titolo rock contro cristo

di Eric Holmberg

 

Ultima modifica: 23 aprile 2015

 

 

Questa pagina 1 è una trascrizione parziale del commento del DVD di Eric Holmberg intitolato Hell's Bells: The Dangers of Rock'n'Roll («La campane dell'inferno: i pericoli del rock»; 1988). Essa riunisce diversi esempi di feroce odio anticristiano, di cui trasuda questo genere musicale, presi sia dalla grafica presente sulle copertine dei CD-ROM che nei testi di tanti brani. L'immagine sovrastante è una sorta di «santino» blasfemo che ritrae il musicista statunitense Frank Zappa (1940-1993), definito «beato» e al quale si chiede di pregare per noi come ad un Santo del Paradiso.

 

Satanismo

 

Per esaminare sistematicamente e obiettivamente i segni dell'influenza satanica nel rock, prenderemo in considerazione alcune delle credenze di base di coloro che sono tenacemente impegnati nella diffusione della religione del diavolo. Come punto iniziale, esamineremo The Satanic Bible («La bibbia satanica»; Avon 1969). Le empie «sacre scritture» della società legalmente registrata a San Francisco (in California) The Church of Satan («La Chiesa di Satana»), sono state redatte dal fondatore di questa sètta, Anton Szandor LaVey (vero nome Howard Stanton Levy o Levey; 1930-1997). Forse LaVey è stato il satanista più famoso del XX secolo.

 

Mentre metteva in piedi la sua sètta, LaVey è stato consulente ad Hollywood per le pellicole che trattavano di occultismo, interpretando anche il ruolo del diavolo 2 nel film Rosemary's Baby («Il bambino di Rosemary»; 1968) e Invocation of my Demon Brother («Invocazione al mio fratello demonio»; 1969), un film underground diretto dal celebre occultista Kenneth Anger. Che cosa insegna la Satanic Bible di LaVey? Questi insegnamenti sono presenti nell'odierno rock? Cominciamo con la Persona di Gesù Cristo: «Io intingo il mio indice nel sangue debole del vostro impotente e folle redentore, e scrivo sul suo sopracciglio lacerato dalle spine "il vero principe del male, il re degli schiavi"» 3.

 

kenneth anger

rosemary's baby

lavey - invocation of my demon brother

Da sinistra: il regista Kenneth Anger, la locandina della pellicola Rosemary's Baby e un'inquadratura di Anton Szandor Lavey dal film Invocation of my Demon Brother.

 

L'odio scontato espresso in queste righe è comprensibile quando consideriamo che il controllo di Satana sull'umanità era totale ed invulnerabile ad ogni sforzo umano fino alla venuta di Gesù. Sulla croce, il Suo sopracciglio lacerato dalle spine e il Suo corpo trafitto offrì il sacrificio di sangue perfetto per la remissione dei nostri peccati.

 

Ora, il potere di Satana è stato spezzato una volta per sempre per chiunque crede in quel Sangue. Nulla di straordinario, dunque, nel fatto che Satana lo odî così tanto. Possiamo trovare questa dottrina demoniaca nel rock? Purtroppo, sì. Più di ogni altro personaggio, Gesù è divenuto oggetto di scherno da parte di molti gruppi rock. Praticamente ogni aspetto della Sua vita e del Suo ministero è stato ridicolizzato e criticato.

 

Questa antologia rock è intitolata Birth of the Y («Nascita di Y»; Rough Trade Records 1981) e comprende l'orrenda Litany of SatanLitania a Satana»). Tra gli artisti figurano personaggi come Sun Ra, Diamanda Galas, Shreikback, Disconnection, Pigbag, Mouth, R.A.P.P., Pulsallama, Maximum Joy, Promenaders e Chris Reeves Qui, l'evento più significativo della Storia, l'Incarnazione del Figlio di Dio, è messo in dubbio ed è reso insignificante.

birth of y

 

Similmente, sulla cover dell'album di Nina Hagen Nunsexmonkrock («Suorasessofraterock»; Sony 1982) la rockstar tedesca posa come una Madonna con Bambino. Oltre a canzoni sulla reincarnazione e sulla stregoneria, essa bestemmia contro lo Spirito Santo e canta in Cosmic Shiva: «And my little baby I tell you, God is your father» («Ed io ti dico mio piccolo bambino, Dio è tuo padre»).

nunsexmonkrock - nina hagen

 

Il brano dei Jefferson Airplane The Son of Jesus Il figlio di Gesù»), dall'LP Long John Silver («L'argento di Long John»; RCA 1972) è sacrilego, e, fra le altre cose, suggerisce che Gesù sarebbe stato un occultista, che avrebbe avuto figli bastardi da Maria Maddalena, e che Dio Padre sarebbe stato sessualmente attratto dalla figlia di Gesù. Ecco un estratto del testo di questa canzone:

 

«Jesus had a son by Mary Magdalene
And he rode the land like the man who went before
Young Jesus raised him loud,
Mother Mary raised him proud
And he tracked the men who laid his father down
[...]
So you think young Jesus Christ never a lady
And you think young Mary never saw him Smile wide & free
You won’t read it in the bible & if you
Look you’re liable ta come across the truth
About the man from Galilee».

«Gesù ebbe un figlio da Maria Maddalena
E percorse la terra come l'uomo che lo aveva preceduto
Il giovane Gesù lo fece crescere forte, Maria la madre lo fece crescere fiero
E lui cercò gli uomini che avevano ucciso suo padre [...].

Così tu pensi che il giovane Gesù Cristo non abbia mai avuto una donna
E tu pensi che la giovane Maria
Non l'ha mai visto ridere libero e felice?
Non lo leggerai nella Bibbia e se ritieni che sei pronto
A conoscere la verità riguardo l'uomo di Galilea».

 

Questa stessa chiassosa mancanza di rispetto per il Messia caratterizzò la vita e le composizioni di John Lennon (1940-1980). Un suo biografo john lennonha scritto che Lennon, all'inizio della sua carriera con i Beatles, disegnò una vignetta di Gesù crocifisso. Ai piedi della croce c'era un paio di pantofole 4. Durante gli anni formativi dei Beatles in Germania, un altro biografo narra come il Venerdì Santo, il giorno che ricorda la crocifissione del Signore, Lennon fece uno dei suoi scherzi blasfemi ad alcune suore che passavano sotto il suo appartamento. Avevano appena lasciato il loro convento per compiere il loro apostolato quando «rimasero scioccate nel vedere sulla strada un'effigie grottesca a grandezza naturale di Gesù sulla croce che John aveva dipinto e appeso sul suo balcone. Appena le suore guardarono con stupore l'immagine sacrilega, John lanciò loro dei preservativi Durex pieni d'acqua. In seguito, Lennon urinò su di esse cantando: "Pioggia che cade dal cielo"» 5. Nella sua canzone God, Lennon non solo sottolinea la sua indifferenza verso Cristo, ma umilia il Figlio di Dio paragonandolo a John F. Kennedy, a Bob Dylan, ai mantra induisti e ai Beatles. Questi esempi, presi nel loro insieme, spiegano la famosa affermazione di Lennon su Cristo, e sono più che un semplice commento all'innaturale adulazione di cui furono oggetto i Beatles. Egli desiderò ardentemente l'annientamento di Gesù come Messia e del cristianesimo come fede 6.

 

Il gruppo Ludichrist rispecchia, sia da un punto di vista illustrativo che musicale, i sentimenti verso Gesù Cristo di John Lennon. A lato, la cover di Immaculate DeceptionImbroglio immacolato»; Relativity 1986). Il nome stesso di questa band significa «scherno di Cristo».

immaculate deception - ludichrist

 

Questo esempio di aperta bestemmia non è l'unico. Effettivamente, decine di gruppi parlano in modo esplicito nei loro testi dell'empietà che, fino a poco tempo fa, non poteva essere reperita che nelle librerie specializzate in occultismo. Per molti è una questione di soldi. La ribellione vende bene, e per i tipi più duri cosa potrebbe esserci di più ribelle che ingiuriare Cristo e bestemmiare Dio?

 

Consideriamo la musica dei Mercyful Fate, un gruppo che prende seriamente il suo satanismo. Nel brano The Oath («Il giuramento»), dall'album Don't Break the Oath («Non rompere il giuramento»; Roadrunner Records 1984), il leader King Diamond canta: «I deny Jesus Christ the Deceiver and abjure the Christian faith, holding in contempt all of its works»Io rinnego Gesù Cristo l'ingannatore e abiuro la fede cristiana, tenendo in disprezzo tutte le sue opere»).

don't break the oath - mercyful fate

 

Un'icona di questa confessione di fede satanica è ben visibile sulla copertina dell'album degli svizzeri Celtic Frost To Mega Therìon («La Grande Bestia»; Noise 1985), dove un demone usa un Crocifisso come fionda. Il nome greco To Mega Therion era uno dei titoli utilizzati dal mago nero britannico Aleister Crowley (1875-1947), a cui i Celtic Frost hanno dedicato questo ellepì.

to mega therion - celtic frost

 

Questo album è del gruppo goth rock statunitense Christian Death. Esso è intitolato Sex and Drugs and Jesus Christ («Sesso, droga e Gesù Cristo»; Cleopatra 1988), e sulla cover appare Gesù mentre si fà eroina in vena. Sulla cover del disco da 12" What's the Verdict («Qual'è il verdetto»; Jungle 1988) una diapositiva che rappresenta Gesù che conforta un'anima cristiana è stata volutamente proiettata sul corpo di una donna nuda. è chiaro che l'intenzione è quella di dissacrare la figura di Cristo.  

christian death - sex and drugs and jesus christ

 

La cantante alternative rock Lydia Lunch ha registrato diversi dischi con numerose formazioni, tra cui i Teenage Jesus and the Jerks («Gesù adolescente e gli idioti»). Le loro canzoni includono Crown of Thorns («Corona di spine») e lo stridente I Am the Lord Jesus («Io sono il Signore Gesù»), la maggior parte del quale è stato registrato a rovescio.

 

teenage jesus and the jerks

lydia lunch - pietà

A sinistra: i Teenage Jesus and the Jerks. A destra, la Lunch posa in una improbabile Pietà.

 

Nel mondo del rock, anche gli atti più significativi, amorosi e sacrificali della vita del Signore, come l'Ultima Cena, sono stati infangati. Durante il Suo ultimo pasto prima della morte, Gesù diede ai Suoi discepoli il pane e il vino per inaugurare la nuova Alleanza, una promessa d'amore e di perdono. Il pane si è trasformato nel Suo Corpo trafitto e il vino nel Suo Sangue versato, il prezzo terribile che Egli dovette pagare per riscattare l'uomo. Non c'è nulla di divertente in ciò. I Graceland hanno cambiato il nome The Last Supper («L'Ultima Cena») in First Snack («Il primo spuntino»; Paris Records 1987); la copertina sembra suggerire che il menù comprende anche una prostituta.

 

L'album degli MDC intitolato Millions of Damn ChristiansMilioni di maledetti cristiani»; Radical Records 1987) si fà beffa, tra le altre cose, del Sangue di Gesù, collegando la frase This blood's for you («Questo sanguè sparso per voi») con lo slogan di una pubblicità di una nota birra.  

millions of damn christians - mdc

 

Similmente, il noto album del gruppo dark The Cure intitolato The Head on the Door («La testa sulla porta»; Rhino/WEA 1985) contiene brani come The Baby Screams («Il Bambino grida») e la blasfema The Blood («Il sangue»). Dice il testo di quest'ultima canzone: «I am paralysed by the blood of Christ/ Though it clouds my eyes/ I can never stop» Sono paralizzato dal sangue di Cristo/ Sebbene esso offuschi i miei occhi/ Non posso fermarlo»).

the head on the door - the cure

 

the last supper - black sabbath

 Sulla copertina del DVD The Last Supper (Sony Records 2000), dei Black Sabbath, nel famoso affresco di Leonardo da Vinci, gli Apostoli sono stati sostituiti dai membri del gruppo.

 

Nella Lettera agli Ebrei, San Paolo scrive: «Secondo la legge, infatti, quasi tutte le cose vengono purificate con il sangue e senza spargimento di sangue non esiste perdono» (Eb 9, 22). Il Sangue di cui si parla è quello dell'Agnello di Dio. Senza il Suo Sangue i nostri peccati rimangono come un muro eterno che ci separa da Dio. Dileggiare il Sangue di Cristo equivale a negare il nostro unico percorso per fuggire dall'inferno, ed è per questo motivo che la profanazione dell'Eucarestia (Corpo e Sangue di Gesù Cristo) è fondamentale nella religione e nella liturgia satanica.

 

Anche gli altri aspetti del sacrificio di Cristo sono stati ridicolizzati. Una tecnica occulta favorita per dissacrare il sacro è mescolarlo al profano. Prendete ad esempio la corona di spine che Gesù Cristo ha portato per espiare i nostri peccati d'orgoglio. In una foto, Ozzy Osbourne è stato immortalato con una corona del genere. Anche The Damned e Terence Trent D'Arby hanno deriso la corona di spine, con D'Arby che si è fatto fotografare crocifisso.

 

ozzy osbourne coronato di spine

terence trent d'arby crocifisso

  Da sinistra: Ozzy Osbourne e Terence Trent D'Arby.

 

è sorto anche un gruppo - ovviamente anticristiano - che ha preso il nome Crown of Thorns («Corona di spine»).

 

A proposito delle sofferenze di Cristo sulla croce, la cover dell'album Ceremony («Cerimonia»; Edsel Records 1970), degli Spooky Tooth, dipinge Gesù Cristo come una specie di buffone cosmico con la mano inchiodata crudelmente alla testa di un uomo.

ceremony - spooky tooth

 

Il Sacro Cuore di Gesù, un simbolo cattolico dell'amore di Cristo e del Suo sacrificio sulla croce, è deriso dai The Birthday Party nel loro EP Bad SeedSeme cattivo»; Buddha 1989). Guarda caso, la Satanic Bible definisce in modo blasfemo il dono che Dio ci ha fatto proprio come «seme cattivo». Oltre ad una svastica, ad un demone e ad una runa, sullo sfondo dell'album, compaiono questa parole criptiche estratte dal brano Wild Word («Mondo selvaggio»): «Our bodies melt together, we are one. Post-crucifixion, baby, post-crucifixion all undone» («I nostri corpi si fondono insieme, siamo una cosa sola. Postcrocifissione, bimba, la postcrocifissione distrugge tutto»)

the birthday party - bad seed

 

Anche i Coven 6669 rinunciano all'opera della redenzione portata a termine attraverso la crocifissione. Lo stesso Anton LaVey, fondatore della Church of Satan, sarebbe l'autore del testo del loro brano Burn the CrossBrucia la croce»), dall'album Blessed is the Black («Benedetto è il buio»; Ever Rat 1990): «Son of God repent your sins and pledge your soul to hell/ Pray that Satan will forgive once your God has fell/ Expect the death of those who pray to a God so long since passed/ Your God is dead and now you die/ Satan rules at last»Figlio di Dio pentiti dei tuoi peccati e dai in pegno la tua anima all'inferno/ Prega affinché Satana ti perdoni quando il tuo Dio cadrà/ Attendi la morte di coloro che pregano un Dio passato da un pezzo/ Il tuo Dio è morto ed ora muori anche tu/ Finalmente Satana regna»).

 

blessed is the black - coven

coven band

  A sinistra, la cover di Blessed is the Black. A destra, l'heavy metal band Coven 6669.

 

Due esempi visivi di feroce odio anticristiano sulle copertine dei CD dei Deicide: a sinistra, The Stench of RedemptionIl fetore della Redenzione»; Earache Records 2006); a destra, Scars of the Crucifix («Le cicatrici del Crocifisso»; Earache Records 2004).

 

the stench of redemption - deicide

scars of the crucifix - deicide

  Da sinistra, la cover di The Stench of Redemption e quella di Scars of the Crucifix.

 

Sincretismo

 

Un altro modo in cui Gesù Cristo viene attaccato consiste nel equipararlo ad ogni altro leader spirituale o religioso. Di recente, questo errore, noto come «universalismo» (o «sincretismo religioso»), è divenuto estremamente popolare, in particolare con lo sviluppo del culto New Age.

 

La cover dell'album Greatest Hits (Sony 1998), degli Earth Wind & Fire, mostra vari simboli religiosi cristiani, mescolati ad altri simboli dell'induismo, dell'ebraismo, del buddismo, dello zoroastrismo e dell'occulto. Uno degli ellepì di questa band spiega la sua filosofia: All in All («Tutto in tutti»; Sony 1977). In altre parole, tutto è la stessa cosa: ci sono molti percorsi che conducono tutti allo stesso Dio o agli stessi déi.

 

Musicalmente, questa eresia è stata illustrata nel brano All in All, dall'album dell'ex beatle George Harrison (1943-2001) Somewhere in England («Da qualche parte in Inghilterra; Capitol Records 1979»): «They call you Christ, Vishnu, Buddha, Jehovah, our Lord. You are Govindam, Bismillah, Creator of All» («Essi ti chiamano Cristo, Vishnu, Buddha, Geova, nostro Signore. Tu sei Govindam, Bismillah, Creatore di Tutto»). Harrison si è unito ad una schiera di musicisti rock che hanno espresso, in un modo o in un altro, questa filosofia.

 

Con la religiosità orientale, con il New Age e con l'occulto - la dieta spirituale preferita dell'industria rock - è quasi possibile fare a meno di menzionare Gesù Cristo all'interno del rock secolare, tranne qualche riferimento all'anemico e idrocefalico Cristo universalista. Il problema è che nulla suona meglio che dire alla gente che tutte le religioni portano a Dio, anche se Gesù ha affermato il contrario.

 

george harrison

somewhere in england - george harrison

A sinistra, George Harrison; a destra la cover di Somewhere in England.

 

Praticamente, ogni religione tenta di appropriarsi della figura di Cristo e di annoverarlo nella propria line-up di superstar spirituali, ma noi abbiamo l'evidenza irrefutabile che Gesù ha negato totalmente la possibilità di giungere a Dio tranne che attraverso di Lui: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me» (Gv 14, 6). Questi che vi abbiamo mostrato sono solo alcuni tra i tanti esempi di musica rock in cui la persona di Gesù viene beffata e vilipesa. Se, come spesso si sente dire, pochi o nessuno dei musicisti rock sarebbero coinvolti slipknotnell'adorazione diabolica, è forse una coincidenza che le «sacre» scritture sataniche si siano adempiute nelle loro creazioni così chiaramente? Trattando del Crocifisso, ossia del principale simbolo associato a Cristo, insegna la Satanic Bible: «Guarda il crocifisso; cosa simboleggia? Pallida incompetenza appesa ad un albero» 7. Come simbolo della sua sconfitta e del suo futuro annientamento, la religione satanica aborrisce la croce e tenta continuamente di screditarla. Oggi, ad esempio, milioni di giovani non pensano a nulla portando il crocifisso al collo o facendolo penzolare dai loro orecchini, mentre partecipano in tutto all'immoralità sessuale e ai peccati di abuso di droga per i quali Cristo si è sacrificato sulla croce. Chissà come gode Satana per questa ironia! Questo tipo di profanazione è di moda nel mondo del rock, soprattutto tra le stelle più popolari. è come se il musicista più pervertito, il più grande o il più ossessivo avesse preso di mira la croce. La musica di Prince è piena di allusioni a Gesù e alla croce, che portano a pensare chi è spiritualmente ingenuo che egli sia un nuovo tipo di cristiano. Un altra diva il cui uso della croce è ossessivo e blasfemo è Madonna. Ex ragazza-copertina del periodico Time e - secondo molti sondaggi - una delle donne più ammirate e influenti del mondo per molti giovani, Madonna mescola sacro e profano con un'intensità tale da dare un nuovo significato alla parola «sacrilegio». Nel maggio del 1985, Madonna ha affermato che «i crocifissi è sexy perché c'è un uomo nudo su di essi» 8. Come siamo giunti lontani dai pubblici oltraggi degli anni '60 provocati dalle asserzioni - oseremmo dire benigne - di John Lennon! Gradualmente, siamo divenuti prigionieri di spiriti seduttori, tanto che oggi anche gli atti più spudorati di bestemmia e di profanazione sono divenuti socialmente accettabili.

 

madonna luisa veronica ciccone crocifissa

lovesexy - prince

A sinistra: Madonna crocifissa mentre canta dal vivo nel 2006 durante il Confession Tour. A destra: il «cristiano» Prince nudo sulla cover di Lovesexy (Paisley Park 1988).

 

Nel suo videoclip Hot in the City (1982) Billy Idol crocifigge la sua girl friend tra un'incessante folata di pose sessuali. Tali scene sono divenute così frequenti da far pensare che la musica rock sia un'industria cristiana, almeno finché ci si accorge della loro vera intenzione, del loro vero messaggio e dello stile di vita proposto. Un secondo modo in cui l'inferno usa la croce è attraverso la profanazione tipica della religione e della liturgia satanica. L'inversione della croce, ad esempio, è un elemento essenziale del rituale satanico. In una foto, Johnny Rotten, leader dei Sex Pistols, indossa una maglietta - disegnata da lui stesso - con un crocifisso rovesciato e la parola Destroy («Distruggi») 9.

 

billy idol

crocifissione in hot in the city

johnny rotten - destroy

Da sinistra: Billy Idol, alcuni fotogrammi estratti dal video Hot in the City e Johnny Rotten.

 

La dissacrazione attraverso la distruzione del sacro e l'aggiunta di immagini o simboli demoniaci è parte integrante della religione satanica. Il logo della Church of Satan (il simbolo dell'infinito sormontato da una croce di Lorena), presente nelle prime pagine della Satanic Bible, è stato stampato (insieme ad altri simboli esoterici e a molte rune) anche sul retro della cover dell'album dei Duran Duran intitolato Seven And The Ragged Tiger («Sette e la tigre cenciosa»; Capitol Records 1983).

 

duran duran

seven and the ragged tiger - duran duran

Da sinistra: I Duran Duran e la cover di Seven And The Ragged Tiger.

 

è risaputo che la croce satanica è utilizzata dalle streghe e dagli occultisti. Il punto interrogativo capovolto sta a significare il dubbio sull'operalogo blue oyster cult di redenzione portata a termine da Gesù sulla croce. Tale il simbolo è divenuto anche il logo ufficiale dei Blue öyster Cult. L'intenzione spirituale di questo emblema usato da questa band è ovviamente quello di parodiare la Sacra Scrittura. Ma questo non è l'unico esempio di occultismo all'interno delle composizioni di questo gruppo. Se si ascolta il brano Youre not the one («Non sei quello»), dal loro album Mirrors («Specchi»; Sony Records 1979), è possibile intendere queste parole: «All of the fancy ladies, oh they could talk and talk» («Tutte le signore stravaganti, oh loro potrebbero parlare e parlare»). Anche se questo testo non sembra satanico in superficie, dopo di esso, se si ascolta quel parlottare stridulo, riducendone notevolmente la velocità, è possibile intendere chiaramente queste parole: «Furthermore, Our father who art in Heaven... Satan» («Inoltre, padre nostro che sei nei cieli... Satana»). Questa profanazione dell'autorità e della Persona di Dio Padre ci porta dritto alla terza citazione presa dalla Satanic Bible: «Io guardo fisso nell'occhio vitreo del tuo terribile Geova; io sollevo una grossa ascia e apro in due il suo cranio divorato dai vermi» 10. Forse, la rockstar transessuale Wayne County aveva in mente queste parole quando ha scritto il testo di Storm the Gates of HeavenAssalta i cancelli del paradiso»), dall'album Rock'n'Roll Cleopatra (Royalty 1995):

 

«Storm the gates of Heaven
Hold your head up high
Storm the gates of Heaven
Look God right in the eye».

«Assalta i cancelli del paradiso
Stai a testa alta
Assalta i cancelli del paradiso
Guarda Dio dritto nell'occhio».

 

Questa continua bestemmia è stata intensificata dai Venom. In una nota stampata sul loro album Welcome to Hell («Benvenuto all'inferno»; Phantom Sound & Vision 1985) essi proclamano:

 

«We are possessed by all that is evil
The death of you God we demand
We spit at the virgin worship
And sit at lord Satan's left hand».

«Siamo posseduti da tutto ciò che è male
La morte del tuo Dio domandiamo
Sputiamo sulla Vergine che adori
E sediamo sulla mano sinistra di Satana».

 

I Depeche Mode hanno un approccio più seducente e blasfemo. Nella canzone Personal Jesus, dall'ellepì Violator («Violatore; Reprise/Wea 1990), che parla della fede in Cristo - almeno in questa vita - il coro inizia ad attaccare gratuitamente l'amore e la Persona di Dio. Questo tema raggiunge il suo apice più pervertito nel brano Dear God («Caro Dio»; Caroline 1986), degli XTC. Indovinate cosa si suppone che rappresenti l'albero sotto cui canta il vocalist di questa band nel relativo videoclip...

 

«Dear God, don’ t know if you noticed
but your name is on a lot of quotes in this book.
These crazy humans wrote it, you shoudl take a look.
And all the people you made in your image
still believing that junk is true
Well I know it aint and so do you».

«Caro Dio, non so se hai notato
Ma il tuo nome è citato un sacco di volte in questo libro (la Bibbia).

Queste pazze creature umane lo hanno scritto, dovresti darci un'occhiata.

E tutte le persone che hai creato a tua immagine
Credono ancora che questa cianfrusaglia sia vera.
Bene, io so che non lo è, e lo stesso dovresti fare anche tu».

 

L'albero che appre nel video rappresenta evidentemente la croce, e sono le persone sull'albero nel video che sono al centro di questa citazione presa dalla Satanic Bible: «L'angelo della menzogna si è accampato nelle anime dei giusti. Attraverso la felicità, l'eterna fiamma del potere dimora all'interno della carne del satanista» 11. Come rappresentante di Cristo sulla Terra, la Chiesa e le cose che la circondano sono detestabili per la religione satanica. Ecco cosa cantano gli Scraping Foetus Off the Wheel: «And the only good Christian is a dead Christian»E l'unico cristiano buono è un cristiano morto»).

 

Parlando dei Christian Death, va detto che essi annoverano la Chiesa nel loro elenco di cose da dissacrare nel brano Stairs-Uncertain Journey («Gradini-Viaggio incerto»), presente nel loro LP Only Theatre of Pain («Solo un teatro di dolore»; Frontier Records 1982). Le ultime due frasi di questa canzone non compaiono nel booklet del CD e sono cantate a rovescio. Se si invertono le lettere si ottiene questa frase: «God of city no is there/ Damn the name of God»Il Dio della città non è qui... segue una bestemmia irripetibile»).

 

only theatre of pain - christian death

testo stairs - uncertain journey

A sinistra, la cover di Only Theatre of Pain, dei Christian Death. A destra, il testo scritto a rovescio.

 

L'album Bonded by Blood («Uniti dal sangue»; Centu 1985) è degli Exodus. Il nome, chiaramente, è preso dall'Antico Testamento ed è riferito al popolo eletto, che nell'odierno linguaggio cristiano è la Chiesa in viaggio verso la Terra Promessa (il Paradiso). Sulla cover vediamo la Chiesa «unita dal sangue» ad un'entità demoniaca che è la sua immagine speculare.

bonded by blood - exodus


Provate a dire chi dei due comanda... Il brano Deliver us to Evil («Liberaci dal male») non lascia il minimo dubbio:

 

«My prayers have now been heard
By my lord, my god. Master Lucifer.
There is no life or birth.
When the undead walk the Earth.
Unholy blaspheme and torment.
Are Now Set Free».

«Ora le mie preghiere sono state ascoltate
Dal mio signore, il mio dio. Il maestro Lucifero.
Non c'è vita o nascita.
Quando il non-morto cammina sulla Terra.
Empio bestemmiare e tormento.
Ora sono stati liberati».

 

Il gruppo The Church («La chiesa») descrive la Sposa di Cristo come decaduta, spezzata e senza testa. L'abominevole natura della Chiesa è anche oggetto di un sottile messaggio lanciato dalla canzone dei The Cure intitolata The Holy Hour («L'ora santa»), dall'album Faith («Fede; Elektra/Wea 1981): «I cannot hold what you devour/ The sacrifice of penance in holy hour» («Non posso sopportare ciò che ti divora/ Il sacrificio di penitenza nell'ora santa»). Nel brano Missionary Man, dall'album Revenge («Vendetta»; Legacy/RCA/Sony BMG 1986), questo disprezzo per la penitenza o per il pentimento dei peccati viene gridato ai quattro venti da Annie Lennox, degli Eurythmics, insieme all'avvertimento di evitare ogni contatto con chi potrebbe salvare la vostra anima:

 

«Well, I was born an original sinner
I was born from original sin
And if I had a dollar bill for all the
things I’ve done
There’d be a mountain of money
Piled up to my chin.

Don’t mess with a missionary man»!

«Bene, sono nato un peccatore originale
Sono nato dal peccato originale
E se avessi un biglietto da un dollaro per tutte le cose che ho fatto
Avrei una montagna di soldi
Accumulata dal mio coraggio. Non lasciarti importunare dal missionario»!

 

banner centro culturale san giorgio ccsg

Note

 

1 Traduzione dall'inglese, a cura di Paolo Baroni, dell'articolo Rock Music's Lampooning of Christ and Christianity («La satira di Cristo e del cristianesimo nella musica rock»), reperibile alla pagina web

http://www.inplainsite.org/html/rock_music_vs_christ.html

2 Sembra che la storia che LaVey avrebbe recitato nel film nella parte del diavolo sia un falso (N.d.T.).

3 Cfr. The Book of Satan («Il Libro di Satana»), cap. I, versetto 6.

4 Cfr. H. Davies, The Beatles, McGraw-Hill, 1985, pag. 103. Questa vignetta appare nel libro Skywriting by Word of Mouth, Harper & Row Publishers, 1986, pag. 189.

5 Cfr. A. Goldman, The Lives of John Lennon («Le vite di John Lennon»), William Morrow and Company, Inc., 1988, pag. 120.

6 Alcuni lettori ricorderanno la dichiarazione che il beatle John Lennon fece alla stampa internazionale nel 1966: «Il cristianesimo è destinato a scomparire, raccoglierà sempre meno fedeli fino a svanire del tutto. Non c’è nulla da discutere su questo punto: ho ragione e i fatti mi daranno ragione. In questo momento siamo più popolari noi di Gesù».

7 Cfr. Book of Satan, cap. II, versetto 1.

8 Cfr. Spin, maggio 1985, pag. 44.

9 La foto è stata scattata da Mick Jagger sul palcoscenico durante il tour mondiale del 1981 degli Stones.

10 Cfr. Book of Satan, cap. I, versetto 10.

11 Ibid., cap. 5, versetto 13.

 

home page