titolo gwen stefani: lussuriosa o blasfema

ultima modifica: 31 marzo 2015

 

 

Luxurious è una canzone della cantante statunitense Gwen Stefani. È il quinto singolo estratto dall'album Love. Angel. Music. Baby (Interscope 2004). Il testo della canzone è stato scritto da Gwen Stefani e dal bassista Tony Kanal. Esso parla del desiderio di essere «ricchi» e darsi alla bella vita (da qui il titolo che può significare «lussurioso», ma anche «lussuoso»). Nella canzone, i primi versi in francese sono interpretati da Gavin Rossdale, marito della Stefani.

 

gwen stefani - love angel music baby - luxurious

Da sinistra: la popstar Gwen Stefani, la cover dell'album Love. Angel. Music. Baby e quella del singolo Luxurious.

 

Il video di Luxurious è stato girato da Sophie Muller e vede la Stefani, sempre accompagnata dalle Harajuku Girls, passare da un centro estetico ad una gioilleria, per concludere ad una festa all'aperto. Alternata a queste sequenze vediamo la cantante cantare seminuda sdraiata mentre si accarezza lascivamente su un tappeto di caramelle. è proprio in queste scene, una delle quali apre il video, che è possibile vedere cosa indossa la Stefani. Apparentemente, oltre ad un paio di pantaloncini con la scritta «Luxurious», sembra indossare un semplice top verde e di altri colori...

 

gwen stefani - luxurious gallery

 

In realtà, sul top c'è un'immagine di Nostra Signora di Guadalupe, la famosa icona miracolosa della Madonna venerata nel santuario costruito sul monte Tepeyac a Città del Messico. La figura non si distingue con facilità in quanto l'indumento è aperto, ma si se ricongiungono i due lembi l'immagine della Vergine appare chiaramente 1.

 

gwen stefani - madonna di guadalupe

 

Giustamente, qualcuno ha detto che Gwen Stefani tenta di scimmiottare Madonna. Questa irriverente mistura di sacro e profano conferma questa opinione. Dunque, lussuriosa o blasfema? Entrambe le cose.

 

banner centro culturale san giorgio ccsg

 

Note

 

1 La presenza di questa immagine sacra ci è stata segnalata da Francesco Santia D'apice, che ringraziamo.

 

 

home page