titolo steve hackett e l'eremita dei tarocchi

ultima modifica: 26 marzo 2015

 

 

Voyage of the AcolyteIl viaggio dell'adepto»; Charisma Records 1975) è un album di Steve Hackett. Fu il primo pubblicato come solista dall'allora chitarrista dei Genesis. Considerato spesso come un album ufficioso di questa band inglese, per la presenza di Mike Rutherford e Phil Collins, esso è incentrato sul tema del viaggio dell'iniziato, concetto caratteristico dell'interpretazione esoterica dei Tarocchi. I titoli dei brani rimandano infatti ai nomi di alcuni degli Arcani maggiori: rispettivamente la Papessa (Priestess), la Torre folgorata (Tower struck down), l'Eremita (The Hermit), la Stella (Star of Sirius), gli Amanti (Lovers) e Il Papa (Hierophant).

 

steve hackett - voyage of the acolyte

Da sinistra: il chitarrista Steve Hackett e il suo album Voyage of Acolyte.

 

Tutti i brani sono estremamente interessanti, ma è nostra intenzione concentrare la nostra attenzione su The Hermit, dedicato al IX Tarocco, quello dell'Eremita, una figura molto significativa da un punto di vista dell'occultismo. Ecco il testo della canzone:

 

The Hermit 1

L'Eremita

«The mantle of attainment
Weighs heavy on his shoulders
Guided by a lantern
Flickering he grows older
A refuge found in exile
He shuffles on in blindness
You'll take his hand, he'll lose himself
Bewildered by your kindness
Enshrouded by darkness
A figure slowly forms
Through many years of banishment
No shelter from the storm
To find this slave of solitude
You'll know him by his star
Then take his hand, he'll lose himself
Knowing who you are»
.

Il mantello delle cognizioni

Un cammino pesante sulle sue spalle

Guidato da una lanterna

Invecchia tremolante

Un rifugio trovato in esilio

Si trascina nella sua cecità

Prenderai la sua mano, si perderà

Sconcertato dalla tua gentilezza

Avvolta dall'oscurità

Una figura prende forma lentamente

Attraverso molti anni di bando

Nessun riparo dalla tempesta

A trovare questo schiavo della solitudine

Lo riconoscerai dalla sua stella

Prenderai poi la sua mano, si perderà

Sapendo chi sei.

 

Per capire di chi stiamo parlando, ecco alcune versioni del celebre Tarocco.

 

esempi del tarocco dell'eremita

 

I Tarocchi sono un tipo di carte da gioco che trovano la maggiore diffusione in Europa, tra la fine del Medioevo e il Rinascimento. Nati anticamente come gioco di carte nelle corti signorili dell'Italia settentrionale, oggi sono utilizzati popolarmente a scopo divinatorio, ma in virtù del loro contenuto sapienziale sono un punto di riferimento fondamentale per gli studiosi di esoterismo che vedono nei ventidue Trionfi, o Arcani maggiori, le tappe di un percorso d'iniziazione.

 

Uno degli occultisti più autorevoli che si è interessato di Tarocchi è senz'altro lo svizzero Oswald Wirth (1860-1943), massone del 33º Grado, che creò un proprio mazzo basato sui Tarocchi di Marsiglia. Wirth ne creò una notevole elaborazione, soprattutto per quanto riguarda la correzione degli errori presenti in questo Tarocco, la giusta attribuzione dei colori e i singoli particolari delle figure.

 

Il risultato che ne ottenne fu quello di un Tarocco altamente significativo dal punto di vista esoterico e altrettanto valido per la pratica della cartomanzia. Su ciascun arcano maggiore è riportata l'attribuzione di una lettera ebraica, secondo lo schema ideato dall'altro grande esoterista Eliphas Levi (1810-1875). Secondo molti, Wirth ebbe il merito di saper recepire e sintetizzare il pensiero e i principî delle più importanti correnti iniziatiche massoniche. Se ne servì per l'interpretazione dei segreti della Grande Opera, dedicandosi allo studio dell’Alchimia, della Kabbalah e dei Tarocchi. Oswald Wirth scrisse quello che è considerato uno dei migliori testi sui Tarocchi in cui definisce l'arte della divinazione come una sorta di sacerdozio 2.

 

eliphas levi - i tarocchi

 Da sinistra: Oswald Wirth e il suo libro I Tarocchi.

 

Ecco cosa scrive Wirth del Tarocco dell'Eremita 3:

 

oswald wirth sul tarocco dell'eremita

 

Che in un linguaggio comprensibile anche ai non-iniziati significa: se il Mago incontra il Serpente - Satana - non lo allontana o lo schiaccia - come fà la Donna alata dell'Apocalisse - la Beata Sempre Vergine Maria - ma fà ricorso ai suoi poteri per realizzare i suoi sordidi scopi. Il mantello è il simbolo del segreto nel quale agisce l'Iniziato e la lanterna è figura della Conoscenza dei Misteri che lo guida sulla via dell'autodeificazione, mèta del vero satanismo.

 

tarocco dell'eremita IX di oswald wirth

Il Tarocco dell'Eremita rielaborato da Oswald Wirth.

 

Ma c'è un altro album in cui questo Tarocco dai significati luciferini fà la sua comparsa: parliamo del IV album (Atlantic Records 1971) dei Led Zeppelin. Nell'interno aperto della versione su vinile c'è proprio l'Eremita dei Tarocchi!

 

eremita - led zeppelin

 

La presenza di questa figura ieratica in una cover dei padri dell'hard rock non è affatto casuale, visto che Jimmy Page, virtuoso chitarrista dei Led Zeppelin è un devoto seguace del Mago Nero inglese Aleister Crowley (1875-1947), anch'egli grande studioso dei Tarocchi. Ma di questo aspetto satanico del famoso quartetto britannico parleremo altrove...

 

banner centro culturale san giorgio ccsg

Note

 

1 Traduzione del testo a cura di Francesco D'Apice, che ringraziamo.

2 In Italia, questa opera è uscita per i tipi delle Edizioni Mediterranee, Roma 1990.

3 Cfr. O. Wirth, op. cit., pag. 172.

 

home page