titolo marilyn mason e aleister crowley

postato: 7 marzo 2012

Ultima modifica: 2 aprile 2013

 

marilyn manson e aleister crowley

 

Più si gratta la superficie del mondo musicale e più si scoprono continui riferimenti all'occultismo. All'interno di questo contesto, la sfera d'influenza di Crowley appare sempre più vasta. Molti pensano che si tratti solamente di una moda. Ma le mode, si sa, sono passeggere e finiscono in fretta. Qui invece ci troviamo di fronte ad un fenomeno che si protrae ininterrottamente da oltre quarant'anni. Dai Beatles ai nostri giorni, uno stuolo infinito di musicisti ha venerato e mostrato devozione per la Grande Bestia 666, il profeta del satanismo moderno. Anche Marilyn Manson non è sfuggito al fascino sinistro di questo santone, che dopo la sua morte è andato ad occupare un posto di rilievo nella subcultura occidentale moderna ed è divenuto un punto di riferimento per un numero crescente di ammiratori alla ricerca dell'illuminazione diabolica.

 

 

Il mago nero inglese Aleister Crowley (1875-1947) è stato definito da molti (anche nel suo necrologio) come «l'uomo più perverso che sia mai esistito». Egli è stato uno dei poeti, degli scrittori e dei filosofi più prolifici del XX secolo, e ha sviluppato un proprio sistema magico. Anche il termine popolare magick venne coniato da Aleister Crowley per differenziare la «magia» fasulla da palcoscenico dalla vera magia, ossia quella che si esercita quando un individuo usa la propria Volontà per realizzare e causare un cambiamento nel mondo.

 

Crowley resta tuttora una delle figure più incomprese ed enigmatiche della Storia (in un certo qual senso come Marilyn Manson). A causa del fatto che nella sua filosofia e nel suo sistema di credenze non esistono le due dimensioni bene-male, buono-cattivo, nero-bianco, Dio-Satana, egli è stato ritenuto da molti come un satanista.

 

All'inizio del Novecento, Crowley assunse il comando dell'Ordo Templi Orientis, una sètta in cui si praticavano vari tipi di magia e di filosofia come la Kabbalah Ermetica, il misticismo combinato con l'Alchimia, con la mitologia egizia e, più notoriamente, con la magia sessuale (sex magick) 1.

 

marilyn manson come gesù cristo

 

Egli racchiuse tutta la propria filosofia di vita nel celebre motto magico Do What Thou Wilt, vale a dire «Fà ciò che ti piace». Nel suo brano Misery Machine, incluso nell'album Portrait of an American Family (Nothing/Interscope 1994), la rockstar Marilyn Manson canta parafrasando questa massima: «Do what I will, I will hurry there, there»Fare ciò che voglio, lo voglio in fretta qui, qui»). Sempre nello stesso pezzo, Manson canta: «We're gonna ride to the Abbey of Thelema, to the Abbey of Thelema»Stiamo andando all'Abbazia di Thélema, all'Abbazia di Thélema»).

 

Nell'aprile del 1920, Crowley si era recato a Cefalù, una piccola località posta nei pressi di Palermo, dove vi aveva fondato la famosa «Abbazia di Thélema», un'abitazione composta da cinque stanze, con l'intenzione di installarvi la prima comunità che vivesse secondo i principî della religione da lui fondata e dove egli avrebbe potuto istruire nella magia sessuale i proprî adepti. Le voci insistenti sugli strani riti che si compivano in quella casa indussero le autorità del regime fascista ad espellere Crowley nel settembre del 1924.

 

Il volto di Crowley, appare insieme a quello di altre celebrità sulla cover del famoso album dei Beatles Sgt. Peppers Lonely Hearts Club Band (Parlophone 1967). Nel 1992, gli Spooky Kids, il primo gruppo di Marilyn Manson, hanno stampato un volantino in occasione di un concerto, molto somigliante alla succitata copertina dei Beatles e in cui appare in primo piano il celebre mago inglese (indicato dalla freccia). Nel disegno, è possibile distinguere anche il volto di Anton Szandor LaVey (1930-1997), fondatore della Church of Satan (di cui Manson è diventato «reverendo»), di Marilyn Monroe e dei serial Killer Ted Bundy e David Berkowitz.

 

sgt. pepper’s lonely hearts club band - beatles - aleister crowley

 

 Manson è stato attratto dalle diverse abilità di Aleister Crowley già fin da Portrait of an American Family. Thélema è la pietra angolare della filosofia di Crowley e del suo sistema magico, la Legge di Thélema. Thélema è una parola greca che significa sia «Amore» che «Volontà». Come abbiamo visto, la Legge di Thelema è «Fà ciò che vuoi sarà tutta la Legge. L'Amore è la Legge, l'Amore sotto la Volontà», il che significa che, per Crowley, un individuo che vive seguendo questo codice può esercitare la sua Vera Volontà; ognuno di noi è stato posto su questa Terra per portare a termine questo compito, unico e individuale.

 

Chiunque sia interessato a Crowley, a Thélema, all'Ordo Templi Orientis, alla Vera Volontà e alla sua magia trarrebbe grandemente profitto e informazioni leggendo il suo romanzo del 1922 Diary Of A Drug Fiend («Diario di un fanatico della droga»). Si tratta di un libro poetico che delinea la filosofia di Crowley e insegna ad usare la propria Vera Volontà per superare le difficoltà della vita, che nel romanzo sono metaforicamente rappresentate dalla cocaina e dall'eroina 2.

 

Questo libro ci porta ad un altro parallelo tra Marilyn Manson e Crowley rappresentato da Diary Of A Dope Fiend («Diario di un morfinomane»), una canzone contenuta nell'EP Smells Like Children (Nothing/Interscope 1995), che è un gioco di parole e una deliberata manipolazione del titolo del succitato romanzo di Crowley.

 

diary of a drug fiend - aleister crowley smells like children - marilyn manson
Diary Of A Drug Fiend Diary Of A Dope Fiend

 

 Oltre a questo, esistono numerosi riferimenti e paralleli ad Aleister Crowley anche più espliciti.

  • Durante la performance di The Death Song, in occasione del Guns, God & Government Tour, inserito all'interno dell'Ozzfest 2001, nella raccolta di volti celebri che balenavano sullo schermo alle spalle di Marilyn, oltre a Lenin, a Martin Luther King, a Hitler, a James Dean e a John Lennon, è apparso il ritratto più famoso e insidioso di Crowley (vedi foto sotto).

foto di crowley proiettata durante l'ozzfest

 

  • Il libro più famoso di Crowley è il Liber Al Vel Legis (The Book of Law), che illustra la Legge di Thélema e annuncia l'avvento del nuovo Eone, l'Era di Horus, che Marilyn Manson ha citato in un suo messaggio pubblicato sul suo sito ufficiale.

  • «When you are suffering know that I have betrayed you» («Quando stai soffrendo sappi che ti ho tradito»). Queste parole, che aprono e chiudono l'album Antichrist Superstar (Nothing/Interscope 1996), sono un adattamento di una frase di The Book of Law (cap. 2, vers. 56): «Begone! ye mocker; even though ye laugh in my honour ye shall laugh not long: then when you are sad know that I have forsaken you» («Andatevene via denigratori! Sebbene ridiate in mio onore, non riderete a lungo: poi quando sarete tristi sappiate che siete stati abbandonati»).

  • «I never really hated the one true God but the God of the people I hated» («Non ho mai odiato l'unico vero Dio, ma ho odiato il Dio della gente»). Questa sorta di confessione cantata da Marilyn Manson in Disposable Teens («Adolescenti disponibili»), il primo singolo dopo la pubblicazione di Holy Wood (Nothing/Interscope 2000), è un riferimento diretto ad un'affermazione che Crowley fece nella sua autobiografia (o «autoagiografia» come la chiama Crowley stesso, ossia la «vita di un santo») The Confessions Of Aleister Crowley (1943): «I did not hate God or Christ, but merely the God and Christ of the people whom I hated» («Io non ho odiato Dio o Cristo, ma è stato soltanto il Dio e il Cristo della gente che ho odiato»). Queste righe furono scritte in un momento della vita di Crowley in cui, nonostante la sua disillusione circa il cristianesimo, egli pensava che l'odio sarebbe stato in disaccordo con sua spiritualità, nella quale poteva apprezzare la spiritualità di «Dio» a modo suo, e non come fanno quelli che, secondo il mago, pervertirebbero la religione. Questo pensiero è molto simile al punto di vista che Marilyn Manson esprime in Holy Wood, ossia il fatto che benché la maggioranza delle persone abbia pervertito e imbastardito la religione e la spiritualità attraverso la «piaga» del cristianesimo, ciò non dovrebbe impedire a nessuno di avvicinarsi a questa realtà.

 

liber al vel legis - the book of law - aleister crowley the confessions of aleister crowley disposable teens - marilyn manson
The Book of Law The Confessions Disposable Teens
  • Ma questo non è l'unico accenno a Crowley presente in questo CD. Infatti, il titolo stesso dell'album - Holy WoodLegno Santo») - proviene da una poesia del mago britannico intitolata Aha, così come appare stampata nel libro sulla Kabbakah The Tree Of Life («L'Albero della Vita»; 1932), del suo segretario Israel Regardie (1907-1985), e che è un messaggio del suo «Santo Angelo Custode» (Aiwass), un contatto che, nel sistema magico di Crowley, è considerato come il più divino e il più avanzato. Eccone un estratto:

«...Choose tenderley
A place for thine academy.
Let there be an holy wood...»

...Scegli affettuosamente

un luogo per la tua accademia.

Ci sia un legno santo...

 

L'album Holy Wood contiene inoltre una reinterpretazione grafica di Marilyn Manson del mazzo dei Tarocchi (vedi foto sotto). Sappiamo che questo argomento era caro anche a Crowley, il quale ha fatto stampare una propria versione degli Arcani Maggiori accompagnata da un libro. Parlando di un particolare Tarocco, il magus scrive:

 

«La formula di questa carta è l'apprezzamento completo di tutte le cose esistenti. Essa si allieta nell'aspro e nello sterile non meno che nel liscio e nel fertile. Tutte le cose la esaltano allo stesso modo. Essa rappresenta la scoperta dell'estasi in ogni fenomeno, anche se naturalmente ripugnante» 3.

 

i tarocchi di holy wood

  • Il fascino per l'occulto e per il Maestro Therion di Marilyn Manson è testimoniato anche dall'intro sonora del suo sito ufficiale (udibile per i visitatori nel periodo 2006-2008). Trattasi di una delle rare incisioni audio esistenti della voce di Aleister Crowley mentre recita The Call of the First Æthyr (versione enochiana).

Scarica o ascolta

questo file audio

kb 900

  • Un'altra chiara allusione a Crowley, e specificamente alla magia enochiana, si trova sul retro della cover di Holy Wood, in cui un Manson senza mandibola è raffigurato come un santo in cui l'aureola è stata sostituita dal Sigillum Dei Æmeth, un simbolo che proviene da Edward Kelly (1555-1597) e da John Dee (1527-1608), due occultisti vissuti nel XVI secolo che lavorarono insieme per gettare le fondamenta, attraverso l'aiuto di spiriti-guida, del sistema enochiano, considerato da molti occultisti come una delle forme più potenti di magia.

holy wood back cover sigillum dei aemeth
Retro di Holy Wood Sigillum Dei Æmeth

 

L'Eptagramma che forma il Sigillum Dei Æmeth è un altro simbolo occulto utilizzato da Crowley. Lo ritroviamo, ad esempio, nel sigillo dell'Argentium Astrum (A\A\), l'Ordine fondato dal mago nel 1907. Anche Manson ha utilizzato questa Stella a sette punte nella mappa del suo sito ufficiale all'epoca di Holy Wood.

 

argentium astrum - silver star - aleister crowley eptagramma - mappa sito marilyn manson
Argentium Astrum Mappa del sito di Manson


  • Quella che vedete sopra è una schermata del menù del DVD Lest We Forget Video Collection (2004). Manson sta uscendo dall'acqua proprio come la Bestia che sorge dal mare, com'è descritto nel Libro dell'Apocalisse (Ap 13). La corona di spine e i tre chiodi (presi da una maglietta di Manson del 1997) sono stati usati per rappresentare in cui venne assassinato Gesù Cristo.

  • è interessante notare che la posizione invertita dei chiodi (che rappresenta l'Anticristo), rispetto a quella tradizionalmente usata, forma la lettera «K» nell'alfabeto di Pugnali. Quest'ultimo è apparso nel libro di Aleister Crowley The Vision And The Voice, che venne pubblicate nel quinto numero della rivista The Equinox (1911).

lest we forget video collection - alfabeto dei pugnali

 

Alla fine degli anni '90, Manson ha postato sul suo sito ufficiale alcuni messaggi di un certo interesse. Il primo è del 29 luglio 1999 e parla dell'avvento dell'Età di Horus inaugurata dal Liber Legis (1904):

 

«Anche Cristo non si ucciderebbe per questa America pietosa che si nasconde dietro i "valori cristiani" [...]. È ora che il loro mondo venga distrutto. È giunta un nuova era, l'Era di Horus. È venuto il tempo per un nuovo standard, per una nuova tela, e per un nuovo artista. Dobbiamo dimenticare questo generazione inutile e amputarla prima che la nostra mente marcisca con essa. Dipingetelo, registratelo, scrivetelo prima che essi vi uccidano con la loro stupidità lenta e velenosa. Fatevi sentire. Internet è il vostro dito medio nell'Universo; non permettete che essi lo rompano. Si fotta il loro mondo. Costruiamo il nostro. La terza e finale Bestia. Marilyn Manson». Il secondo post è del 16 novembre 1999: «Quando giungiamo all'età della ragione, l'Era di Horus, non possiamo più essere ciò che i nostri "genitori", il nostro "dio" o la nostra "società" vorrebbero che noi fossimo. Maturità, sensibilità, ribellione, 15. Questo è ciò che accade quando cadiamo. Questo è Lucifero» 4.

 
la mia lunga strada dall'inferno - marilyn manson aleister crowley

Il 9º capitolo dell'autobiografia di Marilyn Manson La mia lunga strada dall'inferno, (Sperling & Kupfer, 1999, pag. 129), si apre con il motto del mago nero Crowley.

 


banner centro culturale san giorgio

 

Note

 

1 Per la realizzazione di questo articolo abbiamo ampiamente attinto alla pagina web

http://www.nachtkabarett.com/theOccult/AleisterCrowley

presente nel sito Nachtkbarett curato da Nick Kushner.

2 Peccato che nostante Thélema e la magia, Crowley non sia mai riuscito a liberarsi della tossicodipendenza...

3 Cfr. R. Cavendish, The Tarot («Il Tarocco»), Michael Joseph Ltd, 1975.

4 Il numero 15 è un riferimento alla Numerolgia, la scienza occulta cui Manson ha attinto all'epoca di Antichrist Superstar.

 

home page