenneth Anger intitolato Invocation of my Demon Brother («Invocazione al mio fratello demonio»);

- Si dice che la track Synchronicity II, dall'album Synchronicity (A&M 1983) dei Police, che sia stato in parte inspirato dagli strani eventi prodottisi nella Boleskine House mentre Jimmy Page ne era il proprietario;

- L'ex frontman dei Pantera Philip Anselmo ha usato lo pseudonimo Anton Crowley - da Anton Szandor LaVey (1930-1997), autore della Satanic Bible e fondatore della Church of Satan, e da Aleister Crowley - per evitare denunce mentre stava registrando uno dei suoi progetti solisti;paulo coelho

- Il cantante rock brasiliano Raul Seixas (1945-1989) e il suo paroliere Paulo Coelho 14 sono stati fortemente influenzati da Aleister Crowley. Tale influsso non si è solo esteso alla musica, ma anche alla creazione dell'Alternative Society («Società Alternativa»), che doveva essere una comunità thélemica. Il progetto fu considerato sovversivo da membri dell'Esercito brasiliano, che imprigionò tutti i membri di tale comunità;

- Nel brano Velvet Rabbit («Coniglio di velluto»), dall'album My Cute Fiend Sweet Princess (Important Records 2004), la cantante anti-folk Kimya Dawson dipinge l'inferno come un luogo «where Aleister Crowley milks cows in the dairy» («in cui Aleister Crowley munge le vacche nel caseificio»);

- John Frusciante, dei Red Hot Chili Peppers, è un ammiratore di Crowley; le track 666, I'm Around («Sono qui attorno»), Emptiness («Il vuoto») e Look On («Considerare»), dal suo album solista Inside of Emptiness («Dentro il vuoto»; Record Collection 2004) sono tutte ispirate all'occultista britannico 15;

- Il gruppo heavy metal americano Devildriver fà riferimento a Crowley nel testo del brano Nothings Wrong? («Niente sbagliato»?): «Do what thou wilt, Shall be the whole of the law, Do what thou wilt, All they understand is the claw» («Fà ciò che ti piace sarà tutta la Legge, fà ciò che ti piace, tutti capiscono che è l'artiglio»);

- Il gruppo di rock alternativo scozzese Primal Scream ha inserito una frase presa dal Liber AL vel Legis («Ogni uomo e ogni donna è una stella»; I, 3) nel ritornello della canzone Star («Stella») rimaneggiandola così: «Every brother is a Star, Every sister is a Star» («Ogni fratello è una Stella, ogni sorella è una Stella»);

 

philip anselmo

raul seixas

john frusciante

Da sinistra: Philip Anselmo, Raul Seixas e John Frusciante.

 

- I Can, una leggenda del krautrock, ha registrato una canzone intitolata Augmn (la parola magica più potente per Crowley), un brano che fà parte dell'album Tago Mago (Mute 1971), a sua volta il nome di una formazione rock di Ibiza che si suppone sia parte della leggenda di Crowley;

- Una delle track dei Throbbing Gristle, intitolata United («Unito»), contiene il ritornello crowleyano «Love is the law» («L'Amore è la Legge»).

 

crowleymass - current 93 & hilmar orn hilmarsson

Sopra: il volto di Crowley sostituisce quello di Gesù Bambino sulla cover del 12" Crowleymass (1987), dei Current 93 & Hilmar Orn Hilmarsson.

 

UN CONCERTO ROCK ANTE LITTERAM

aleister crowley riti di eleusi

Nell'agosto del 1910, all'interno della cornice dei Riti di Eleusi praticati dalla Golden Dawn, Crowley decise di mettere in scena nel teatro londinese Caxton Hall una delle sue performance magiche. Ecco la descrizione di questo rituale (che comprendeva anche atti di blasfemia) da parte di un giornalista della rivista World che partecipò all'evento: «Poi iniziò il lento e monotono canto del sommo sacerdote (Crowley): "Il male non esiste. Il male è bene. Tutti salutino il principe del mondo (Lucifero) al quale Dio stesso ha concesso il potere". Uomini e donne danzarono in cerchio saltando e dondolando al suono infernale di una musica dissonante. Essi cantarono parole oscene [...]. Le donne strapparono i loro bustini; alcune erano parzialmente svestite. Un adoratore afferrò allora il pugnale del sommo sacerdote e si ferì al petto. E tutto ciò sembrava la follia totale» (cfr. J. Symonds, The Great Beast, Roy Publishers 1952, pagg. 124-125).

lady gaga lollapalooza festival

Sopra: Lady Gaga si getta semi-nuda sulla folla in delirio

durante il Lollapalooza Festival di Chicago, il 6 agosto 2010.

 

Articoli correlati:

 

- Tutti pazzi per Crowley

 

banner centro culturale san giorgio ccsg

 

Note

 

1 Traduzione dall'articolo originale inglese Aleister Crowley's Influence in Music (L'influenza di Aleister Crowley nella musica»), a cura di Paolo Baroni. Scritto reperibile alla pagina web

http://www.jesus-is-savior.com/Evils in America/Rock-n-Roll/crowley_influence.htm

2 Interrogato sui criteri adottati per la scelta dei personaggi da inserire su quella storica copertina, Ringo Starr dichiarò: «Abbiamo pensato di raggruppare i volti delle persone per i quali nutriamo una particolare ammirazione» (cfr. Neewsweek, del 21 marzo 1966).

3 L'Ordine Ermetico dell'Alba Dorata (Hermetic Order of the Golden Dawn) fu fondato, nel 1888, a Londra dal medico esoterista William Wynn Westcott (1845-1928), dal medico rosacrociano William Robert Woodman (1828-1891) e dal mago occultista Samuel Liddell MacGregor Mathers (1854-1918), tre ex membri della Societas Rosicruciana in Anglia, fondata, a sua volta, nel 1866 dal funzionario della Gran Loggia d'Inghilterra, Robert Wentworth Little (1840-1878) e aperta ai soli massoni cristiani trinitari. La Golden Dawn ha man mano incorporato nella sua dottrina elementi di Teosofia, Massoneria, Magia cerimoniale, rosacrocianesimo, occultismo, Qabbalah (vi sono dieci Gradi da percorrere, equivalenti ai dieci sephiroth), Astrologia, Alchimia, Tarocchi, Geomanzia e stregoneria Wicca. Nel 1898, Crowley venne iniziato a questa sètta massonica.

4 «Aleister Crowley/ And Bar Shem Tov/ Are lyin' in the alley/ Too stoned to move» («Aleister Crowley/ e Bar Shem Tov/ stanno mentendo nel vicolo/ troppo fatti di droga per muoversi»).

5 Questo numero è contenuto nel Libro dell'Apocalisse (Ap 13, 18), e, secondo un'interpretazione assai diffusa, si tratterebbe di uno dei segni per riconoscere l'Anticristo che verrà alla fine dei tempi. Crowley fece suo questo epiteto definendosi «La Grande Bestia 666».

6 Moonchild è il titolo di un libro scritto dal mago inglese nel 1917.

7 Dice il testo di questo brano: «I look up to Mr. Crowley, evil powers: now unite/ I will be your darkest nightmare»Io ammiro il Sig. Crowley, i poteri malvagi: ora uniamoci/ Sarò il tuo tenebroso incubo notturno»).

8 L'Abbazia di Thelema (dal greco «volontà») è il nome dato dall'occultista inglese alla casa siciliana dove egli si riuniva con i suoi seguaci. Si tratta di una casa isolata in località Santa Barbara, presso Cefalù (in Sicilia), abitata nel corso degli anni '20, presumibilmente a partire dal 1º aprile del 1920.

9 Il numero 93, secondo la Cabala greca, è il risultato della somma dei valori numerici delle lettere che compongono la parola Thélema («Volontà») e la parola Agape («Amore»). In base ai principi della Gematria, ovvero il sistema cabalistico di conversione di lettere e parole in numeri, origine della moderna Numerologia occidentale, tutte le parole che risultano corrispondere al medesimo numero sono connesse. La Corrente 93 è il flusso di energia, coscienza e volontà stellare - manifestatasi attraverso forze di di natura aliena e sovrumana - riattivato da Crowley durante le operazioni che culminarono con la dettatura del Liber AL vel Legis nel 1904.

10 Fin dal principio del XX secolo, il gruppo esoterico più famoso si è strutturato come un'organizzazione neotemplarista paramassonica, detta Ordo Templi Orientis. La storia dell'OTO e dei gruppi a esso collegati può essere svolta indagando la storia dei suoi protagonisti. I tre famosi protagonisti della storia dell'OTO sono l'austriaco Carl Kellner (1851-1905) colui che provvedette a dare l'idea, il tedesco Theodor Reuss (1855-1923) che lo fondò concretamente e il celebre inglese Aleister Crowley, tutti e tre massoni...

11 Nel triplice simbolismo crowleyano c'è la Dea Stellare (la Madre), il suo sposo Horus (il Padre) e dal prodotto della loro unione (Horus il Giovane, il Figlio); questa trinità venne ribattezzata da Crowley, rispettivamente, Nuit (la Madre), Hadit (il Padre) e Heru-ra-ha (il Figlio).

12 L'enochiano è conosciuto come il linguaggio degli angeli. Prende il suo nome da Enoch, personaggio biblico cui si attribuisce la capacità di parlare con gli angeli. L'inventore dell'enochiano è tuttavia John Dee, un eclettico scienziato con uno spiccato interesse per l'occulto, vissuto in Inghilterra fra il 1527 ed il 1608. L'enochian magic board è uno strumento divinatorio che si basa appunto sull'alfabeto enochiano.

13 Sui Led Zeppelin e l'occultismo vedi il Dossier Led Zeppelin.

14 E pensare che Coelho è considerato da molti anche in Italia come uno stimato poeta e autore di romanzi!

15 Non a caso, uno degli albumi dei Red Hot Chili Peppers è intitolato Blood Sugar Sex Magik (Warner Bros. 1991), dove la parola Magik («magia») è scritta non con la «c» finale (Magic), ma con una «k», un espediente usato da Crowley per distinguere la magia sessuale dalle altre forme magiche (N.d.T.).

 

home page