titolo cosa insegna la kabbalah?

di Elizabeth Dilling 1

 

portæ lucis - kabbalah

Il frontespizio del trattato cabalistico Portæ Lucis («Il Cancello della Luce»),

di rabbi Abraham Joseph Gikatilla (1516).

 

Il lettore ci scuserà se insistiamo sull'argomento della Kabbalah pubblicando un altro articolo, ma ci preme che chi si accosta allo studio delle origini dell'occulto comprenda la grandissima influenza esercitata sullo sviluppo di quest'ultimo dal misticismo ebraico. Come abbiamo già detto in un precedente articolo, la Kabbalah costituisce l'ossatura portante e la base dottrinale di tutte le forme di esoterismo. Leggendo gli articoli presenti nella sezione consacrata alla Massoneria, e in particolare lo studio di Padre Giantulli, si rimane impressionati dalle fortissime analogie esistenti tra gli insegnamenti naturalisti impartiti nelle Logge di ogni obbedienza e quelli dei rabbini cabalisti. Ma ancora più spaventosa è l'amara constatazione della rovina del popolo che un tempo Dio aveva scelto tra tutte le nazioni. Accecati dalla superbia e dall'invidia, i capi spirituali del giudaismo, dopo aver rifiutato la messianicità e la divinità di Gesù Cristo, ampiamente testimoniate dalle Scritture in loro possesso, a partire dalla Diaspora (70 d.C.), hanno iniziato ad elaborare una nuova religiosità che di fatto è la negazione totale del giudaismo mosaico, corrompendo non solo la lettera e l'interpretazione dell'Antico Testamento, ma sostituendo la legge di Mosè con il Talmud e con la Kabbalah, che altro non è se non un'amalgama blasfema di panteismo pagano, di pratiche superstiziose e di gnosticismo. Il Dio che ha parlato dal roveto ardente a Mosè, «Io sono Colui che è» (Es 3, 13), l'Essere per eccellenza che ha trasmesso l'esistenza a tutto ciò che esiste, e che ha creato l'uomo a sua immagine e somiglianza (Gn 1, 26), viene dunque spogliato di tutte le Sue infinite perfezioni e ridotto ad una massa informe priva di attribuiti e qualità, alla quale i cabalisti, tramite la magia teurgica, possono attingere ogni potere per giungere all'autodeificazione, sunto e mèta di ogni forma di satanismo.

 

 

 

«Disse loro (ai farisei) Gesù: "Se Dio fosse vostro Padre, certo mi amereste, perché da Dio sono uscito e vengo; non sono venuto da me stesso, ma lui mi ha mandato. Perché non comprendete il mio linguaggio? Perché non potete dare ascolto alle mie parole, voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro» (Gv 8, 44).

 

l La Kabbalah ebraica

 

L'esistenza di un mondo spirituale e di entità malefiche è menzionata in tutta la Bibbia. Cristo esorcizzò numerosi posseduti da spiriti maligni. Ciò nonostante, vi è una rigida ed irremovibile regola: bisogna letteralmente lasciarli stare, senza invocarli o comunicare con loro. È ovvio che entità spirituali possano facilmente eludere i limitati poteri dell'uomo. «Non avrai altro Dio all'infuori di me», recita il Primo Comandamento. Dio disse a Mosé: «Non ti prostrerai davanti a loro (agli idoli) e non li servirai» (Es 20, 3). Laddove la Bibbia rappresenta Dio come l'Intelligenza Suprema, Creatore e Signore, i concetti pagani e atei dell'ebraismo riconoscono il panteismo. In altre parole, c'è una grande essenza naturale, al di fuori della quale le vite individuali errano ciecamente senza direzione. Il «pan» (la natura) «teismo» (relativo al divino) afferma che la summa della natura è Dio. L'uomo diventerebbe l'onnipotente «dio» luciferino. È predetto in varie profezie bibliche che l'Anticristo incarnerà tale concetto 2. La Universal Jewish Encyclopedia (del 1943), alla voce «Kabbalah», riporta: «Nonostante la Palestina costituisse il luogo di nascita del misticismo ebraico, il luogo in cui la Kabbalah fu concepita e ottenne maggior importanza fu Babilonia». Essa inoltre afferma: «Le speculazioni mistiche del Talmud e il sistema della Kabbalah sono un'unica entità che ha origine nel primo e si completa nella seconda». La Kabbalah ebraica comprende una vasta letteratura sulla magia e sullo spiritismo basati su mero panteismo. «Ad Aaron ben Samuel fu attribuito il merito di aver importato in Italia questa misteriosa dottrina da Babilonia, circa a metà del IX secolo; da qui, essa si diffuse in quasi tutti gli altri Paesi cristiani d’Europa» 3. La Kabbalah, altrimenti detta Kabbalah, significa «tradizione», quella propria del paganesimo di Babilonia, degli egizi e di altri filosofi pagani, compendiata nella religione ebraica.

 

l Hassidismo cabalistico

 

Il ramo hassidico dell'ebraismo è specializzato nella Kabbalah. Ci viene riferito che, nella seconda metà del XIX secolo, circa metà di tutti gli ebrei erano cabalisti. Il termine «hasidismo», così come tanti altri termini talmudici, possiede diverse dizioni: «chassidismo», con la «c» e la doppia «s», e «hassidismo», con la «h» e la doppia «s». Entrambe le edizioni della Jewish Encyclopedia (del 1905 e 1943) usano tuttavia la prima delle due dizioni. Hassidismo è la denominazione di un movimento religioso afferente al talmudismo «che si affermò su quasi metà delle masse di ebrei». Il suo principale promotore fu Israel Ba'al Shem Tob (abbreviato in Besht). Nacquero dinastie a titolo ereditario di capi hassidici, taumaturghi, veggenti, medium e guaritori che impiegarono l'ebbrezza etilica, il canto e la danza per creare stati di «estasi». Il male veniva giustificato se impiegato come catarsi. Gershom Scholem (1897-1982), capo del Dipartimento di Misticismo Ebraico della Hebrew University della Palestina, nel suo libro di conferenze 4 tenute nel Jewish Institute of Religion di New York, del comunisteggiante rabbi Stephen Wise (1862-1949), elogia Ba'al Shem Tob, l'«evangelizzatore» dell'hassidismo del XVIII secolo; così fece pure rabbi Louis Finkelstein (1895-1991), direttore del Jewish Theological Seminary of America, nell'opera The Pharisee. Scholem definisce Ba'al Shem Tob «un vero Ba'al Shem, meritatamente [...] un maestro del cabalismo pratico e un mago» 5.

 

israel ba'al shem tob - besht rabbi louis finkelstein rabbi stephen wise
Israel Ba'al Shem Tob Louis Finkelstein Stephen Wise

 

Egli conclude il libro affermando che il misticismo ebraico deve ancora giocare il suo ruolo più importante. Questo passo coincide sicuramente con i riferimenti biblici ai prodigi operati dall'Anticristo su ordine di Satana 6. La Universal Jewish Encyclopedia, alla voce «Hassidismo», afferma che esso «non ha portato nessun rinnovamento nella religione ebraica» 7. Ecco un'altra citazione dalla Jewish Encyclopedia del 1905: «Gli insegnamenti dell'hassidismo [...] si fondano su due concezioni teoretiche: 1) Il panteismo religioso [...]; 2) L'idea di una comunione fra Dio e l'uomo [...] che fu estrapolata dalla Kabbalah [...], secondo la quale non solo la Divinità esercita un'influenza sugli atti umani, ma che anche l'uomo esercita un'influenza sulla volontà e sui sentimenti della Divinità. Ciascun atto o parola dell'uomo producono una relativa vibrazione delle sfere celesti. Da questa concezione deriva il fondamentale principio pratico dell'hassidismo, la comunione con Dio col proposito di unificarsi con la fonte della vita onde influenzarla». Il panteismo è il più antico tra i concetti pagani che designa Dio come il compendio della natura. La summa della totalità della natura in «dio» conferirebbe all'uomo conoscitore di taluni segreti di governare il tutto. Nell'hassidismo ebraico, «Ba'al Shem», o «Maestro del Nome», viene chiamato il santo o zaddik che, secondo la Universal Jewish Encyclopedia, «impera tramite il possesso del più vasto numero possibile di [...] “scintille” di emanazione divina [...]. Egli siede allo stesso livello di Mosè e dei Profeti, e parla non solo con l'autorità della Toràh, ma possiede anche la possibilità di modificarla o di abrogarla. Gli hassidici devono vivere sottomessi allo zaddik, arrenderglisi con amore e fiducia, recargli doni, esaudire qualsiasi suo desiderio e non interrogarsi sulla sua condotta anche quando questa paia discostarsi dalla norma comune».

 

l La Kabbalah e Dio

 

La Kabbalah costituisce membra e sangue dell'ebraismo talmudico, che è esso stesso paganesimo dal principio alla fine. Esso utilizza a mò di «sepolcro imbiancato» l'Antico Testamento per celare la negazione di ogni legge morale in esso presente esortando ogni forma di pratica occulta e demoniaca, quelle pratiche che proprio nelle Sacre Scritture veterotestamentarie erano esecrate come abomini. La Kabbalah possiede due aspetti: uno teoretico e uno pratico o teurgico (la realizzazione dei miracoli). Il «dio» della Kabbalah è l'«En Sof», lo sconosciuto e imperscrutabile mare della mente o materia dalla quale ogni creazione emergerebbe. «La dottrina dell'En Sof - dice la Jewish Encyclopedia - è il punto di partenza di tutte le speculazioni cabalistiche. Dio è l'essere infinito e illimitato al quale nessuno e nulla può avere il diritto di associare qualsiasi attributo» 8. Mosè Maimonide (1138-1204), detto anche Rambam, perno del talmudismo medievale, «contribuì alla dottrina cabalistica dell'En Sof prescrivendo l'impossibilità di ascrivere attributi a Dio, a meno che non si tratti di attributi di natura pitagorica» 9. Pitagora (575-490 a.C.) era un mago pagano che costruì una dittatura per mezzo della creazione di una cortina di ferro, e che attribuì potere creativo a lettere e numeri proprio come la Kabbalah. Le «dieci intelligenze» del pagano Aristotele (384-322 a.C.), ossia il Sole, la Luna e i sette pianeti, ciascuno governato da uno Spirito Sovrano che regge il funzionamento dell'Universo secondo complicate carte astrologiche del tempo, coincidono biunivocamente con i «dieci Sefirot» della Kabbalah teoretica. Tre triadi, genitore maschile e femminile e la loro progenie, con l'aggiunta del tutto o En Sof, formano un disegno rappresentante ogni condizione della vita e ogni qualità dalla A alla Z. Il sesso costituisce il Re e la Regina glorificati. L'anima trasmigrerebbe attorno ad essi e di nuovo verso la sconosciuta e imperscrutabile fonte, l'En Sof, in una condizione di nirvana, o annullamento, come nell'induismo. «I mistici dell'ebraismo descrissero un amore per Dio da parte dell’uomo di grado elevatissimo e sotto una forma sensibile che attinge direttamente dalla vita materiale» 10. «Ad essa strettamente connessa [...] è la dottrina della trasmigrazione dell'anima, nella quale la Kabbalah profuse grande impegno» 11.

 

universal jewish encyclopedia mosè maimonide - rambam pitagora
Universal Jewish Enc. Mosè Maimonide Pitagora

 

Vi sono «dieci classi di angeli, alla presidenza dei cui capi siede Metatron, che fu mutato in fuoco» 12. Metatron è l'Entità Spirituale Sovrana di questo universo e dell'ebraismo talmudico, collegato al dio Sole (da altri chiamato Mithra). I dieci Sefirot, o intelligenze della Kabbalah, sono designati come entità maschili e femminili della procreazione: «Kether» o «Corona» o «Io sono», emana il «potere virile o mascolino», da cui «il potere passivo o femminile [...] nell'unione con il potere virile [...] si riproduceva»; cosicché i Sefirot maschili e femminili si rigenerano: «Perciò, ogni triade è dotata di forza, controforza e del proprio legame connettivo: letteralmente, agenti passivo e attivo e la loro combinazione» 13. «Essi erano tutti combinati nell'"Adam Kadmon” (l'Uomo Primordiale)» 14. Nell'opera The Kabbalah 15, oggetto di ulteriore approfondimento da parte di Isaac Ginzburg 16, viene esposta la dottrina fondamentale della Kabbalah: «Dio è illimitato nella sua natura. Egli non ha né volontà, né intenzione, né desiderio, né pensiero, né pulsione, né azione» 17. Di seguito: «Egli (Dio) non può essere carpito e rappresentato; per questa ragione è denominato "En Sof", come se in un certo senso egli non esistesse» 18. Segue la descrizione delle emanazioni autogene, i «Dieci Sefirot» e «i diversi mondi che si sono evoluti gradualmente e in successione. Questi mondi in evoluzione sono la splendente e manifesta immagine dei proprî progenitori, i Sefirot, che reggono tutto quanto». I Sefirot creano le anime e le anime devono risalire alla fonte «dalla quale sono state emanate [...]. Allora la creatura non sarà distinta dal Creatore» 19. Continua la descrizione: «L'anima governerà l'Universo: essa comanderà, e Dio le obbedirà» (pagg. 145-146). Considerando la distinzione fra brahamini e intoccabili nelle caste dell'induismo, e le differenze proprie del talmudismo fra gli «asini» gentili - che non godono dello status di essere umano, siano essi vivi o morti - e gli ebrei invece «umani», sarà facile definire i ruoli tra chi dovrebbe governare e chi invece obbedire, in una visione di Dio ridotto ad una massa indefinita, mera essenza e fonte dalla quale l'uomo attinge e plasma a suo piacimento. Ecco cos'è rimasto dell'antico monoteismo ebraico!

 

metatron dio mithra adam kadmon
Metatron Il dio Mithra Adam Kadmon

 

l Kabbalah teoretica

 

Due qualità dominano la Kabbalah teoretica ebraica. Ogni attributo di intelligenza, conoscenza, amore o controllo è sottratto al Dio biblico e ridistribuito fra le entità spirituali, che, come nel paganesimo, erano invocati come «altri dèi», così sovente deprecati dai Profeti. Quest'atto di alienare Dio dalla Sua intelligenza riducendolo a massa di «essenza autoinfusa» - l'En Sof - altro non è che panteismo (il compendio della natura come Dio, senza alcun Essere supremo). Denominato «emanazione» dalla Kabbalah ebraica, «immanenza» dal talmudista Baruch Spinoza (1632-1677), o «la vera dimensione dell'ideale ugualmente definita sia dalla Kabbalah che da Hegel» 20, o «materialismo dialettico» da Karl Marx (1818-1883), il sunto è lo stesso vecchio concetto ateistico della natura in attesa di essere dominata dall'essere umano. Il dio luciferino è sempre l'uomo. La grande eresia dello gnosticismo, che quasi spazzò via il cristianesimo dalla Terra nei primi secoli, è - per ammissione - cabalistica. E l'idea gnostica e cabalistica dell'inesistenza del male rivive oggi nella Christian Science («Scienza Cristiana») 21, che non ha nulla né di cristiano né di scientifico, ma in compenso costituisce un grande polo d’attrazione per centinaia di ebrei che, come espressamente riportato dalla Universal Jewish Encyclopedia, possono essere christian scientists senza dover rinnegate il loro talmudismo. Sempre la stessa opera afferma: «Così come il divino possiede una reale essenza, il male è ciò che non possiede essenza, l'irreale o entità apparentemente reale» 22. Ancora: «Il male, secondo la filosofia cabalistica, è inesistente, anticipando così la Christian Science» 23.

 

l Kabbalah pratica

 

Qualsiasi espediente per detronizzare Dio e insediare al suo posto l'anima dell’individuo è utilizzato dai cabalisti ebrei. «Dissociazione, negromanzia, esorcismo [...], bibliomanzia e misticismo dei numeri e delle lettere furono organizzati in sistemi completi. Da qui deriva la dottrina cabalistica dell'alfabeto celeste, i cui caratteri sono le costellazioni e le stelle. Perciò, l'Astrologia fu legittimata, la bibliomanzia trovò la sua giustificazione nel postulato che le sacre lettere ebraiche non sono una semplice rappresentazione delle cose, bensì catalizzatori di poteri divini per mezzo dei quali la natura può essere sottomessa (dall'uomo)» 24. Ma la pratica cruenta del tracciare cerchi per circoscrivere lo spazio agli spiriti, di cavare gli occhi ai galli, di scuoiare gli agnelli gettandone il sangue tutt'intorno al fine di eseguire strani incantesimi atti a richiamare gli spettri dei defunti, come vietato dalle Sacre Scritture, vengono celati come parte di una tradizione «esoterica» e segreta, affidata alla custodia dei cosiddetti Ba'al Shem ebraici.

 

baruch spinoza karl marx georg hegel
Baruch Spinoza Karl Marx Georg Hegel

 

l Trasmigrazione delle anime

 

La reincarnazione o trasmigrazione delle anime è una dottrina comune nella Kabbalah. Alla voce «Trasmigrazione delle anime», la Jewish Encyclopedia dichiara che se fallisce nell'intento di «lavare» un demone dalle mani, l'uomo può trasformarsi in un fiume. Tale teoria è causa di grande degrado nell'induismo. Nella Kabbalah, ogni anima corrisponde ad un dato particolare anatomico dell'Universo dell'Adam Kadmon, alcuni dei quali sarebbero organi «inferiori», e altri organi «superiori». Il dibbuk, o spirito da cui si è posseduti, può essere espulso unicamente da un taumaturgo Ba'al Shem, come è stato menzionato di recente (1955) dalla letteratura ebraica quando uno di essi fu presumibilmente visto durante l'abbandono del corpo che, sotto coercizione, lo ospitava. Tutta la stampa ebraica riportò l'evento. Un documentario recente ha illustrato un rituale induista nel quale - vista orribile - una capra veniva dissanguata tramite una pugnalata. Il rituale era collegato a Kali, «la dea indù. Essa era presentata come una donna di colore con quattro braccia, una collana di teschi al collo e mani di giganti massacrati come perizoma. Le sue palpebre e i suoi seni appaiono grondanti il sangue dei mostri che essa ha ucciso e divorato. Una delle mani regge una spada, un'altra una testa umana mozzata. Essa è la dea della morte e della distruzione; capre e altri animali le sono sacrificati sugli altari ad essa dedicati. Negli antichi testi indù venivano esaltati i sacrifici umani a questa dea sanguinaria. La sua adorazione è presumibilmente caratterizzata da rivoltanti rituali segreti» 25. Per quanto concerne il sesso, lo squallore, il maltrattamento degradante delle ragazzine e delle donne di basso rango sociale, e ovviamente la suddivisione in caste, l'ebraismo e l'induismo sono strettamente assimilabili. Se l'appagamento sacrificale degli spiriti è tenuto segreto nel giudaismo e manifesto nell'induismo, il sistema delle caste, che nell'induismo raggiungono con le sottocaste le duemila unità, è molto più semplificato nel giudaismo, nel quale ne compaiono solo due: gli umani e gli animali, ossia gli «ebrei» e i «non ebrei», i «brahamini» o semidivini ebrei, e gli «intoccabili» (perché impuri) non ebrei.

 

l Lo Zohar, testo principale della Kabbalah

 

Lo Zohar («Libro dello Splendore») è stato tradotto in diversi e consistenti tomi. Esso è molto più pornografico nell'accezione più degenerata, se possibile, del Talmud stesso. Lo Zohar è un testo attendibile. Come il Talmud, esso persegue l'annullamento di tutti i significati letterali della Bibbia. Ciò si realizza in esso per mezzo dell'allegoria. Se i «savi» del Talmud forniscono sempre lo schermo di valore «sublime» al proprio rovesciamento del codice morale biblico, lo Zohar è più subdolamente fuorviante, riducendo l'esistenza a puro naturalismo tramite la propria trasposizione in linguaggio sessuale al fine di deificare l'uomo. Basata su metodi cabalistici, la principale dottrina dello gnosticismo era «l'armonizzazione» degli opposti detta «sincretismo». Per mezzo di essa, il nero può essere benissimo rappresentato come bianco. Che Lucifero si manifesti sempre come un angelo di luce è realtà biblica: «Ciò non fà meraviglia, perché anche Satana si maschera da angelo di luce. Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere» (2 Cor 11, 14-15). La Kabbalah ha gettato le basi dello gnosticismo che ritrova oggi espressione in organizzazioni come la National Conference of Christians and Jews («Conferenza Nazionale degli Ebrei e dei Cristiani»), che inganna l'ignaro pubblico circa la possibilità di una «fratellanza tra Cristo e l'Anticristo». «Lo Zohar, testo di prominenza nella Kabbalah», compare al principio della relativa sezione della Universal Jewish Encyclopedia che asserisce: «Le comunità cabalistiche innalzarono lo Zohar allo stesso rango [...] sul quale veniva posto [...] il Talmud [...]. La lettura di tale testo veniva considerato un dovere spirituale dagli hassidici e dagli ebrei orientali, e alcune sue parti avevano applicazione nella liturgia [...]. Gli insegnamenti dello Zohar costituiscono praticamente una combinazione di tutti gli elementi dell'antica Kabbalah: le dottrine dell'Uomo Primordiale (Adam Kadmon), dei Sefirot, della Creazione e della Mercabah [...], il misticismo delle lettere e dei numeri, con particolare riferimento ai nomi di Dio».

 

zohar talmud the jewish encyclopedia
Lo Zohar Il Talmud Jewish Encyclopedia

 

La Jewish Encyclopedia del 1905 afferma riguardo dello Zohar: «Esso contiene una completa teosofia cabalistica», definendolo «non opera di un singolo autore», nel sottotitolo del quale è menzionata la stretta connessione con l'induismo: «È necessario accertare dove e quando gli ebrei familiarizzarono intimamente con la filosofia induista, la quale più di ogni altra corrente esercitò un'influenza sullo Zohar», ponendo nelle successive pagine ulteriore enfasi a tale similarità. Il sufismo musulmano formulò anch’esso simili dottrine: «Tutte queste sètte possedevano degli scritti sacri che mantenevano nel segreto, e tali scritti costituirono probabilmente il nucleo dello Zohar». Una sezione del libro è descritta come «l'interpretazione mistica delle Scritture per mezzo della [...] Gematria [...], la dottrina della metempsicosi [...], e l'importanza del lavaggio delle mani [...]. Lo Zohar si profonde in ripetuti sforzi nell'imprimere nella mente del lettore il concetto che la narrazione e i precetti della Bibbia contengono verità più elevate del proprio significato letterale». Secondo la Jewish Encyclopedia, lo Zohar nella sua stesura più recente (posteriore al XIII secolo) «si diffuse tra gli ebrei con grande velocità [...], e numerosi rappresentanti dell'ebraismo talmudico iniziarono a considerarlo un testo sacro invocandone l'autorità in decisioni concernenti alcune questioni rituali».

 

l «Glorificazione dellUomo»

 

La stessa Jewish Encyclopedia riporta che gli ebrei «erano attratti dalla glorificazione dell'uomo e dalla dottrina della sua immortalità [...] presenti nello Zohar, che esso dichiarò signore del creato. Difatti, secondo lo Zohar [...], l'uomo influenza il mondo ideale dei Sefirot [...], e nonostante i Sefirot attingano unicamente all'En Sof, quest'ultimo è dipendente dall'uomo». Come precedentemente precisato, l'En Sof è la massa chiamata «Dio», un'essenza autoinfusa priva di intelligenza, sconosciuta e imperscrutabile. La teoria darwinista dell'evoluzione, così come la teoria dell'immanenza di Spinoza, entrambe riconducibili al panteismo, sono simili trasposizioni in chiave moderna delle idee cabalistiche. La Universal Jewish Encyclopedia chiarisce inoltre che quando numerosi teologi e filosofi presero a chiamare le teorie dello Spinoza con il loro nome legittimo - ateismo - i suoi stessi insegnanti di Kabbalah, che erano anche membri del Beth Din (il tribunale della legge talmudica) si affrettarono a scomunicarlo per evitare l'ulteriore insorgere di ostilità alla già impopolare comunità ebraica. Ciò nonostante, proprio da tale momento egli conquistò il titolo di «Spinoza il Benedetto». Ciò gli derivò unicamente dall'aver dato voce alla Kabbalah, la reale culla della fondamentalmente ateistica religione «ebraica» (in realtà babilonese). Karl Marx, egli stesso nipote di un rabbino ebreo, conferì all'En Sof una denominazione ancor più subdolamente criptica - «materialismo dialettico-storico» - mentre il cosiddetto trionfo della rivoluzione marxista alimentata dall'ebraismo fungeva da corona alla folle teoria del salto della vita da germe a pesce, da mammifero a scimmia, e quindi da primate a uomo.

 

l La procreazione e «Dio»

 

Riferisce la Jewish Encyclopedia: «Elementi dello Zohar [...] serpeggiavano nella liturgia del XVI e del XVII secolo [...], le cui caratteristiche salienti erano costituite dalla rappresentazione dei più elevati pensieri umani tramite emblemi dell'umanità e passioni umane, nonché dell'uso di una terminologia erotica nel rappresentare le relazioni tra uomo e Dio, una religione equiparata all'amore [...]. Il piacere dei sensi, e soprattutto l'intossicazione da tale piacere (l'attuale pornodipendenza; N.d.R.), caratterizzano il sommo grado di amore divino come contemplazione estatica, così come la stanza delle libagioni rappresenta unicamente lo stato intermedio del passaggio delle qualità umane in quelle divine e della loro esaltazione». Non vi è nulla di nuovo rispetto ai pagani che consultavano oracoli, indulgevano nel sesso degenerato e nell'ebbrezza al fine di adorare gli antichi dèi della sessualità proprî di tutte le civiltà pagane, nulla che essi non possedessero secoli e secoli prima. Non stupisce che le denunce operate senza parsimonia dai Profeti siano state «allegorizzate» nel nulla! Legate generalmente allo Zohar e alla Kabbalah sono le dottrine della metempsicosi o trasmigrazione delle anime, del culto dei sette pianeti, del Sole, della Luna e dell'indefinito En Sof, ridotte a schema dalle figure dei dieci Sefirot che si spingono oltre e di nuovo indietro verso la massa, l'En Sof, altresì corrispondenti alla figura pagana delle dieci intelligenze aristoteliche (o spiriti «capo» dei corpi celesti).

 

trattato cabalistico sui demoni rabbi aryeh levin - zaddik

A sinistra: trattato cabalistico sulla demonologia. A destra, rabbi Aryeh Levin (1885-1969), uno zaddik di Gerusalemme.

 

 

l Scholem, i talmudisti «divini» e la «santa comunione»

 

Le letture di Ghershom Scholem furono archiviate dall'Institute of Judaism di New York di rabbi Wise come opere contenenti «le maggiori tendenze nel misticismo ebraico», e comparvero nella lista presente in Who's Who in World Jewry come libro di testo della cattedra di misticismo ebraico della Hebrew University di Palestina. Alcuni suoi brani, estratti dall'opera The Zohar: the Book of Splendor 26, rivelano: «Il libro dello Zohar, il più importante lavoro letterario della Kabbalah [...], è un'opera di saggezza segreta». Come il Talmud, che utilizza versetti biblici palesemente inesistenti, lo Zohar utilizza un versetto inesistente per dipingere i talmudisti come divinità: «La Presenza Divina come incarnazione mistica della Comunità d'Israele». Mentre nello stile blasfemo degno del culto del dio Baal, la copula viene definita «santa comunione»: «Dio scelse il popolo d'Israele e nessun altro tra i popoli, e lo insediò sulla Terra in una singola e unica nazione [...]. androgino della kabbalahEgli lo chiamò "nazione unica" [...]. Quando mai "unico" è detto di un uomo? Quando egli è contemporaneamente maschio e femmina 27 [...]. Allora, e solo allora, egli è designato unico senza difetto di sorta [...]. Solo quando il maschio e la femmina sono congiunti essi formano un corpo unico; così come, ci è stato insegnato, un uomo non sposato è, per così dire, diviso in due». Questa è la «santa comunione»... La sezione del libro intitolata «The Rose of Sharon» («La Rosa di Sharon») rappresenta un'altra scena di copula nella quale «la comunità d'Israele è chiamata "Rosa di Sharon"; ciò a causa del suo desiderio di essere irrigata dal fiume profondo [...]. Essa viene chiamata "Rosa" quando è in procinto di giacere con il Re, dopo di che, quando ella si sarà congiunta con lui nei suoi baci, il suo nome diviene "Lily"». Tuttavia, a quanto pare, questo estratto richiede un ulteriore rafforzamento. Affermano i rabbini: «La vera devozione di Israele a Dio, nonché il suo desiderio nei Suoi confronti, rende possibile a queste due anime di convogliare le acque inferiori verso le superiori rinsaldando una relazione perfetta e bramando la dedizione reciproca, onde portare altri frutti. Quando essi aderiscono l'uno all'altra, allora dice la Comunità d'Israele nella grandezza del suo affetto: "Imprimimi come sigillo sul tuo cuore"» 28. Vi è molto altro ancora dello stesso tenore. Con quella costante diversità di dizione caratteristica dei talmudisti, nel saggio di Scholem sullo Zohar Dio viene chiamato «En Sof l'Infinito. Né forma, né nome egli ha, e nessun contenitore esistente può accoglierlo, né egli è commensurabile con altri mezzi» 29. Segue quindi un iniquo attacco al cristianesimo molto comune nel talmudismo. Il nostro «crimine» sarebbe quello di ascrivere l'Intelligenza a Dio e di aver recepito l'insegnamento di Cristo secondo cui Egli è la personificazione del Padre, vero e reale Spirito d'amore: «Chi ha visto me ha visto il Padre» (Gv 14, 9). Afferma lo Zohar: «Guai all'uomo che osasse identificare il Signore con un qualsiasi attributo [...]; men che meno con qualsiasi forma umana esistente [...]. In esso non vi è né attributo, né somiglianza, né forma» 30. Nel saggio di Scholem sullo Zohar si legge ancora: «I nomi e i gradi dell'anima dell’uomo sono tre: "Nefesh" (anima vitale), "Ruah" (spirito) e "Neshamah" (la più interiore delle anime). Queste tre sono comprese l'una nell'altra, ma ognuna ha un'essenza autonoma. Mentre il corpo si decompone nella tomba [...], Nefesh soggiorna con esso, fluttuando di tanto in tanto per questo mondo, recandosi raminga tra i viventi [...]. Ruah si reca nel Giardino dell'Eden terreno [...]. Durante i sabbath, gli equinozi e nelle ricorrenze festive, essa scende alla sfera celeste [...], ma Neshamah ascende per prima al suo posto nel dominio dal quale essa è stata emanata [...]. Quando i figli dell'uomo [...] si recano alle tombe di coloro che sono dipartiti, allora Nefesh si risveglia, corre a rinvigorire Ruah che infine desta [...] Neshamah» 31.

 

l La Kabbalah e il mondo

 

Il mondo è esplicato da uno scritto rappresentante tre triadi copulanti - maschio, femmina e progenie - ai quali sono associati nomi fantastici. L'En Sof che li circonda è l'essenza divina che è «infusa» attraverso queste tre entità per poi tornare a sé stessa. Secondo la Kabbalah, Dio sarebbe privo d'intelligenza. Letteralmente: «Dio è l'infinito e illimitato essere al quale niente e nessuno potrà mai ascrivere alcun attributo; colui che potrà perciò essere denominato semplicemente l'En Sof "senza fine"» 32. Descrivendo i dieci Sefirot, che includono le tre triadi generatrici, la stessa fonte denomina «Yesod ("fondamenta") l'elemento riproduttivo, la radice dell'intera esistenza» 33. Alla voce «Kabbalah», la Universal Jewish Encyclopedia del 1943 enfatizza lo stesso concetto: «Ma l'En Sof, essendo illimitato, non può divenire il creatore diretto, non avendo né volontà, né intenzione, né desiderio, né pensiero, né linguaggio, né azione, né attributi che appartengono ad esseri finiti» 34.

 

l Metatron

 

Metatron è il principe di questo mondo, il «demiurgo» del Talmud e della Kabbalah. Secondo la Jewish Encyclopedia (voce «Metatron»), egli è l'equivalente del dio persiano del Sole Mithra. Con un dio ridotto ad ammasso protomorfico, privo di attributi, qualcuno deve pur rivestire il ruolo di regnante, e Metatron (Mithra) serve all'uopo. Il Talmud arriva talvolta quasi a ridicolizzare l'En Sof associandogli caratteristiche comiche come grandi piedi o il tuffarsi nei mari assieme ai pesci, o l'insegnare la Toràh ai bambini morti per un quarto della giornata. Metatron insegna loro per ben tre quarti! Quest'ultimo dettaglio, come pure riportato nel Talmud 35, è menzionato nella Jewish Encyclopedia alla voce «Metatron», assieme al suo essere «Signore di tutti i guardiani celesti, di tutti i tesori e di tutti i segreti». Lo Zohar definisce la sua natura con la precisa asserzione che egli siede appena al di sotto di Dio. Non solo viene qui identificato con il «Mithra zoroastriano», il dio Sole, ma è possibile renderlo visibile tramite incantesimi, droghe e «mediante altri mezzi», similmente al «demiurgo». Alla voce «Mercabah», la Jewish Encyclopedia descrive i rituali spiritistici di Mithra dedicati a «Metatron», le lettere del cui nome possono essere aggiunte a quelle della parola «Sheddai» (Dio). I non-ebrei, ignari di ciò, non sanno che l'uso delle lettere per ottenere cifre numerologiche è una pratica preponderante nell'odierno ebraismo, così come al tempo di Cristo.

 

l Le lettere crearono il mondo, non Dio

 

Si noti l'affermazione presente nella Jewish Encyclopedia 36 per la quale attraverso la Kabbalah «ci si può rendere maestri della Creazione», un'idea luciferina. Si possono inoltre immolare bestie selvatiche al fine di «diffondere il terrore per il mondo». La stessa Jewish Encyclopedia 37 ci fà sapere che le lettere dell'alfabeto ebraico, specialmente le quattro consonanti della parola Yahwéh, il Tetragramma, possiedono un potere magico, tant'è che queste crearono il mondo! Si legge che quest'idea «nacque presumibilmente in Caldea», (Babilonia). Che i rabbini avessero creato un vitello terzogenito e se ne fossero cibati è riportato nel Talmud 38. Il passo compare nel Talmud 39.

 

dio creatore

«E Dio disse: "Sia fatta la luce", e la luce fu» (Gn 1, 3).

 

l La Kabbalah esalta gli ebrei

 

La Kabbalah, afferma la Jewish Encyclopedia, conferisce la posizione di vertice della condizione umana «allo stile di vita autenticamente ebraico, quello cioè legato all'ebraismo talmudico [...]. Nella Kabbalah, l'ebreo è riconosciuto come l'Uomo. Nonostante il colorito repertorio della sua metafisica, la Kabbalah non tenta mai di minimizzare l'importanza dell'ebraismo storico, ma al contrario la enfatizza [...]. I cabalisti hanno sviluppato a fondo la magia ebraica» 40. «La demonologia, perciò, occupa un ruolo di rilievo nell'opera di molti cabalisti [...]. Molti altri cabalisti svilupparono le proprie teorie sulla dissociazione, sulla negromanzia e sull'esorcismo. L'Astrologia venne legittimata e la bibliomanzia trovò la sua giustificazione nell'asserzione che le sacre lettere ebraiche non sono le uniche con tali doti. Con questa ancestrale visione pagana del compendio della natura come divinità nella quale l'uomo è creatore, meri strumenti di rappresentazione delle cose come i caratteri della scrittura divengono strumento di controllo di poteri divini attraverso i quali poter sottomettere la natura» 41.

 

l La Kabbalah: il Sefer Raziel

 

sefer razielIn ebraico, sefer significa «libro». Il Sefer Raziel, ossia il «Libro dei Segreti», è un «antico testo cabalistico». Il solito pretesto per definire «ebraiche» certe pratiche pagane consiste nell'attribuire ad esse la derivazione da qualche antico patriarca come Abramo, che essendo deceduto da secoli è impossibilitato a confermare o a smentire tali attribuzioni. Quella in questione è ricollegata a Noè, Abramo, Shem e ad altri ancora. Tuttavia, lo spiritismo ravvisabile in questa pratica è antico quanto gli stessi «filosofi» pagani. «Il libro contiene la tradizione mistica sulle lettere dell'alfabeto [...], nonché varie formule magiche e amuleti» 42. «Dal Talmud [...] apprendiamo che l'alfabeto gioca un ruolo importante nella creazione del mondo [...]. Il "Sefer Raziel" afferma che Adamo ricavò le lettere dall'aspetto degli angeli decaduti (i demoni), dall'Aleph al Tav. Ogni angelo dovrebbe comparire non appena il proprio nome viene composto [...]. Bezalel, il costruttore del Tabernacolo, conosceva il modo di combinare le lettere per mezzo delle quali il cielo e la terra furono creati» 43. Nonostante la Bibbia dica di Bezalel semplicemente che sia stato un lavoratore ispirato a servire Dio nella sua opera di compimento del Tabernacolo, il Talmud lo rende un evocatore di demoni, nonché un grande intellettuale del quale Mosè era geloso 44. La Universal Jewish Encyclopedia riporta alla voce «Alfabeto»: «Le lettere più importanti dell'alfabeto sono naturalmente quelle che compongono il Tetragramma o nome di Dio: Y-H-W-H (o W-H). Questa parola non dev'essere pronunciata com'è scritta, ma dev'essere letta "Adonai", "Signore"; ogni lettera ha un potere speciale [...]. La credenza nel potere della parola era comune a tutte le religioni antiche. A tal proposito, i platonici possedevano nozioni sull'influenza degli anagrammi composti dai nomi delle persone [...]. Nel Talmud [...] vi sono molti passi che indicano la familiarità dei rabbini con i vari metodi di trasformazione delle lettere dell'alfabeto [...]. Il primo era quello dei codici 45 [...]. Il secondo [...] consisteva nell'anagrammare le lettere di una parola fino ad ottenere un nuovo termine. Il terzo era la Gematria, basata sul valore numerico delle lettere. Il quarto era il Notarikon, che utilizzava ogni lettera di una determinata parola come iniziale di un'altra parola, reinterpretandola in funzione mistica». L'alfabeto dei cabalisti è diagrammato.

 

l La Kabbalah: il Sefer Yetzirah

 

Il Sefer Yetzirah, o «Libro della Creazione», è un altro compendio di pratiche spiritistiche della Kabbalah originario della Caldea o di Babilonia. Ecco cosa afferma la Jewish Encyclopedia alla voce «Kabbalah»: «La credenza nel potere magico delle lettere del Tetragramma e di altri nomi di Dio [...] pare sia originaria della Caldea [...]. La Kabbalah teurgica [...], sotto la denominazione di Sefer (o "Hilkot") Yezirah, riferisce di una pratica che consentì ai rabbini babilonesi del IVsefer yetzirah secolo di "creare magicamente un vitello"» 46. I riti della Mercabah, ispirati dall'uso di droghe, di incantesimi, ecc..., erano destinati al dio del Sole (Mithra), chiamato nel talmudismo «Metatron», Principe del Mondo. Chiunque sia familiare con la descrizione di Isaia dell'Anticristo e dell'ascesa del governo di Babilonia sul mondo (Is 14), rimane impietrito dalle seguenti parole riguardanti l'abilità di divenire maestri della creazione per mezzo del Sefer Yetzirah, piegando gli spiriti dell'al di là all'obbedienza e ottenendo da essi di essere innalzati alla conoscenza e al potere attraverso le pratiche cabalistiche. La Jewish Encyclopedia riferisce: «"La Kabbalah pratica" o l'arte dell'impiego della sapienza del mondo occulto onde perseguire i proprî propositi, si fonda sul misticismo approfondito nel Sefer Yetzirah. Secondo questo testo, Dio creò il mondo per mezzo delle lettere dell'alfabeto che egli combinò nei modi più vari. Se si apprendono queste combinazioni e le permutazioni applicandole nel posto e nel momento giusti, si può divenire con facilità maestri della creazione» 47. Segue la ridicola affermazione che «tutte queste formule proclamano il monoteismo». Si noti nella stessa sezione della Jewish Encyclopedia che per mezzo della scrittura di amuleti demoniaci su di un feto, ossia su di una creatura non ancora nata, l'evocazione di demoni può essere operata con maggiore successo. Con il termine «monoteismo» i talmudisti intendono propriamente il «panteismo», ossia il concetto pagano secondo cui il compendio di tutta la natura è Dio, una sconosciuta e imperscrutabile massa di essenza, spirituale o materiale, della quale l'Universo è composto, epurando la figura del Dio «antropomorfico» della Bibbia che i farisei hanno orgogliosamente ripudiato, trasferendo tutti i poteri ad esso attribuiti a «potenze di intermediazione»; sì, proprio quelle che ospitano gli spiriti degli déi pagani dei quali Metatron, il dio Sole, è l'attuale capo. Platone (428-348 a.C.), Pitagora e i pagani, tra i quali i Profeti a lungo fecero proseliti molti secoli prima di Cristo, possedevano la stessa visione «monoteistica» del mondo qui menzionata, nel quale essi, come «superuomini», potevano innalzarsi a «maestri della creazione» e dittatori del popolo. Spogliato dei suoi inganni e delle sue falsità, non ritroviamo nulla di monoteistico nel giudaismo talmudico, né si riscontra in esso una qualsiasi comunanza con il cristianesimo, al quale pare irrimediabilmente e diametralmente opposto.

 

banner centro culturale san giorgio

 

Note

 

1 Traduzione dall'originale inglese di un estratto (pagg. 34-37) dell'opera The Jewish Religion: Its Influence Today («La religione ebraica: la sua influenza odierna»), a cura di Piero Pisani. Scritto reperibile alla pagina web

http://www.come-and-hear.com/dilling/chapt06.html

L'intero scritto della Dilling, di cui presentiamo solo queste pagine, è un'opera scientifica corredata da moltissime note e da trecentodieci fotocopie visualizzabili dei testi originali ebraici citati.

2 Cfr. Is 14, 12-19; Dn 11, 36-38; Mt 24, 15; Mc 13, 14.

3 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, pag. 616.

4 Schocken Books, New York 1946.

5 Pag. 349.

6 Cfr. 2 Ts 2, 9.

7 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, pag. 240.

8 Cfr. Jewish Encyclopedia, voce «Kabbalah», pag. 472.

9 Ibid., pag. 465.

10 Ibid.

11 Ibid., pag. 476.

12 Ibid., pag. 475.

13 Ibid.

14 Tale teoria la si ritrova nel processo triadico di tesi, antitesi e sintesi dell'idealismo hegeliano, e nel concetto di «progresso» proprio del materialismo dialettico-storico di Karl Marx (N.d.A).

15 Cfr. Jewish Encyclopedia, voce «I Dieci Sefirot».

16 George Routledge & Sons, Londra 1925.

17 Perciò si smentirebbe l'intera impostazione biblica basata sulla volontà, sul pensiero, sull'azione e sull'intelligenza di Dio (N.d.A.).

18 Visione alquanto riduttiva dell'originale concetto di Divinità (N.d.A.).

19 Ciò non è nient'altro che il nirvana induista, definito da Nesta Webster (1876-1960) come «l'estinzione dell'esistenza individuale tramite l'assorbimento dell'anima in un'entità spirituale suprema» (N.d.A.).

20 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, pag. 474.

21 La Christian Science è un movimento religioso fondato nel 1879 negli Stati Uniti d'America da Mary Baker Eddy (1821-1910). D'obbedienza protestante non trinitaria, si dà per missione di ripristinare il cristianesimo primitivo e il suo elemento perduto di guarigione. La chiesa madre di questo movimento, la Prima chiesa di Cristo, Scientista, ha la sua sede centrale a Boston (Stati Uniti) e conta alcune centinaia di migliaia di seguaci, soprattutto in questo Paese (N.d.R.).

22 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, pag. 477.

23 Ibid., pag. 620.

24 Cfr. Jewish Encyclopedia, voce «Kabbalah», pag. 479.

25 Cfr. American International Encyclopedia, voce «Kali».

26 Schocken Books, 1949.

27 Chiara allusione all'Androgino Primitivo della Kabbalah. Secondo quest'ultima, all'inizio della Creazione Adamo era «perfetto», e quindi dotato di entrambi i sessi. Solo successivamente Dio avrebbe creato Eva come essere distinto e separato da Adamo (N.d.R.).

28 Cfr. The Zohar: the Book of Splendor, pagg. 69-70.

29 Ibid., pag. 79.

30 Ibid., pag. 78.

31 Ibid., pagg. 96-97.

32 Cfr. Jewish Encyclopedia, voce «Kabbalah», pag. 472.

33 Ibid., pag. 475.

34 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, pag. 619.

35 Cfr. Abodah Zara 3b.

36 Cfr. Jewish Encyclopedia, pag. 584.

37 Ibid., pag. 458.

38 Cfr. Sanhedrin 67b.

39 Ibid. Anche la demonologia è citata nello stesso trattato. Si leggano anche i relativi passi nella Jewish Encyclopedia (pagg. 549, 681, 682).

40 Cfr. Jewish Encyclopedia, pag. 478.

41 Ibid., pag. 479.

42 Cfr. Universal Jewish Encyclopedia, voce «Sefer Raziel».

43 Cfr. Berechoth 55a; Universal Jewish Encyclopedia, voce «Alfabeto».

44 La Bibbia menziona Bezalel nei seguenti passi: Es 31, 2; 35, 30; 36, 1-2; 37, 1; 38, 22; 1 Cr 2, 20; 1, 5.

45 Il codice Atbash descrive l’uso dell'ultima lettera al posto della prima.

46 Cfr. Sanhedrin 65b, 67b.

47 Cfr. Jewish Encyclopedia, pag. 568.

 

home page