titolo aleister crowley, peaches geldof e la cultura popolare

di Jonas E. Alexis 1

 

postato: 3 settembre 2015

 

crowley - peaches geldof - oto

 

 

«Sono interessato a qualsiasi cosa che riguardi la rivolta, il disordine e il caos, e specialmente a quelle attività che sembrano non avere alcun significato».

 

- Jim Morrison dei Doors

(cfr. G. Lachman, Aleister Crowley: Magick, Rock and Roll, and the Wickedest Man in the World, Penguin, New York 2014, pag. 330).

 

Dal 2013 al 2014, i quotidiani The Daily Mail e The Guardian hanno pubblicato una serie di articoli stupefacenti che avrebbero dovuto far riflettere il lettore più attento. In essi, si affermava che Peaches Geldof, nata Geldof-Cohen, figlia del famoso rocker Bob Geldof, era diventata «una seguace dell'Ordo Templi Orientis, noto anche come OTO, tanto che si è fatta tatuare queste lettere sul suo avambraccio sinistro». Il Daily Mail proseguiva scrivendo:

 

jay-z - do what thou wilt«Il motto di Crowley - perpetuato dall'OTO - era "Do what thou wilt" ("Fa ciò che vuoi"). É questo approccio individualistico che ha esercitato un fascino durevole presso diversi artisti e celebrità, di cui Peaches non è che l'ultima di in una lunga lista. Ad esempio, Jimmy Page dei Led Zeppelin prendeva solitamente parte a rituali occulti, ed è stato così intrigato da Crowley da acquistarne la prima casa, la Boleskine House, sulle rive del Loch Ness, in Scozia. Attualmente, ci sono Logge dell'OTO sparse in tutto il Paese in cui si praticano gli stessi riti cerimoniali e si diffonde la parola di Crowley. Nonostante l'appartenenza a questa sètta sia mantenuta segreta, si dice che Peaches sia stata iniziata in essa, aumentando così le probabilità che molti dei suoi fans più impressionabili potrebbero sentirsi tentati di fare lo stesso. Infatti, quando una delle sue follower su Twitter le ha chiesto come saperne di più su Thelema - un'altra parola derivante dagli insegnamenti di Crowley - Peaches le ha consigliato di leggere i libri del mago che essa ha descritto come "super interessanti". Tra le altre celebrità collegate all'OTO ricordiamo il rapper Jay-Z, che ha ripetutamente attinto linguaggio e citazioni dall'opera di Crowley. Indossando una maglietta su cui era stampato il motto "Do what thou wilt" o pagando Rihanna affinché tenesse in alto una torcia fiammeggiante in un suo video musicale (un riferimento agli Illuminati, una società segreta il cui nome sembra apparentemente derivare "Lucifero", o "portatore di Luce"), Jay-Z ha fornito alla sètta una pubblicità impagabile» 2.

 

peaches geldof - ordo templi orientis oto

Peaches Geldof si è fatta tatuare sull'avambraccio destro la sigla

dell'Ordo Templi Orientis (OTO) all'interno di un cuore.

 

Il Daily Mail ha riportato altrove che la Geldof incoraggiava

 

«le sue decine di migliaia di followers su Twitter a documentarsi sul famoso culto OTO. Essa sta raccomandando la lettura dei libri controversi scritti dall'abietto occultista Aleister Crowley [...]. Attualmente, Miss Geldof sta incoraggiandola i suoi 148.302 followers su Twitter ad acquistare la discussa letteratura di Crowley, compreso il "Libro della Legge", dopo che uno dei suoi fans le ha chiesto: "Dove posso trovare maggiori informazioni su Thelema"? Lei ha risposto: "Io comprerei i libri di Aleister Crowley; non sono costosi  e sono super interessanti". Peaches si è occupata anche di Scientology, e ora ha detto di essersi convertita al giudaismo, la religione di suo marito, il musicista Thomas Cohen» 3.

 

La madre di Peaches, Paula Yates (1959-2000), è morta nel 2000 a soli quarantun'anni a causa dell'eroina. Peaches ha seguito un percorso simile a quello della madre morendo l'anno scorso (2014) all'età di venticinque anni. La sua overdose di eroina era

 

«dieci volte superiore di quella che ha ucciso sua madre. Eroina nascosta, cucchiai bruciati e circa ottanta siringhe sono stati rinvenuti nella vecchia casa di paese della modella britannica. Suo marito, di ritorno da un fine-settimana, ha trovato il suo cadavere accasciato sul letto, ricoperto di fori di ago. Una siringa usata è stata rinvenuta in una scatola per dolci vicino al suo corpo e un paio di collant annodati era stato apparentemente usato come laccio emostatico» 4.

 

bob geldof

thomas cohen

paula yates

Bob Geldof Thomas Cohen Paula Yates

 

Anche la guida spirituale di Peaches, Aleister Crowley, era un tossicodipendente ambulante ed è morto miseramente. Il Daily Mail non ha esitato ad affermare che

 

«Crowley, che si era auto-proclamato come "la Grande Bestia 666" e che venne definito dalla stampa dell'epoca come "l'uomo più malvagio del mondo", si dilettava officiando riti sessuali sadomasochistici con uomini e donne, e consumando droghe pesanti, incluso l'oppio, la cocaina, l'eroina e la mescalina» 5.

 

Nel marzo dell'anno scorso,

 

«Peaches ha postato una fotografia del libro di Crowley "Magick: In Theory And Practice", lodando l'autore come "un magnifico scrittore e pensatore". Uno dei libri (di Crowley), "The Diary Of A Drug Fiend", era fra quelli fotografati nello scaffale dei libri di Peaches» 6.

 

scaffale libreria peaches geldof

Sopra: fotografia dello scaffale dei libri di Peaches Geldof postata da lei stessa su Twitter.

Oltre a varie opere di Crowley, che abbiamo evidenziato, ci sono anche libri sulla Kabbalah e sull'occulto.

 

Le domande che dovrebbero porsi i lettori del Daily Mail sono semplicemente queste: cosa insegnava Aleister Crowley ai suoi seguaci? Perché mai giovani e devoti discepoli come la Geldof scelgono di buon grado di immergersi nell'Ordo Templi Orientis e negli scritti di un individuo che era, secondo la stampa britannica, «l'uomo più malvagio del mondo» e «un uomo che ci piacerebbe di impiccare»? 7.

 

Bene, forse c'è molto di più su Aleister Crowley di quanto colgano l'occhio e l'orecchio. Hugh B. Urban, dell'Ohio State University, sostiene che «se c'é una figura con cui la pratica della magia sessuale viene generalmente associata nell'immaginario moderno, essa è certamente quella di Aleister Crowley» 8. Ciò è assolutamente vero. Crowley crebbe nella sètta protestante dei Plymouth Brethren, ma la abbandonò per lanciarsi in quell'oscura impresa nota come magia sessuale. Questa tenebrosa attività dominò gran parte della sua vita. Ma Crowley non era affatto da solo. Urban scrive che

 

«da D. H. Lawrence e Oscar Wilde ad Havelock Ellis, molti intellettuali britannici si sono liberati dai vincoli sessuali dei loro genitori vittoriani e hanno abbracciato un nuovo ideale di liberazione erotica, inclusi gli atti più "devianti" e "anormali" come la masturbazione e i rapporti omosessuali» 9.

 

Lo stesso Crowley affermò:

 

«A dire il vero, la mia perdita dalla grazia non fu causata da nausee intellettuali; avevo accettato la teologia dei Plymouth Brethren. In effetti, riuscivo a stento a concepire l'esistenza di persone di cui dubitavo. Semplicemente mi misi dalla parte di Satana, e tuttora non so dirvi il perché» 10.

 

Crowley era un nipote dell'era vittoriana, ed era piuttosto felice di potersi liberare da quell'ambiente. Per farlo, Crowley «rivendicò il suo senso d'indipendenza e di ribellione contro il fanatismo religioso della sua famiglia compiendo uno dei suoi primi atti sessuali con una domestica sul letto di sua madre» 11. Crowley giunse a mangiare gli escrementi della sua amante - Leah Hirsig (1883-1975), una delle sue «Donne Scarlatte» - in modo da poter «ripulire la sua mente dai costumi vittoriani» 12. Un osservatore ha notato:

 

«Essi (gli occultisti) giustificano queste pratiche dicendo che tutte le inclinazione naturali e i gusti umani dovrebbero essere distrutti, che il bene e il male o il piacevole e lo sgradevole non esistono, ecc... Così come l'escremento umano fertilizza il suolo sterile, allo stesso modo l'assimilare ogni genere di sozzura rende la mente capace di applicarsi in qualsiasi tipo di meditazione» 13.

 

aleister crowley - leah hirsig

Sopra: a sinistra, autoritratto della Grande Bestia 666;

a destra Leah Hirsig, la più famosa delle sue «Donne Scarlatte».

 

Scrisse Crowley:

 

«Per noi Vittoria era puro e semplice soffocamento [...]. Era una nebbia enorme e pesante; non potevamo vedere, non potevamo respirare [...]. Lo spirito della epoca aveva ucciso tutto ciò che ci piaceva [...]. L'anima dell'Inghilterra era stagnante, istupidita»! 14.


E altrove disse:

 

«I dico oggi: all'inferno il cristianesimo [...]. Mi costruirò un nuovo cielo ed una nuova terra [...]. Voglio la bestemmia, l'assassinio, lo stupro, la rivoluzione, qualsiasi male» 15.

 

Per avere «la bestemmia, l'assassinio, lo stupro, la rivoluzione, qualsiasi male», Crowley si immerge nell'Ermetismo, nella Massoneria, nel Rosicrucianesimo e nella Kabbalah. Le società segrete attirarono «prominenti artisti, poeti, ed intellettuali, incluso William Butler Yeats» 16. Inoltre, tutti questi movimenti occulti erano figli della magia ebraica 17. Infatti, uno dei più celebri cabalisti, che esercitò un'influenza tremendamente profonda sulla Golden Dawn e su Crowley fu Eliphas Lévi (1810-1875) 18. Scrive uno studioso:

 

«L'entusiasmo di Cowley per Levi, come mago cerimoniale, era così pronunciato che il controverso occultista britannico sosteneva di essere una reincarnazione del saggio francese. Era stato Eliphas Levi che aveva proposto per primo il collegamento simbolico tra l'Arcano Maggiore dei Tarocchi e le lettere dell'alfabeto ebraico [...]. Samulel Liddel MacGregor Mathers, co-fondatore della Golden Dawn, accettò la proposta di Levi in quanto, giacché i percorsi che collegano i le dieci Sephiroth sul cabalistico Albero della Vita erano associati a determinate lettere ebraiche, l'Arcano Maggiore collegato a queste lettere poteva essere utilizzato per avere accesso meditativo ai percorsi sull'Albero. Anche il collega di Mathers nella Golden Dawn, Arthur Edward Waite, elogiò Levi per aver enfatizzato l'importanza della "volontà magica 19.

 

eliphas levi

samulel liddel macgregor mathers

arthur edward waite

Eliphas Levi MacGregor Mathers Arthur E. Waite

 

Intorno al 1904, Crowley prese in prestito l'idea della sex magick dalla Golden Dawn, e spese i successivi trent'anni della sua vita a svilupparla e ad affinarla. Essa includeva anche atti magici omosessuali 20. «Crowley giunse rapidamente a credere che la magia sessuale fosse un mezzo ineguagliabile per giungere al grande potere magico, e divenne uno dei suoi praticanti più innovativi» 21.

 

Disse Crowley: «Il "Libro della Legge" risolve completamente il problema sessuale. Ogni individuo ha diritto assoluto di soddisfare il proprio istinto sessuale com'è fisiologicamente corretto per lui» 22. Crowley pose il problema in un contesto che l'élite dominante avrebbe certamente capito:

 

«La battaglia più furiosa è feroce sarà quella riguardante la questione del sesso [...]. L'umanità deve imparare che l'istinto sessuale è [...] nobilitante. I mali disgustosi che tutti noi deploriamo sono dovuti principalmente alle perversioni prodotte dalla repressione. Il sentimento che si tratti di qualcosa di vergognoso e il senso del peccato causano nascondimento, che è quell'ignobile conflitto interno che crea distorsione, le nevrosi, e che finisce nell'esplosione» 23.

 

Quindi, Crowley iniziò a postulare che la sex magick fosse come una bomba atomica che gli aveva fornito il potenziale per creare devastazione e  terrorismo estetico nella società:

 

«Se questo segreto - che è un segreto scientifico - fosse perfettamente compreso [...] non ci sarebbe nulla che l'immaginazione umana non potrebbe concepire e che non potrebbe essere messo in pratica [...]. Se si volesse ottenere un elemento di peso atomico sei volte superiore a quello dell'uranio, quale elemento potrebbe essere prodotto»! 24.

 

sex magick

Sopra: rito di magia sessuale (sex magick).

 

Wilhelm Reich (1897-1957) avrebbe definito tutto questo «economia sessuale» 25. Quindi, probabilmente Crowley avrebbe applaudito l'attore Bill Cosby (il papà del serial televisivo I Robinson) che è stato recentemente accusato di aver drogato e stuprato più di cinquanta donne. Cosby ha anche usato la «manipolazione finanziaria per non permettere a sua moglie di scoprire la sua attività di stupratore seriale» 26. Se prendiamo per buono l'insegnamento di Crowley, Cosby è solo un individuo che «ha diritto assoluto di soddisfare il proprio istinto sessuale com'è fisiologicamente corretto per lui».

 

In poche parole, se Crowley voleva lo stupro, Cosby lo ha trovato, perché «Mr. Cosby ha ammesso di aver usato negli anni Settanta forti sedativi come il Quaaludes per inebetire giovani donne con cui voleva fare sesso» 27. Se oggi Crowley fosse vivo avrebbe sostenuto Cosby, perché lo stesso Crowley postulava: «Prenditi la tua soddisfazione e la volontà d'amore come vuoi, quando, dove e con chi vorrai»! Infatti, per Crowley «la parola "peccato" è una restrizione. O uomo»! 28. Crowley aggiunse che «ogni soppressione o distorsione» dell'atto sessuale «va contro la Legge della Libertà» 29.

 

bill crosby - i robinson

Sopra: Bill Crosby. Dietro l'amorevole padre de I Robinson si nascondeva un predatore sessuale.

 

Quindi, se portassimo la filosofia di Crowley alla sua conclusione logica, la modernità apparirebbe moralmente sdentata, indifesa, e in definitiva priva di qualsiasi valore. La logica è abbastanza chiara: se i «degenerati moderni» dovessero condannare Crowley, dovrebbero necessariamente condannare anche i Beatles e i Rolling Stones, e tanti altri crowleyani che in un modo o in un altro hanno promosso in tutto il pianeta la filosofia del mago.

 

Se essi condannassero Crowley e i suoi discepoli più devoti, dovrebbero rifarsi alla legge morale e all'ordine. Se essi si rifacessero all'ordine morale, dovrebbero coerentemente condannare anche l'élite dominante che ad Hollywood viola continuamente la legge morale o devia dai suoi principî. In altre parole, se i «degenerati moderni» seguissero costantemente la legge morale, gli accusatori di Cosby, come l'avvocato Gloria Allred e specificamente alcune ex conigliette di Playboy come Victoria Valentino, Judith Huth e Sarita Butterfield, dovrebbero condannare anche Hugh Hefner 30.

 

Se queste conigliette di Playboy non vogliono condannare Hefner, sarebbe difficile per loro difendere la tesi secondo cui Cosby avrebbe fatto qualcosa di male. Infatti, è stato Hefner ad affermare che «la morale è una cosa relativa». In altre parole, ciò che per Cosby è morale non può esserlo per la Valentino o per la Huth. É solamente una questione di gusti e di appetiti diversi. (La Huth ha asserito che Cosby l'ha aggredita sessualmente nella Playboy Mansion, un luogo in cui la serietà morale è già stata esclusa e dove l'ex coniglietta di Playboy Holly Madison ha tentato il suicidio! Come può la Huth risolvere questa contraddizione morale senza dividere la sua testa in parti diverse?).

 

 

Il punto cruciale di questa storia è che è difficile prendere sul serio queste donne perché stanno tentando di costruire con la loro mano sinistra, mentre la loro mano destra cerca di distruggere. Esse stanno lavorando nell'industria del sesso, e allo stesso tempo tentano di rifarsi alla legge morale, quando sono loro stesse a mettersi nei guai. Questa è davvero una contraddizione. Queste persone dovrebbero iniziare a capire che non sono libere di fare ciò che vogliono. Esse sono solamente libere di fare ciò che è giusto.

 

hugh hefner - playboy mansion

Sopra: il famigerato Hugh Hefner e la sua sontuosa Playboy Mansion.

 

Crowley prese parte ad ogni genere di pratica sessuale per ottenere il potere magico. Egli venne espulso dall'Italia «per ordine di Mussolini» 31, e questo per diverse ragioni. All'Abbazia di Thelema (a Cefalù, in Sicilia) nella sua camera rituale, Crowley tentò di fare cose incredibili:

 

«La vita all'Abbazia fu in gran parte un tentativo di Crowley di tradurre la sua magia e le sue idee thelemiche in una realtà sociale. Per i partecipanti, il regime di vita prevedeva parecchio occulto e attività magico-sessuale, così come esperimenti con sostanze che alterano la mente, come l'hascisc, la cocaina, l'eroina e l'oppio. In un certo senso, la vita all'Abbazia di Thelema può essere presa come un modo paradigmatico di rappresentare lo stile di vita e la filosofia di Crowley nei loro aspetti più intensi. Egli si considerava il profeta del Nuovo Eone, il quale intendeva sostituire le vecchie religioni patriarcali che sono esemplificate più tipicamente dal cristianesimo» 32.

 

«Si dice che Crowley abbia preso parte a centocinquanta omicidi rituali, la maggior parte dei quali furono di bambini». Diversi documenti che circolano in Inghilterra attestano che egli fu coinvolto in «cerimonie blasfeme o bestiali e in orge».

 

abbey of thelema

Ciò che rimane oggi dell'Abbazia di Thelema, a Cefalù, in Sicilia.

 

 

Ciò che è particolarmente interessante ai fini del nostro studio è che Crowley ha avuto un seguito enorme nella cultura popolare, e più specificamente nella scena musicale. Musicisti come i Beatles, i Rolling Stones, i Led Zeppelin, Jim Morrison dei Doors, David Bowie, Marilyn Manson, Ozzy Ozborne, gli Iron Maiden, fra gli altri, sono stati tutti influenzati in un modo o nell'altro dalla filosofia di Crowley. Questi esercitò un'influenza tremendamente potente anche su John Lennon (1940-1980) e su Timothy Leary (1920-1996).

 

seguaci di aleister crowley

Sopra: alcuni tra i più famosi seguaci di Aleister Crowley in campo musicale.

 

Uno di quelli che accolse la saggezza psichedelica di Leary fu John Lennon che nel 1966 entrò in possesso di una copia di The Psychedelic Experience (1964) - di Leary, Ralph Metzner e Richard Alpert - nella London's Indica Bookshop - un emporio della letteratura della contro-cultura di proprietà di Barry Miles...

 

«Il consiglio di Leary era che "ogni volta che sei nel dubbio, spegni la tua mente, rilassati e galleggia seguendo la corrente". Affascinato da questo libro, Lennon incluse questa frase nel suo brano "Tomorrow Never Knows", nell'album Revolver (1966), considerato generalmente la prima canzone psichedelica dei Beatles. Lennon passò gli anni successivi a spegnere la sua mente ingerendo dosi molto pesanti di LSD» 33.

 

richard alpert

timothy leary

Ralph Metzner Richard Alpert Timothy Leary

 

Lo scrittore e musicista Gary Lachman ha affermato:

 

contro-cultura«L'area della cultura popolare in cui Crowley ha avuto certamente l'impatto maggiore è stato il mondo musicale [...]. A partire da metà degli anni Sessanta, il revival dell'occulto entrò a far parte della fiorente "cultura giovanile", che stava già diventando per sé stessa una seria concorrente della cultura dominante, e che divenne nota come "contro-cultura [...]. La musica è sempre stata associata ad un elemento di pericolo a causa della sua capacità di sovvertire la mente consapevole e giungere direttamente all'inconscio; Platone, come sappiamo, mise al bando diversi tipi di musica, a parte alcune melodie gentili presenti nella sua utopistica "Repubblica" [...]. Quando il revival dell'occulto degli anni '60 si incontrò con la crescente contro-cultura successe qualcosa di strano. Tutti compresero che avevano un nemico in comune in ciò che veniva chiamato "the establishment" ("la classe dirigente"). Con questo termine si intendevano i valori, le istituzioni, la sensibilità, i gusti, gli ideali politici e la moralità della generazione precedente, e la distanza tra questo sistema e la contro-cultura divenne nota come "generation gap" («divario generazionale"), un termine che fece fare grandi affari quando i negozi di abiti lo lanciarono sul mercato nel 1969» 34.

 

Lachman continua scrivendo:

 

sgt. pepper's lonely hearts club band - aleister crowley«Vent'anni prima (Crowley) era morto nell'oscurità in circostanze piuttosto squallide, ma nel 1967 egli venne riesumato - in modo postumo, naturalmente - da alcune tra le persone più famose al mondo, che erano più popolari di quanto lui lo fosse stato. Se un segnale ha mai indicato che la controcultura aveva dato il suo "imprimatur" al revival dell'occulto, esso fu dato dal fatto che i Beatles inclusero il volto Crowley sulla copertina del loro album "Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band", pubblicato nella fatale estate del 1967. Disegnata dall'artista Peter Blake, la copertina mostra la testa rasata di Crowley - da quel momento divenuta familiare - tra il guru indiano Sri Yukteswar Giri e l'attrice Mae West, quasi a voler mostrare che il misticismo e il sesso fossero al centro della vita di Crowley. Tra gli altri volti presenti insieme a Crowley ricordiamo quelli di Aldous Huxley, C. G. Jung, Sri Mahavatar Babaji, e Sri Paramahansa Yogananda, il che mostra che nel periodo in cui i Beatles vennero a conoscenza della Grande Bestia, la magia, il misticismo e gli stati alterati di coscienza erano argomenti di grande interesse [...]. Che i Beatles fossero dietro al programma di Crowley risulta chiaro da un commento che John Lennon rilasciò nel corso si un'intervista a Playboy, alcuni anni più tardi e poco prima della sua morte: "Tutta l'idea dei Beatles era "fa ciò che vuoi", "do what thou wilt", purché tu non faccia del male a nessuno" [...]. I Rolling Stones, il secondo gruppo più famoso al mondo, si immerse nello studio di Crowley tramite il regista Kenneth Anger, che giunse a Londra agli inizi del 1968. I Rolling Stones erano già in amicizia con l'alchimista Stanislas Klossowski de Rola, autore dell'opera "Alchemy: The Secret Art" (1974) [...].

 

peter blake - kenneth anger - stanislas klossowski de rola

Sopra, da sinistra: Peter Blake, Kenneth Anger e Stanislas Klossowski de Rola.

 

Anche l'LP psichedelico "Their Satanic Majesties Request" (1967), degli Stones, pubblicato alcuni mesi dopo "Sgt. Pepper", parla da sé, mentre il brano "Sympathy per il Devil", da "Beggar’s Banquet" (1968), divenne ben presto divenne il loro pezzo distintivo» 35.

 

Crowley ha esercitato una potente un'influenza anche su molte celebrità di Hollywood. La sua rivista, The Equinox, era ben conosciuta anche tra le star di Hollywood 36.

 

«Nel luglio del 1920, Jane Wolfe, un'attrice del cinema muto di Hollywood, si unì alla comunità di Cefalù (in Sicilia). Prima di quel tempo, essa aveva avuto un intenso scambio epistolare con Crowley, e c'era una forte e reciproca attrazione tra i due. Quando finalmente poté incontrare di persona Crowley, essa rimase atterrita dal suo aspetto trasandato e dallo stato generale dell'Abbazia. Solamente più tardi essa venne a sapere da un altro discepolo di Crowley che in quel periodo il mago era in una fase di esposizione intenzionale ai "misteri della sporcizia"» 37.

 

jane wolfe

Sopra: Jane Wolfe, detta «Red Flame» («Fiamma Rossa»),

in meditazione all'Abbazia Thelema, a Cefalù.

 

A farla breve, non è possibile studiare la filosofia soggiacente a buona parte della musica e dell'industria dell'intrattenimento senza conoscere il pensiero di Aleister Crowley, il quale comportava la magia sessuale, «la bestemmia, l'assassinio, lo stupro, la rivoluzione, qualsiasi male». Peachesaleister crowley Geldof, infatti, venerava Crowley, ma non disse mai ai suoi fans cosa accadde a quest'uomo quando scivolò nell'eternità nel 1947. Prima di morire disse Crowley: «Sono perplesso» 38. Secondo altre testimonianze, egli era «un vecchio annoiato che passava in solitudine serate spaventose». Altri biografi attestano che prima di morire Crowley avrebbe detto: «Talvolta odio me stesso» 39. Urban, che è d'accordo con gli altri studiosi, scrive che Crowley «passò i suoi ultimi anni in una piccola pensione di Londra, sempre più assuefatto all'eroina (assumendone undici grammi per giorno, una dose sufficiente per uccidere più persone)» 40. Davvero una storia triste, ma molti dei discepoli di Crowley hanno fatto la stessa tragica fine. La filosofia di Crowley ha contribuito ad accrescere grandemente la rivoluzione della contro-cultura, ma quella stessa rivoluzione ha finito per uccidere i suoi stessi figli. Persone come Janis Joplin (1943-1970), Jimi Hendrix (1942-1970), Brian Jones (1942-1969) degli Stones, Jim Morrison (1943-1971) dei Doors, Kurt Cobain (1967-1994) dei Nirvana, e Robert Johnson (1911-1938) sono tutti morti all'età di ventisette anni. Nel 2011, Amy Winehouse è entrata a far parte dell'elenco di artisti morti giovani e senza speranza. La Winehouse è stata certamente risucchiata dall'«industria» ed è morta anch'essa all'età di ventisette, anche se aveva l'aspetto di una sessantenne che non aveva mai avuto l'opportunità di interagire col mondo reale. Nel 2013, Peaches Geldof è salita a bordo della nave satanica che sempre affonda, e di conseguenza ha perso la sua vita preziosa all'età di venticinque anni.

 

Tutte queste persone sono state vittime del Nuovo Eone di Crowley, che è realmente massonico e satanico. Si spera che i fans della Geldof e altre celebrità come Jay-Z e Rihanna abbiano avuto l'opportunità di riflettere sulla lezione offerta dalla tragica morte della Geldof. Si spera che essi capiscano che distruggendo l'ordine morale, sociale e sessuale si piomba nel caos e talvolta si finisce per morire pateticamente. Personaggi come Jimi Hendrix, Bon Scott (1946-1980) degli AC/DC, John Bonham (1948-1980) dei Led Zeppelin, sono tutti morti soffocati dal loro vomito 41.

 

 

La cosa più triste è che queste persone non sono riuscite a capire che la vita non solo è preziosa, ma che dura poco tempo. Così disse re Salomone: «Ricordati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i giorni cattivi e giungano gli anni dei quali dirai: "Non ho in essi alcun piacere"» (Ecc 12, 1). Permetteteci di concludere questo articolo citando la fine di questo capitolo del Libro dell'Ecclesiaste: «Temi Dio e osserva i suoi comandamenti, perché questo per l'uomo è tutto. Infatti, Dio citerà in giudizio ogni azione, tutto ciò che è occulto, bene o male» (Ecc 12, 13-14).

 


banner centro culturale san giorgio

 

Note

 

1 Traduzione dell'originale inglese Aleister Crowley Meets Peaches Geldof and Pop Culture, a cura di Paolo Baroni. Scritto reperibile alla pagina web

http://www.veteranstoday.com/2015/07/24/aleister-crowley-meets-peaches-geldof-and-pop-culture/

2 Cfr. R. Price, «Forget Scientology, Celebs Are Now Falling For an Even More Sinister "Religion": Introducing the Satanic Sex Cult that's Snaring Stars Such as Peaches Geldof» («Dimenticate Scientology, le celebrità ora sono sono in delirio per una "religione" ancor più sinistra: introducendo il culto satanico sessuale che sta intrappolando star come Peaches Geldof»), in Daily Mail, del 21 aprile 2013; «Peaches Geldof Has Signed up to Aleister Crowley's Sex Cult OTO» («Peaches Geldof è entrata a far parte dell'OTO, la sètta sessuale di Aleister Crowley»), in The Guardian, del 15 aprile 2013.

3 Cfr. S. Cable, «Peaches and the Religious Cult with a Very Dark Past: Geldof Uses Twitter Account to Urge Followers to Learn About Order of Oriental Templars» («Peaches e la sètta religiosa con passato veramente oscuro: la Geldof usa il suo profilo Twitter per spingere i suoi followers ad informarsi sull'Ordine Orientale dei Templari»), in Daily Mail, del 15 aprile 2013.

4 Cfr. L. Crossley, «Peaches' Heroin Overdose Was 10 Times Bigger than the One that Killed her Mother Paula: Baby Son Was Alone with the Body for 17 Hours, Inquest is Told» («L'overdose di eroina che ha ucciso Peaches era dieci volte superiore a quella che ha ucciso sua madre Paula: il suo figlioletto è rimasto da solo con il cadavere per diciassette ore, ha rivelato l'inchiesta»), in Daily Mail, del 23 luglio 2014.

5 Cfr. S. Cable, art. cit.

6 Ibid.

7 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, Aleister Crowley and Western Esotericism («Aleister Crowley e l'esoterimo occidentale»), Oxford University Press, New York 2012, pag. 122.

8 Cfr. H. B. Urban, Magia Sexualis: Sex, Magic, and Liberation in Modern Western Esotericism («Magia sessuale: il sesso, la magia e la liberazione nel moderno esoterismo occidentale»), University of California Press, Berkley and Los Angeles 2006, pag. 109.

9 Ibid., pag. 111.

10 Cfr. A. Crowley, The Confessions of Aleister Crowley («Le confessioni di Aleister Crowley»), Penguin, New York 1969, pagg. 66, 67.

11 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, op. cit., pag. 124.

12 Ibid., pag. 126.

13 Ibid.

14 Cfr. A. Crowley, op. cit., pag. 112.

15 Cfr. I. Regardie, The Eye in the Triangle: An Interpretation of Aleister Crowley («L'occhio nel triangolo: un'interpretazione di Aleister Crowley»), New Falcon Publications, Las Vegas 1987, pag. 287.

16 Cfr. H. B. Urban, op. cit., pag. 115.

17 Vedi, ad esempio, G. W. Dennis, The Encyclopedia of Jewish Myth, Magic and Mysticism («L'enciclopedia del mito, della magia e del misticismo ebraici»), Llewellyn, Woodbury 2007, pag. xi; N. Drury, Stealing Fire from Heaven: The Rise of Modern Western Magic («Rubando il fuoco dal paradiso: l'ascesa della magia occidentale moderna»), Oxford University Press, New York 2011, pag. 6.

18 Cfr. N. Drury, op. cit., pagg. 6-7.

19 Ibid., pagg. 37-38.

20 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, op. cit., pag. 22.

21 Ibid.

22 Cfr. H. B. Urban, op. cit., pag. 120.

23 Ibid.

24 Ibid., pag. 121.

25 Reich usò questa «economia sessuale» per distruggere la vita spirituale di molti sacerdoti cattolici. Vedi, ad esempio, E. M. Jones, Libido Dominandi: Sexual Liberation and Political Control («Il dominio della libidine: liberazione sessuale e controllo politico»), St. Augustine’s Press, South Bend 2000.

26 Cfr. G. Bowley-S. Ember, «Bill Cosby Deposition Reveals Calculated Pursuit of Young Women, Using Fame, Drugs and Deceit» («La deposizione di Bill Crosby rivela la caccia deliberata a giovani donne, usando la fama, la droga e l'inganno»), in New York Times, del 18 luglio 2015. Poiché Hollywood e i media hanno diffuso direttamente o indirettamente la dottrina di Crowley tra le masse per anni, forse Cosby avrebbe dovuto dire che Crowley ha innestato quei pensieri nella sua testa.

27 Cfr. G. Bowley-S. Ember, «Cosby Legal and Publicity Teams Opt for Silence After Admission Is Released» («I team legale e pubblicitario di Crosby optano per il silenzio dopo che l'ammissione è stata rilasciata»), in New York Times, dell'8 luglio 2015; «Bill Cosby Admission About Quaaludes Offers Accusers Vindication» («L'mmissione di Bill Crosby a riguardo del Quaaludes offre agli accusatori una convalida»), in New York Times, del 7 luglio 2015.

28 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, op. cit., pag. 125.

29 Ibid.

30 Cfr. R. Gajewski, «Victoria Valentino Alleges that the Star Gave Her a Pill and Took Her to an Apartment in 1970» («Victoria Valentino sostiene che la star [Crosby] le ha somministrato una pillola e l'ha portata in un appartamento nel 1970»), in Hollywood Reporter, del 24 novembre 2014; «Bill Cosby Rape Allegations: Former Playmate Victoria Valentino Becomes the 16th Victim to Speak Out» («Le accuse di stupro a carico di Bill Crosby: l'ex coniglietta Victoria Valentino è stata la sedicesima vittima a parlare»), in US Magazine, del 23 novembre 2014; «Playboy Bunny Claims Bill Cosby Tried to Kiss, Touch Her Breasts During Christmas Eve Dinner With his Family» (Una coniglietta di Playboy asserisce che Bill Crosby ha tentato di baciare e toccare il suo seno durante la cena natalizia con la sua famiglia»), in New York Daily News, del 23 novembre 2014.

31 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, op. cit., pag. 122.

32 Ibid.

33 Cfr. G. Lachman, Aleister Crowley: Magick, Rock and Roll, and the Wickedest Man in the World («Aleister Crowley: la magia, il rock'n'roll e l'uomo più malvagio del mondo»), Penguin, New York 2014, pag. 330.

34 Ibid., pag. 323.

35 Ibid., pag. 326.

36 R. Kaczynski, Perdurado: The Life of Aleister Crowley («Durerò per sempre: la vita di Aleister Crowley»), New Falcon Publications, Tempe 2002, pag. 273.

37 Cfr. H. Bogdan-M. P. Starr, op. cit., pag. 124.

38 Cfr. J. Symonds, The Great Beast: The Autobiography of Aleister Crowley («La grande Bestia: l'autobiografia di Aleister Crowley»), Roy Publishers, New York 1962, pag. 296.

39 Cfr. H. B. Urban, op. cit., pag. 119.

40 Ibid.

41 Cfr. «Stuart Cable Death: Rock Stars Who Choked on Their Own Vomit» («La morte di Stuart Cable: rockstar che sono soffocate nel loro vomito»), in The Telegraph, del 20 ottobre 2010.
 

home page