titolo il significato dei tarocchi

ultima modifica: 8 gennaio 2019

 

 

Album

Agents of Fortune

cover agents of fortune

Autore

Blue Öyster Cult

Genere: psychedelic rock

Casa discografica e anno

Columbia Records 1976

Studio grafico

John Berg, Andy Engel

foto blue oyster cult

Clicca per ingrandire

 

Sulla cover dell'ellepì Agents of Fortune, dei Blue Öyster Cult 1, è raffigurato quel che sembra essere un prestigiatore. Con la mano sinistra tiene quattro carte, mentre con la destra indica una strana croce: il logo del gruppo.

 

agents of fortune - blue oyster cult

Sopra: la copertina aperta del vinile dell'album Agents of Fortune.

 

In realtà, le carte non sono quelle di un normale mazzo di carte da poker, ma Tarocchi, utilizzati volgarmente dai cartomanti per predire il futuro, ma a cui gli alti iniziati della Massoneria hanno dedicato diverse opere per spiegarne il profondo significato esoterico.

 

prestigiatore con tarocchi

 

Se si attribuisce a questi Tarocchi il loro significato divinatorio, si ottiene questa frase: «Colui che va contro il potere affronterà la morte». Il «potere» in questione è indicato dall'altra mano: il logo della band corrisponde al simbolo astrologico del dio Saturno/Crono, ma è anche la croce della confusione, un simbolo dell'occulto che mette in dubbio la morte in croce di Gesù Cristo.

 

il segno del potere logo dei blue oyster cult

 

Creato da Bill Gawlick per il primo album del gruppo, questo simbolo corrisponde al simbolo astrologico del dio Saturno/Crono, secondo la mitologia greco-romana re dei Titani e padre di Zeus. Si tratta dell'immagine del dio del tempo col suo falcetto, corrispondente al concetto moderno del Grim Reaper (spesso raffigurato come la morte con la falce). Non a caso uno dei brani più conosciuti contenuto in questo LP è proprio (Don't Fear) the Reaper («[Non temere] il tipo con la falce»), un pezzo che invita apertamente al suicidio amoroso di coppia. Questo fregio è anche il simbolo alchemico del piombo, uno dei metalli più pesanti.

 

bill gawlick

Sopra: Bill Gawlick.

 

Parlando del dio Saturno/Crono, scrive l'esperta di occultismo e di Massoneria Cathy Burns nella sua voluminosa opera Masonic and Occult Simbols Illustrated («Simboli massonici ed occultistici illustrati»; Sharing, 1998):

 

«Un altro nome di Osiride è Saturno. L'autore massonico J. S. M. Ward spiega che "Saturno è in realtà Satana, il Tentatore o meglio l'Esaminatore" 2. Eliphas Levi afferma: "Le opere di maledizione e di morte sono opera di Saturno" 3. "Nessuno stupore, dunque, se Saturno viene chiamato "il Signore della Morte 4.

 

piramide e saturno

 

A conferma di questa analisi, sul retro della cover sono stati disegnati il pianeta Saturno e una Piramide, un altro simbolo del potere esoterico e massonico. In definitiva, il messaggio lanciato da questa enigmatica copertina è il seguente: «Colui che va contro Satana (il "potere") incontrerà la morte»! 5 Ma c'è dell'altro. Più sopra abbiamo visto che le carte utilizzate sulla copertina siano in realtà Tarocchi. Ma non si tratta di Tarocchi qualsiasi, bensì del mazzo dei Tarocchi di Thoth ideato e realizzato negli anni 1938-1943 dal mago nero Aleister Crowley (1875-1947) 6.

 

aleister c rowley - thoth tarot deck

Sopra: l'occultista britannico Aleister Crowley e a lato il mazzo

dei Tarocchi di Thoth. Quest'ultimo era un'antica divinità egizia.

 

agents of fortune - tarocchi di crowley

Sopra: da sinistra, il Tarocco della Morte, quello dell'Imperatrice, quello

dell'Imperatore e infine quello del Sole, tutti e quattro presi dal mazzo dei Tarocchi di Thoth.

 

Ricordiamo inoltre che nel mazzo ideato da Crowley figura anche il Tarocco della Fortuna (che sostituisce quello della Ruota della Fortuna dei Tarocchi classici), che potrebbe avere ispirato il titolo dell'album. La presenza di questi Tarocchi sulla cover non fa che confermare la connessione di questa band statunitense con il famoso mago nero, testimoniata anche dall'inserimento di un messaggio velocizzato nel brano You Are Not the One, dall'album dei Blue Öyster Cult intitolato Mirrors (CBS Records 1979), in cui, tra le altre cose, si parla anche di Bertzabel, un demone evocato da Crowley per la prima volta nel 1919. Tutto combacia con la vena esoterica presente in tutte le produzioni di questo gruppo.

 

 

banner centro culturale san giorgio ccsg

 

Note

 

1 Questa cover è analizzata nel libro di D. W. Cloud, Rock Music Vs. the God of the Bible («La musica rock contro il Dio della Bibbia»), Way of Life Literature, Washington 2000, pagg. 318-319. Vedi il ns. opuscolo Rock anticristo, pubblicato nella Collana «Quaderni di San Giorgio».

2 Cfr. S. S. M. Ward, Freemasonry and the Ancient Gods («La Massoneria e gli antichi dèi»), pag. 232.

3 Cfr. E. A. Waite, The Secret Tradition of Freemasonry («La tradizione segreta della Massoneria»), Rider & co, Londra 1937, pag. 214.

4 Cfr. T. Marrs, Mistery Mark of the New Age: Satan's Designe for World Domination («Il marchio misterioso della Nuova Era: il piano di Satana per il dominio mondiale»), Crossway Books, Westchester 1988, pag. 69. Tutte le citazioni sono estratte dal succitato libro di Cathy Burns (pagg. 164-165).

5 Questo disco contiene, tra l'altro, il brano Don't Fear the Reaper («Non temere il mietirore»), una canzone accusata di essere un invito al suicidio.

6 Di questa notizia se ne dà conferma alla pagina web

http://boc.wikia.com/wiki/Agents_of_Fortune_(Album)

In questa pagina si afferma che qualcuno avrebbe regalato questo mazzo di Tarocchi ai Blue Öyster Cult.