titolo il «vangelo» predicato dai behemoth

a cura di Paolo Baroni

 

postato: 15 dicembre 2012

ultima modifica: 6 giugno 2014

 

 

Ci siamo già interessati di questa black metal band polacca analizzando in questa stessa sezione il video Decade of Therion (1999), interamente dedicato all'occultista inglese Aleister Crowley (1875-1947). Altrove, abbiamo anche sottolineato il significato anticristiano della cover del DVD Evangelia Heretika (2010). Ci dedicheremo ora all'analisi dei simboli e delle figure presenti sulla copertina del CD-ROM Evangelion (Nuclear Blast 2009).

 

behemoth behemoth - evangelion
I Behemoth Evangelion

 

Sulla cover di Evangelion («Vangelo» in greco), appare una donna. Si tratta di Babalon (nota anche come La Donna Scarlatta, La Grande Madre o La Madre delle Abominazioni). Essa è una dea presente nella religione di Thélema, un sistema mistico creato nel 1904 da Aleister Crowley mentre scriveva il suo The Book of Law («Il libro della Legge»). Babalon viene spesso descritta come colei che impugna una spada e cavalca la Bestia. Crowley si riferisce spesso a lei come ad una  prostituta sacra, e il suo simbolo fondamentale è il Calice o Graal, che stringe nell'altra mano 1.

 

Il famoso satanista britannico la identifica con Babilonia la Grande, la Meretrice descritta nel Libro dell'Apocalisse (Ap 17, 1-6). Come potrà constatare il lettore. si tratta di una descrizione esatta della donna che appare sulla copertina di questo CD-ROM. Alla sua destra e alla sua sinistra ci sono il Sole e la Luna (simboli dell'aspetto maschile e femminile), una sigizia che sta a significare il concetto gnostico della conciliazione dei contrari. La si ritrova spesso nella simbologia alchemica o massonica.

 

behemoth - sole e luna - evangelion

sigizia massonica

Sopra: il Sole e la Luna all'interno della cover di Evangelion.

Sotto: raffigurazione massonica della stessa sigizia.

 

Sul copricapo di Babalon c'è il suo sigillo, l'Eptagramma Unicursuale, il simbolo dell'Astrum Argentum (A\A\), l'Ordine fondato da Crowley nel 1907 dopo la sua dipartita dalla Golden Dawn. Questa stella è anche la personificazione thélemica della sfera cabalistica di Binah. Le sette punte rappresentano le sette lettere del nome Babalon, i sette pianeti e i sette chakra.

 

sigillo di babalon - astrum argentum

A sinistra, particolare del copricapo di Babalon sulla cover di Evangelion: a destra, il sigillo dell'Astrum Argentum.

 

Da notare che la figura di Babalon appare anche nella parte finale di Alas Lord Is Upon Me (un brano contenuto in Evangelion), un video con toni ferocemente anticristiani.

 

babalon - alas lord is upon me

 

La Stella della Madre di tutte le Abominazioni appare sul dorso del CD-ROM...

 

behemoth - sigillo di babalon

 

...e sul retro della cover di Evangelion

 

retro evangelion - sigillo di babalon

 

Sullo sfondo del disegno appare anche il sigillo del Templum Babalonis. Quest'ultimo è una Scuola Misterica thélemica dedicata alla Manifestazione di Babalon, dei suoi Misteri e dei i suoi alleati 2. Al centro del sigillo ci sono il Sole e la Luna. Nella parte in alto è scritto in latino Templum Babalonis («Tempio di Babalon»), mentre nella parte inferiore si può leggere la frase In nomine Babalon et vox Sanctæ Meretricis («Nel nome di Babalon e della voce della santa meretrice»).

 

behemoth - templum babalonis

 

Durante i concerti live dei Behemoth, il leader, chitarrista e cantante del gruppo Adam Michał Darski, in arte Nergal 3, canta davanti ad una scultura metallica di questo sigillo. Non è da escludere che sia stato iniziato a questa Scuola Misterica.

 

nergal - templum babalonis

 

Altre volte, Nergal si esibisce dal vivo davanti all'Esagramma Unicursuale, un altra stella che Crowley ha mutuato dall'Hermetic Order of the Golden Dawn.

 

nergal - esagramma unicursuale

 

Ma torniamo alla copertina. Ai piedi della Grande Prostituta (in segno di disprezzo) ci sono le Tavole della Legge (i Dieci Comandamenti) distrutte, a significare il rifiuto della Legge cristiana espresso dal «fà ciò che vuoi» thélemita. Babalon rappresenta infatti la lussuria e la donna liberata da ogni vincolo morale.

 

evangelion - fà ciò che vuoi

 

I titoli dei testi confermano la linea satanica intrapresa dal gruppo. Ad esempio, Shemhamforash, il secondo brano dell'album, è una corruzione della parola ebraica Shem ha-Mephorash, uno dei nomi di Dio usati nella Kabbalah per scopi magici. Questo potente nome viene usato nei riti di magia nera all'interno dei grimori (e in particolare nel Lemegeton) per evocare e controllare settantadue demoni. Esso viene menzionato nel Liber 78 di Crowley e nella Satanic Bible (1969) di Anton Szandor LaVey (1930-1997) come parte integrante nei rituali della Church of Satan, seguito dal saluto Hail SatanAve o Satana») 4.

 

dal documentario del 1970

Satanis: The Devil's Mass

 

Se qualcuno pensa che tutto questo simbolismo sia solo un apparato scenografico o una montatura discografica per vendere più dischi, riportiamo quanto successo di recente. Nel settembre 2007, durante un concerto dei Behemoth a Gdynia (Polonia), Nergal ha definito la Chiesa cattolica «la sètta più assassina del pianeta», e ha strappato sul palco una Bibbia (come fà anche Marilyn Manson) dicendo che si tratta di un «libro di bugie» 5.

 

nergal strappa la bibbia

 

 

Scarica o guarda il video

kb 7.923

 

In verità, Nergal aveva già espresso lo stesso concetto facendosi fotografare con una Bibbia su cui era scritta la parola rosso-sangue LiesBugie»)...

 

behemoth - bibbia bugiarda

 

Sempre a questo proposito, vorremmo ricordare che una delle canzoni dei Behemoth è intitolata Christians to the LionsI cristiani ai leoni»), un brano incluso nell'album Thelema 6 (Avantgarde Music 2000). Ebbene, anche questa frase è un «tenero» augurio mutuato da Crowley, il quale era solito ripeterlo 6. Questo motto è stato stampato sul retro di una delle magliette commercializzate dai Behemoth. Sul davanti, invece, è stata stampata un'immagine riporesa da un'icona che rappresenta il martirio di Sant'Ignazio di Antiochia, il Vescovo dato in pasto alle belve durante una persecuzione romana nell'anno 107.

 

behemoth - christians to the lions

 

Concludo questa analisi con tre brevi riflessioni: la prima è che, come in altri casi analoghi, non ci troviamo di fronte a degli sprovveduti, ma a persone che conoscono bene (e probabilmente per esperienza personale) ciò di cui parlano nei loro testi e del significato più profondo dei simboli di cui fanno largo uso (ciò che Nergal definisce «la filosofia del gruppo»). La seconda invece è una risposta a chi ci critica.

 

Veniamo da più parti accusati di demonizzare certa musica. Mi chiedo: ma è forse possibile «demonizzare» ciò che di per sé sprizza abbondantemente demonismo (e anticristianesimo) da tutti i pori? Credo proprio di no. Non si può che prenderne atto. E infine: la libertà di espressione può autorizzare a calpestare senza ritegno i sentimenti e la fede dei cattolici? In nome della libertà, feticcio e idolo della democrazia moderna, si offendono non solo i cattolici, ma anche le nostre radici, e in ultima analisi i nostri stessi padri che nei secoli hanno custodito - anche a costo della loro vita - e ci hanno trasmesso intatta la fede in Gesù Cristo.

 

Se lasciamo che ciò accada senza reagire - anche per scopi «artistici» - siamo destinati a divenire in qualche modo dei gusci vuoti, ossia gente priva di alcuna identità, piante senza radice destinate a non portare alcun frutto, buone solo per fare legna da ardere, come ci ricorda il Vangelo (quello vero, naturalmente, e non quello avvelenato dei Behemoth e di Crowley).

 

the satanic bible - nergal behemoth

Alle pagg. 58-59 di The Satanic Bible (Avon Books 1969), il manuale della Church of Satan californiana,

tra i nomi elencati dei demoni da evocare nel corso dei rituali figurano anche Behemoth e Nergal.

Ecco la fonte di ispirazione di Darski per il suo nome d'arte e per il nome del suo gruppo!

 

LA MEMORIA CORTA (O FORSE L'IGNORANZA)

DI ADAM «NERGAL» DARSKI

Dopo un secolo dalla cocente disfatta di Lepanto (1571) i turchi tentarono via terra di sommergere l'Europa e la cristianità. Maometto IV (1641-1693), al principio del 1683, consegnò a Kara Mustafà (1626-1683) lo stendardo di Maometto facendogli giurare di difenderlo fino alla morte. Il Gran Visir, orgoglioso della sua armata di 300.000 soldati, promise di abbattere Belgrado, Buda, Vienna, straripare in Italia, giungere fino a Roma e collocare sull'altare di San Pietro il trogolo del suo cavallo. Nel luglio del 1683, l'esercito turco arrivò sotto le mura di Vienna e la strinse d'assedio.

 

La città stava per soccombere quando l'11 settembre, su invito di Papa Innocenzo XI (1611-1689), con soli 40.000 uomini Jan Sobieski III (1629-1696), re della Polonia, raggiunse le mura della città e riuscì a sconfiggere l'armata turca e a scongiurare che l'Europa diventasse un emirato  ottomano. L'Europa fu così salva grazie all'eroismo del sovrano polacco, un fedele devoto della Chiesa cattolica, che ora Nergal definisce in maniera sprezzante «la sètta più assassina del pianeta». Chissà perché certa gente della Chiesa ricorda solo l'Inquisizione e mai i grandi benefici che ha ricevuto. Quando si dice memoria corta...


banner centro culturale san giorgio

 

Note

 

1 Vedi pagina web

http://en.wikipedia.org/wiki/Babalon

2 Vedi pagina web

http://www.templeofbabalon.com/

3 Lo pseudonimo Nergal proviene dalle mitologia mesopotamica: il richiamo è a Nerigal, Signore della grande città, re dell'oltretomba e sposo di Ereshkigal, la regina degli inferi. Vedi pagina web http://it.wikipedia.org/wiki/Adam_Micha%C5%82_Darski

4 Vedi pagina web

http://en.wikipedia.org/wiki/Shemhamphorasch

5 Vedi pagina web

http://musicametal.blogosfere.it/2010/03/behemoth-nergal-rischia-il-carcere-per-dissacrazione-della-bibbia.html

Il video dell'atto sacrilego è reperibile alla pagina web

https://www.youtube.com/watch?v=y11y0WK-qqs

In seguito a questo episodio, Ryszard Nowak, dirigente della Commissione polacca per la difesa contro le sètte, ha accusato la band polacca di diffondere il satanismo e di offendere la religione cattolica. Per evitare guai con la giustizia ed essere formalmente accusato di oltraggio alla fede cattolica, Nergal si è difeso invocando a suo favore la libertà di espressione artistica e affermando: «Non offendiamo nessuna persona in particolare: vogliamo solo offendere la religione che ci è stata imposta durante gli anni della nostra formazione». In seguito, Nergal è stato prosciolto anche perché nel frattempo è intervenuta in sua difesa la Commissione Europea che si è pronunciata contro il processo in corso per blasfemia, citando la Convenzione Europea per la Salvaguardia dei diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali: «Questo diritto protegge non solo informazioni o idee che sono favorevolmente accettate o ritenute non offensive o non rilevanti, ma anche quelle che offendono, scioccano o turbano».

Vedi http://metalitalia.com/articolo/behemoth-la-commissione-europea-in-difesa-di-nergal/

Dubito che la Commissione Europea si sarebbe espressa allo stesso modo se i Behemoth avessero strappato in pubblico le pagine del Corano o bruciato una bandiera di Israele. Di certo sarebbe scoppiato il pandemonio e Durgal avrebbe rischiato una fatwa (la condanna a morte prevista dalla sharia) o l'accusa di antisemitismo. Ma, ormai si sa, contro Cristo e la sua Chiesa tutto è permesso...

6 Vedi pagine web

http://ac2012.com/2010/01/05/against-all-gods-of-men/

http://tim.maroney.org/CrowleyIntro/Christianity.html

http://www.elyrics.net/read/b/behemoth-lyrics/comments-to-thelema-lyrics.html

A quanto pare, anche Jimmy Page dei Led Zeppelin ha più volte riproposto questo auspicio.

 

home page