titolo l'occulto potere della massoneria

 

di Maurice Pinay 1

 

postato: 21 maggio 2010

ultima modifica: 27 luglio 2012

 

33º grado della massoneria

 

Il libro da cui è stato estratto questo testo era un tomo voluminoso (617 pagine), intitolato Complotto contro la Chiesa, che venne distribuito ai Padri Conciliari durante il Vaticano II (1962-1965) per metterli in guardia dalle trame giudaico-massoniche poste in atto contro la Chiesa cattolica. Purtroppo, il grido d'allarme lanciato dall'Autore non venne ascoltato. La Dichiarazione conciliare Nostra Ætate, sulle relazioni con l'ebraismo e con le altre religioni non cristiane, il cui testo era stato redatto nelle Logge della Massoneria esclusivamente ebraica del B'nai B'rith, venne approvato il 28 ottobre 1965. In realtà, dietro lo pseudonimo Maurice Pinay, c'era un gruppo di sacerdoti messicani, guidati dal gesuita Padre Joaquin Saenz y Arriaga s.j., che lottò strenuamente per impedire alla giudeo-Massoneria di pilotare il Concilio nella direzione voluta dai nemici della Chiesa.

 

I

La Massoneria, nemica della Chiesa e del cristianesimo

II

Gli ebrei, fondatori della Massoneria

III

Gli ebrei che dirigono la Massoneria

IV

I crimini della Massoneria

V

La Massoneria propagandista della rivoluzione giacobina

 

 

I

LA MASSONERIA, NEMICA DELLA

CHIESA E DEL CRISTIANESIMO

 

Poiché il tema di questo capitolo seconda parte del libro è stato trattato con ineguagliabile maestria, e analizzato in profondità, da eminenti personalità come Sua Santità Papa Leone XIII (1810-1903), l'Eminentissimo Cardinale José Maria Caro (1866-1958), Arcivescovo di Santiago nel Cile, Monsignor Léon Meurin (1895), Arcivescovo e Vescovo di Port-Louis, nonché da diversi altri, sempre insigni, scrittori e studiosi cardinale josé maria caroecclesiastici e secolari - i quali hanno anche copiosamente documentato i loro argomenti - noi ci siamo limitati a trascrivere, letteralmente, queste tanto autorevoli opinioni. Qualsiasi commento, infatti, non potrebbe che risultare per lo meno superfluo. Sua Santità Leone XIII, nella Sua Enciclica Humanum Genus, del 20 aprile 1884, dice: «I Romani Pontefici, nostri Predecessori, vegliando, solleciti della salvezza del popolo cristiano, conobbero ben presto chi era, e cosa voleva, questo nemico capitale; lo conobbero non appena esso si affacciò dalle tenebre della sua occulta congiura e non appena esso, rivelando la sua ispirazione e il suo metodo, prese a minacciare con le sue previsioni, quei prìncipi e quei popoli che non si lasciavano sorprendere dalle male arti e dalle insidie approntate per ingannarli. Il primo avviso del pericolo si ebbe nell'anno 1738, da Papa Clemente XII (Constitutum in eminenti, die 24 aprilis 1738), che fu confermata e rinnovata da Papa Benedetto XIV (Const. Providas, die 18 maii 1751), da Papa Pio VII (Const. Ecclesiam a Jesu Cristo, die 13 septembris 1821) che seguì le orme di entrambi i suoi predecessori. Leone XII, includendo nella Costituzione Apostolica Quo graviora (Const. data die 13 martii 1825) ciò che in materia era stato decretato anteriormente, lo ratifìcò e confermò per sempre. Pio VIII (Enciclica Traditi, die 21 maii 1829), Gregorio XVI (Enciclica Mirari, die 15 augusti 1835) e Pio IX (Enciclica Qui pluribus, die 9 november 1816). Allocuzione Multiplices inter, die 25 september 1865, ecc... parlarono sicuramente molte volte, ispirati dal medesimo sentimento. Oggi, seguendo l'esempio dei nostri Predecessori - è sempre Papa Leone XIII che parla - abbiamo deciso di esprimerci, dinanzi e contro la stessa società massonica, avverso al sistema della sua dottrina, ai suoi intenti, alla sua maniera di sentire e di operare, onde lumeggiare ancor meglio la sua forza malefica, e quindi impedire il contagio di questa peste così funesta. Non può l'albero buono dar frutti cattivi, ne l'albero cattivo dar frutti buoni (Mt 7, 18), e i frutti della sètta massonica sono, oltre che dannosi, acerbissimi. Dagli indizi certi che poc'anzi abbiamo menzionato risulta qual'è l'ultimo e il principale, dei suoi fini; sappiatelo: la distruzione dalle fondamenta di tutto l'ordinepapa leone XIII religioso e civile stabilito dal cristianesimo, e l'edificazione, alla loro maniera, di un altro ordine con fondamento e leggi tratti dalle viscere del naturalismo. Oltre a questo, gli errori causa di turbamento da noi elencati, bastano già ad infondere negli Stati paura e spavento, perché tolto il timor di Dio e il rispetto delle Sue Divine Leggi, tenuta in minor considerazione la autorità dei prìncipi, consentita e legittimata la mania delle rivoluzioni, scatenate con la maggiore licenziosità le passioni popolari, senza altro freno che un'eventuale condanna, avremo, per forza, mutazioni e scompiglio. Ed è precisamente questo che cerebralmente macchinano, ostentatamente d'accordo, molte organizzazioni di comunisti e socialisti, nei disegni dei quali non può dirsi davvero aliena la sètta dei massoni, visto che questa appoggia apertamente quegli intenti ed è d'accordo con loro sui principali dogmi. Comunque, dinanzi ad un male tanto grave e tanto diffuso, ciò che a noi compete, Venerabili Fratelli, è dedicarci con tutta l'anima alla ricerca di un rimedio. E poiché sappiamo che la migliore e più sicura speranza di rimedio è riposta nella virtù della religione divina, tanto più odiata dai massoni quanto più temuta, riteniamo che di gran lunga il più importante sia servirsi di questa tanto salutare virtù per combattere il nemico comune. Così, tutto ciò che decretarono i Romani Pontefici, nostri Predecessori, per impedire i tentativi e gli sforzi della sètta massonica, quanto Essi sanzionarono per allontanare gli uomini da organizzazioni del genere, o ancor meglio, toglierli a queste, tutte e ognuna di queste cose diamo per ratificate e le confermiamo pienamente con la nostra autorità apostolica». Come si è visto, tanto Sua Santità Papa Leone XIII, come vari altri Sommi Pontefici che lo precedettero, esprimono molto chiaramente la loro condanna della Massoneria, e riconoscono, nel medesimo tempo, che l'intento di questa tenebrosa associazione è quello di distruggere la cristianità, in ciò e per ciò alleata con i socialisti e con i comunisti. Ma... chi dirige la Massoneria? Nelle pagine seguenti dimostreremo che coloro che dirigono la Massoneria sono gli stessi che dirigono il socialismo e il comunismo: gli ebrei.

 

II

Gli ebrei, fondatori

della Massoneria

 

«Smascherare la Massoneria - disse Leone XII (1760-1829) - è vincerla». Se poi riusciamo a spogliarla dei suoi veli, ogni spirito retto, ogni cuore limpido arretrerà con orrore; basterà questo per distruggerla e per farla esecrare dagli stessi che oggi le obbediscono. L'illustre e insigne gesuita Mons. Léon Meurin, Arcivescovo e Vescovo di Port-Louis, nella sua poderosa opera Simbolismo della Massoneria, dimostra con una documentazione schiacciante, che gli ebrei sono i fondatori, organizzatori e dirigenti della Massoneria, della quale essi si servono per conseguire papa leone XIIil dominio mondiale e distruggere la santa Chiesa cattolica. Tra la bibliografia autorizzata che egli sottopone al lettore figurano alcune citazioni che noi riportiamo: «Il primo Consiglio Supremo (della Massoneria) venne costituito, come già abbiamo detto, il 31 maggio 1801 a Charleston, Grado 33 di latitudine Nord, sotto la presidenza dell'ebreo Isaac Long, nominato Ispettore Generale dall'ebreo Mosé Cohen che aveva ricevuto il suo grado a Spitzer, da Hyes, da Franken e dall'ebreo Morin» 2. Erano ebrei, inoltre, i fondatori di quel primo Gran Consiglio che si sarebbe poi convertito nel centro della Massoneria cosmopolita. Questo Gran Consiglio prese sede in America, situato precisamente al 33° Grado di latitudine Nord. Il capo supremo risiede ancora a Charleston, dal 1801. Nell'anno 1889, questi era Albert Pike (1809-1891). La qualifica e il titolo di ognuno dei Fratelli\ e anziani, sono i seguenti: «Poderosissimo Sovrano Commendatore, Gran Maestro del Supremo Consiglio di Charleston, primo Consiglio Supremo del globo; Gran Maestro Supremo Conservatore del Sacro Palladium, Sovrano Pontefice della Massoneria Universale». Con questi titoli pomposi Albert Pike pubblicò la sua «lettera enciclica», nell'anno tredicesimo del suo pontificato, assistito dagli Illustrissimi, Molto illuminati, e Molto Sublimi Fratelli, Sovrani, Grandi Ispettori Generali, Eletti Maghi, che compongono il serenissimo Gran Collegio degli Eletti Maestri, Consiglio della Falange Speciale e del Sacro Battaglione dell'Ordine 3. L'«enciclica» enumera i ventitre Consigli Supremi potenziali, per ora, o funzionanti a cominciare da quello di Charleston, sparsi per tutto il mondo. Successivamente enumera i cento «Grand'Orienti» e le «Grandi Logge» di tutti i Riti, in comunicazione col Supremo Consiglio di Charleston come Sovrana Potenza Massonica (un rituale, questo, esclusivamente ebraico). Enumera, ad esempio, il Grand'Oriente di Francia, il Consiglio Generale del Rito di Misraim, il Gran Consiglio dei Massoni Oldfellows, ecc... Da quanto sopra, possiamo concludere che la Massoneria è una su tutto il globo, pur assumendo innumerevoli forme, sotto la direzione suprema del Sovrano Pontefice di Charleston 4.

 

l Origine ebraica

 

I riti e i simboli della Massoneria e delle altre associazioni segrete ricordano costantemente la Cabala e l'ebraismo, la ricostruzione del Tempio di Salomone, la stella di David, il segno di Salomone, i nomi dei diversi Gradi, come, ad esempio, Cavaliere Kadosh (kadosh, in ebraico, significa «santo»), Principe di Gerusalemme, Principe del Libano, Cavaliere del Serpente d'Airen, ecc... E la preghiera dei massoni inglesi, adottata in unaelia benamozegh riunione tenuta nel 1663, non ricorda forse in maniera evidente la liturgia ebraica? 5 Anche la Massoneria scozzese cita, nel datare ogni suo atto, l'era giudaica. Un libro del massone americano Pike 6, che nel 1889 divenne Capo Supremo del Gran Consiglio di Charleston, ad esempio, da lui scritto nel 1871, è così datato: «Anno mundi 5641». Attualmente, questa cronologia viene conservata soltanto negli alti gradi, mentre i massoni aggiungono generalmente quattromila anni all'era cristiana, e non 3.760 come gli ebrei 7. Il sapiente rabbino Elia Benamozegh (1823-1900) scrive quanto segue: «Coloro che vorranno sottoporsi al lavoro di esaminare attentamente le questioni relative ai contatti tra il giudaismo e la.... Massoneria filosofica, la Teosofia e i misteri in generale, perderanno un po' della loro sdegnosa superbia verso la Cabala. E smetteranno di sorridere spregiosamente dinanzi all'idea che la teologia cabalistica possa avere una missione da compiere nella trasformazione religiosa del domani. Chi sono i veri dirigenti della Massoneria ? La domanda non è certamente una domanda da poco. Questo è infatti uno dei misteri più ben custoditi della sètta, uno dei segreti più attentamente vigilati. Si può affermare, però, che il lavoro massonico si sviluppa in tutto il mondo di pieno accordo, e risulta informato ad uno stesso ed unico piano; che i suoi mezzi sono sempre e dovunque identici e che i fini perseguiti sono costantemente gli stessi. Tutto ciò ci autorizza a credere che esiste quindi un centro unico che dirige tutti i movimenti della setta» 8. Più avanti affronteremo questa questione. Vogliamo ora ricordare, che la cosìddetta Carta di Colonia, datata 24 giugno 1535, parla di un direttore della Massoneria: il Grande Maestro, o Patriarca, che, anche se conosciuto da un numero ristretto di Fratelli\, esiste realmente. Roger Gougenot des Mousseaux (1805-1876) indica che questa selezione dell'Ordine, questi capi effettivi che soltanto pochissimi iniziati conoscono, opera alle dipendenze proficue e segrete dei cabalisti israeliti (pagg. 338-339). Aggiunge inoltre che i veri capi della Massoneria sono gli amici, gli ausiliari e i vassalli dell'ebreo, che essi rispettano come signore e sovrano. Della stessa opinione sono Eckert, Drumont, Deschamps, Mons. Jouin, Lambelin e altri esperti di questioni massoniche frédéric passyed ebraiche 9. Lasciamo ora da una parte gli insegnamenti dogmatici della Massoneria e dell'ebraismo, ed esaminiamo l'alleanza tra il giudaismo e la Massoneria dal punto di vista puramente pratico e reale. Usando la logica non si può fare a meno di giungere alla conclusione seguente, formulata anche da Léon de Poncins (1897-1976), nella sua opera dal titolo Le forze segrete della rivoluzione: «L'universalità della Massoneria, il suo durare, la invariabilità dei suoi fini, possono essere perfettamente compresi unicamente se si tratta di una creazione ebraica che serve interessi ebraici. Tutto risulterebbe assolutamente incomprensibile se la sua origine fosse cristiana. La finalità stessa della Massoneria - la distruzione della civiltà cristiana - rivela l'ebreo; perché soltanto lui ne sarebbe beneficiato e soltanto lui, unicamente lui, è animato da un odio talmente violento contro il cristianesimo, da rendergli possibile la creazione di una organizzazione siffatta. La Massoneria - prosegue de Poncins - è una Società Segreta, diretta da una minoranza internazionale. Questa ha giurato un odio implacabile al cristianesimo. Questi tre caratteristici segni sono precisamente gli stessi che formano i lineamenti del giudaismo, lo definiscono e, infine, dimostrano che gli ebrei sono l'elemento direttivo delle Logge» 10. Già nel 1867 era stata organizzata la Ligue Internationale et Permanente de la Paix Lega Internazionale Permanente della Pace»), e il suo segretario, l'ebreo Frédéric Passy (1822-1912), abbozzò l'idea di un tribunale per indagare e quindi decidere senza appello, in merito a tutti i conflitti tra le nazioni 11. Il giornale Archives Israélites auspicava egualmente, nell'anno 1864, la costituzione di un tribunale siffatto. «è naturale e anche necessario - scriveva un tale Levy Bing - che si realizzi presto la formazione di un altro tribunale - un tribunale supremo - al quale dovranno essere sottomessi i grandi conflitti politici, i contrasti tra nazione e nazione; un tribunale che giudicherà in ultima istanza, e la cui ultima parola sarà decisiva. Questa parola sarà quella d'Iddio, pronunciata dai suoi figli primogeniti (gli ebrei), e dinanzi alla quale s'inchineranno con rispetto tutti gli uomini dell'Universo, nostri fratelli, nostri amici, nostri discepoli» 12. Questi sono i sogni d'Israele. E, come sempre, coincidono con quelli della Massoneria. «Instaureremo la Repubblica in tutta la vecchia Europa - scrive l'Almanacco dei Frammassoni - allorquando regnerà Israele autocraticamente, su tutto il vecchio Continente» 13. Al Congresso Mondiale della Gioventù Ebraica, svoltosi il 4 agosto 1926, H. Justin Godard affermò che gli ebrei sono il sostegno più fermo della Società delle Nazioni, ai quali questa deve la sua esistenza 14. Più preciso è l'ebreo Cassin: «La rinascita del sionismo sarà opera della Società delle Nazioni. Per questo le organizzazionitempio di salomone ebraiche la difendono e per questo i rappresentanti del popolo eletto pullulano a Ginevra» 15. L'Eminentissimo Cardinale Jose Maria Caro, Arcivescovo di Santiago e Primate del Cile dimostra, del pari, nella sua documentata opera Il Mistero della Massoneria, come siano gli ebrei che dirigono questa sètta, con il fine di dominare il mondo e distruggere la santa Chiesa. In proposito sulle origini della Massoneria, egli scrive: «Il rituale massonico, denuncia con assoluta evidenza la sua origine ebraica; i simboli, cominciando dalla stessa Bibbia, ad esempio, lo scudo (rappresentativo dell'insegna) in cui sono effigiati, araldicamente, i cherubini di vario genere descritti nella seconda visione di Ezechiele nonché un bue, un uomo, un leone e un'aquila, le due colonne del tempio massonico, ricordo, quest'ultimo, del Tempio di Salomone; la ricostruzione del Tempio, che simbolizza l'opera massonica, ecc... Le leggende e il catechismo, inoltre, tratti in gran parte dalla Bibbia, interpretata quasi sempre secondo le necessità della sapienza massonica, specialmente la leggenda di Hiram, e che disimpegnano una parte tanto importante nel rito massonico. Le parole, o i termini, usuali come i nomi delle colonne Boaz e Jakin, le parole di riconoscimento o di lasciapassare, Tubalcain, Schiboleth, Giblim o Moabon, Nekum o Nekam, Abibalo, ecc..., l'importanza attribuita ai numeri, cosa tutta propria della Cabala, tutto fornisce una decisiva testimonianza dell'influenza cabalistica nella Massoneria. E, finalmente, i fatti: il regno del terrore, l'esplosione di odio satanico contro la Chiesa, contro Nostro Signore Gesù Cristo, le orribili bestemmie in cui prorompevano i rivoluzionari massoni in Francia, non sono che l'espressione e la realizzazione delle aspirazioni delle sètte cabalistiche e segrete che nel corso di molti secoli hanno operato contro il cristianesimo. Ciò che i bolscevichi, ebrei nella maggior parte, fanno oggi in Russia contro il cristianesimo, non è che una nuova edizione di quanto fecero i massoni durante la Rivoluzione Francese. Gli esecutori sono diversi, ma la dottrina che li muove e li autorizza, nonché la suprema direzione e guida, sono sempre le stesse» 16.

 

III
GLI EBREI CHE DIRIGONO

LA MASSONERIA

 

L'illustre e insigne Mons. Léon Meurin, Arcivescovo e Vescovo di Port-Louis, nella sua documentata opera Filosofia della Massoneria, afferma quanto segue: «I primi undici Gradi della Massoneria [...] servono a trasformare il profano in vero uomo di sentimento massonico. La seconda 33º grado della massoneriaserie, che va dal Grado 12º al Grado 22º, deve consacrare l'uomo Pontefice ebreo; e la terza serie che va dal Grado 23º al Grado 33º, consacra il Pontefice Re Giudeo e Imperatore Cabalistico. La prima cosa che sorprende il nuovo adepto di una Loggia è il carattere ebraico di tutto quanto trova in questa. Dal Grado 1º al Grado 30º non ode parlare che della Grande Opera, di ricostruire il Tempio di Salomone, dell'assassinio dell'architetto Hiram Abiff, delle due colonne Boaz e Jakin (2 Re, 7 21), e di una moltitudine di altri contrassegni e parole sacre, nonché ebraiche, dell'era giudaica, ottenuta aggiungendo 4000 anni alla nostra, onde non onorare la nascita del Divino Salvatore. Oltre ad avere fondato la Massoneria nei diversi Paesi cristiani, gli ebrei si assicurarono il predominio dei Grand'Oriente, sia come numero che come influenza. Fondarono inoltre un gran numero di Logge formate esclusivamente da ebrei. Ancor prima della Rivoluzione Francese del 1789, i Fratelli\ von Ecker e Ecknoffen, avevano fondato ad Amburgo la Loggia di Melchisedec, riservata agli ebrei. Gli ebrei von Hurschfeld e Cotter crearono a Berlino, verso la fine del secolo XVIII, la Loggia della Tolleranza. Già da allora gli ebrei si servivano del trucco di avvicinare i cristiani agli ebrei, col fine di controllarli ideologicamente e politicamente o disorientarli. Erano però costretti a ricorrere alla costituzione di Società Segrete, poiché gli Stati cristiani d'Europa possedevano i mezzi per proteggere i cristiani dagli inganni degli ebrei. Il giornale segreto massone di Lipsia, nel suo numero di ottobre 1864, scriveva che «il centro delle Logge ebraiche funziona a Parigi, sotto la direzione di Crémieux e del Gran Rabbino».

 

l Tratti dall'ebraismo: dottrine, simboli e Gradi massonici

zohar

L'illustre Arcivescovo-Vescovo di Port-Louis, parlando in merito alla origine ebraica della dottrina massonica afferma: «I dogmi della Massoneria sono quelli della Cabala ebraica, e particolarmente quelli del libro "Zohar" ("Luce"). Pur essendo assolutamente vero al cento per cento, questo tuttavia non risulta da nessun documento massonico. è infatti un altro di quei segreti che gli ebrei hanno cura di non far trapelare. Ciò nonostante, noi lo abbiamo ugualmente potuto scoprire seguendo le tracce del numero undici. E da ciò che abbiamo scoperto risulta innegabilmente che i dogmi fondamentali della Cabala ebraica formano parte integrale della Massoneria 17. Nei capitoli precedenti, abbiamo visto che un certo numero di simboli massonici pareva restasse sempre più o meno inesplicabile. Quella simbologia rappresenta invece un'importante parte della Massoneria e ha un gran posto nella sua leggenda. Può essere applicata al popolo ebraico con una facilità stupefacente. In realtà, tutto quanto forma la Massoneria è profondamente, esclusivamente e appassionatamente ebraico: dal principio alla fine. Che interesse avrebbero - è lecito chiedersi - le altre nazioni a ricostruire il Tempio di Salomone? Lo farebbero per loro stessi o per gli ebrei ? Sarebbero queste nazioni o gli ebrei a ritrarne qualche beneficio? Che vantaggi assicura a esse il divorarsi le une con le altre, onde trionfino in tutto il mondo i Principi di Gerusalemme (Grado 16º), i Capi del Tabernacolo (Grado 23º), o i Principi del Tabernacolo (Grado 24º)? Forse le nazioni si sono accordate tra loro per servire da sgabello ai piedi degli ebrei ? (Sl 109). E perché, infine, si affrettano a mettere la loro corona sulla testa (Kether) e il Regno (Malkuth) sotto i loro piedi? è evidente che la Massoneria non è altro che uno strumento in mano agli ebrei, tanto che si è indotti a credere che i massoni non ebrei perdono l'intelligenza e la facoltà di raziocinio lo stesso giorno in cui per la prima volta vengono loro bendati gli occhi» 18.

 

l Considerazione massonica verso gli ebrei

 

L'Eminentissimo Cardinale Caro, nella sua opera Il Mistero della Massoneria scrive inoltre: «Nella Massoneria si nota una grande e specialissima considerazione per gli ebrei. Quando scoppiò la Rivoluzione Francese, ad esempio, venne subito chiesta, e con insistenza, l'attribuzione della cittadinanza francese agli ebrei. Respinta una volta, questa istanza venne rinnovata continuamente. E tanto è stato fatto per chiederla, che alla fine fu concessa. Il lettore ricorderà che in quei giorni, per contro, i cattolici venivano spietatamente perseguitati e assassinati» 19. «La Massoneria ha sempre considerato con vero orrore ogni atteggiamento antisemita: a tal punto che un Fratello francese di sentimenti antisemiti, che in buona fede credeva nella tolleranza e nella possibilità di coesistenza delle varie opinioni politiche della Massoneria, e che presentò, una volta, la sua candidatura alle elezioni a deputato, riuscì eletto; quando si trattò della sua seconda rielezione, vennero però impartiti precisi ordini alle Logge affinché gli facessero guerra. Si trattava di un genere di ordini che difficilmente vengono impartiti e che, comunque, dovettero essere eseguiti alla lettera». Cos'era accaduto? Una cosa semplicissima: l'atteggiamento antisemita del neo-eletto era trapelato.

 

l La preponderanza ebraica nelle Logge

 

Nell'anno 1862, un massone di Berlino, rendendosi perfettamente conto della preponderanza ebraica nelle Logge, vergò da Monaco una interessante pagina: «In Germania - egli scrisse - esiste una Società Segreta, di forma massonica, che è soggetta a capi sconosciuti. I membri di questa associazione sono per la maggior parte ebrei. Sono presenti a Londra, dove, come è noto, cova il fuoco della rivoluzione, due Logge ebraiche, presiedute dal Gran Maestro Palmerston, le cui soglie non sono mai state varcate da cristiani. Ebbene, a quelle due Logge fanno lord palmerstoncapo le fila degli elementi rivoluzionari annidati nelle Logge cristiane. Una loggia di Roma, completamente formata da ebrei, dove convergono tutte le varie diramazioni delle trame ordite nelle Logge cristiane, funziona da Tribunale Supremo della Rivoluzione. è da lì che attraverso capi segreti, vengono dirette le altre Logge. Ed è operando in questa astuta maniera, ossia attraverso il più rigoroso segreto, che gli ebrei riescono a far sì che la maggior parte dei rivoluzionari cristiani siano soltanto dei pupazzi nelle loro mani, inseriti in un movimento ebraico. Durante il periodo annuale in cui si svolge la Fiera di Lipsia, per la quale accorrono in questa città, da ogni parte del mondo, commercianti e industriali ebrei e cristiani, la Loggia Ebraica Segreta, siede ogni volta in permanenza, e mai un massone cristiano vi è stato ricevuto. Tutto ciò dovrebbe far aprire gli occhi a più d'uno tra noi... è chiaro, infatti, che gli ebrei che hanno libero accesso in questa Loggia sono emissari di altre varie Logge: soprattutto di quelle di Amburgo e Francoforte». Gougenot des Mousseaux riferisce questo fatto che conferma quello precedente: «Dopo la recrudescenza rivoluzionaria del 1848, ero in relazione con un ebreo il quale, per un'ostentazione di vanità, tradiva il segreto delle Società Segrete alle quali apparteneva. Egli mi avvertiva sempre, con un otto-dieci giorni di anticipo, di ogni moto rivoluzionario che sarebbe scoppiato in qualsiasi punto d'Europa. Da questo episodio, ho tratto la sicura convinzione che tutti questi grandi movimenti così detti dei "popoli oppressi" ecc..., sono originati e armonizzati da una dozzina di individui che impartiscono ordini alle Società Segrete di tutta l'Europa. Il terreno su cui camminiamo è quindi completamente minato e sono le comunità ebraiche quelle che forniscono il più grosso contingente di questi minatori». Nell'anno 1870, Dee Camille scriveva su Le Monde - il noto giornale francese - che durante un giro da lui compiuto in Italia s'era imbattuto in un suo antico conoscente, massone. Avendogli chiesto come andavano le faccende dell'Ordine al quale apparteneva egli ne ottenne questa risposta: «Ho abbandonato per sempre la mia Loggia, avendo acquisito la profonda convinzione che noi eravamo soltanto strumento degli ebrei, e che questi ci spingevano ad operare per la distruzione totale del cristianesimo» 20. A maggior conferma di quanto sopra, trascriviamo anche la seguente informazione, tratta dalla Revue des Sociétés Secrètes (pagg. 118, 119, del 1924), riguardante l'articolazione del mostruoso apparato che opera nel mondo, diretto da ebrei, al loro servizio o, comunque per il trionfo della loro causa. A grandi linee, l'organizzazione anticristiana, può essere così ricostruita:

 

1. L'Internazionale dell'oro (plutocrazia e Alta Finanza internazionale) alla cui testa si trovano:

  • In America: Morgan, Rockefeller, Vanderbilt e Vanderlippe, ecc... (molti altri di questi nomi non sembrano essere tra i più azzeccati);

  • In Europa: la casa Rotschild e altri nomi di secondaria importanza.

2. L'Internazionale rossa, o Unione Internazionale della democrazia sociale operaia. Questa comprende:

  • La Seconda Internazionale (quella belga, diretta dall'ebreo socialista Emile Vandervelde);

  • L'internazionale n° 2 ½ (quella viennese, diretta dall'ebreo comunista Victor Adler);

  • La Terza Internazionale, o Internazionale comunista (quella di Mosca, diretta dagli ebrei Grigorij Evseevic Apfelbaum, detto Zinoviev, e Karl Radek). Questa idra dalle tre teste (teste che per maggior funzionalità operano separatamente), è comprensiva anche del Profintern («Ufficio Internazionale delle Associazioni Professionali») che ha la sua sede ad Amsterdam e detta la sua parola (ebraica) ai sindacati ancora non affiliati al bolscevismo.

emile vandervelde

victor adler

karl radek

Da sinistra: Emile Vandervelde, Victor Adler e Karl Radek.

 

3. L'Internazionale nera, o «Unione del giudaismo combattente». La parte principale di questa internazionale è disimpegnata dall'Organizzazione Universale dei Sionisti (a Londra); dall'Alleanza Israelita Universale, fondata a Parigi dall'ebreo Adolphe Crémieux (1796-1880); dall'Ordine ebraico del B'nai-Moiche («Figli di Mosè»); e dalle Società ebraiche Henoloustz, Hitakhdaute, Tarbaut, Keren-Haessode e moltissime altre più o meno mascherate, disseminate in tutti i Paesi del Vecchio e Nuovo Mondo.

 

4. L'Internazionale azzurra (o Massoneria internazionale) che affratella per mezzo della Loggia Riunita della Gran Bretagna, della Gran Loggia di Francia e dei Grand'Oriente, di Francia, Belgio, Italia, Turchia, ecc..., tutti i massoni del mondo 21.

 

5. L'Ordine ebraico-massonico del B'nai B'rith («Figli dell'Alleanza»).

 

Questo Ordine, in contrasto con lo statuto delle Logge massoniche, accetta nel suo seno soltanto gli ebrei, conta in tutto il mondo oltre 426 Logge del tutto ebraiche, e serve da legame tra tutte le internazionali sopra enumerate. «I dirigenti del B'nai B'rith sono gli ebrei Henry Morgenthau già ambasciatore degli Stati Uniti a Costantinopoli; Louis D. Brandeis, giudice supremo degli Stati Uniti; Julian M. Mack, sionista;33º grado della massoneria Felix Warburg, banchiere; Abram Elkus; Alfred Kraus, che ne fu il primo presidente; Jacob Schiff, defunto, che sovvenzionò il movimento di emancipazione degli ebrei in Russia; Louis Marshall, sionista» 22. «Sappiamo di sicuro - scrive la Webster - che i cinque poteri a cui ci siamo riferiti, e cioè: la Massoneria del Grand'Oriente, la Teosofia, il Pan-Germanesimo, la Finanza Internazionale e la Rivoluzione Socialista esistono effettivamente ed effettivamente esercitano un'influenza più che determinante su tutti gli affari del mondo. Non siamo più, come si vede, nel campo delle ipotesi, ma in quello reale dei fatti, la cui base poggia su una documentazione schiacciante» 23. «Per tentare l'abbattimento della religione cristiana, e della cattolica in ispecie, occorreva agli ebrei lavorare sott'acqua, e dissimulatamente mandare altri agenti, e dietro di loro nascondersi; non iscoprire l'artiglio giudaico, da tutti esecrato: far cadere la fortezza in nome della libertà. Era quindi necessario scalzare questa granitica base, e sovvertire tutto l'edificio della cristianità. E a questa impresa hanno posto mano, mettendosi a capo del mondo occulto per mezzo della Massoneria che si sono assoggettata. Ecco un secolo; da quando il giudaismo cominciò ad emanciparsi in Francia [...], questa emancipazione fu il frutto, segretamente inteso, di quella rivoluzione che inventò i famosi diritti dell'uomo per eguagliare nei diritti civili gli ebrei a tutti i cristiani. In ciò, e non altro, si restrinse la decantata libertà, in nome della quale fu tramata quella formidabile rioluzione» 24.

 

henry morgenthau

felix warburg

jacob schiff

Da sinistra: Henry Morgenthau, Felix Warburg e Jacob Schiff.

 

IV
I CRIMINI DELLA

MASSONERIA

 

Circa i mostruosi crimini commessi da quel capolavoro del giudaismo moderno che è la Massoneria, così si esprime l'Eminentissimo Cardinale Caro:
«La lettura del rituale massonico lascia trasparire, almeno in alcuni punti, talune orribili e dolorose verità. I suoi adepti, ad esempio, vengono preparati alla vendetta e alla rivoluzione e quindi al crimine». «Durante questi riti - scrive Benoit - i massoni vengono sottoposti ad un'educazione teorica e pratica di violenza. Viene insegnato loro, ad esempio, che l'Ordine massonico persegue il fine di vendicare la morte di simboli massonciAdomhiràn, quindi di uccidere i suoi tre compagni traditori; di vendicare la morte di Jacob De Molay, uccidendo i suoi assassini, che vengono indicati nelle persone del Papa, del re e di Noffedai». Un grado dell'insegnamento saggia il valore dell'iniziato (o per meglio dire la sua cinica, disumana insensibilità), facendolo operare sopra una finta nuca o su teste di manichini tutte guarnite di ventri sanguinosi, appartenenti, in immagine quanto mai reale, a presunti nemici. Un altro grado dell'iniziazione di colui che viene ricevuto, consiste nel fargli abbattere alcune teste collocate su un serpente e, inoltre, nel fargli sgozzare un agnello (Grado 30º del Rito Scozzese Antico ed Accettato), così fingendo di ammazzare un uomo. Talvolta l'iniziato deve ingaggiare combattimenti con nemici che gli contrastano il ritorno e minacciano i suoi averi; tal'altra deve sostare a lungo dinanzi a teste umane piantate su chiodi, a cadaveri rinchiusi nelle bare, mentre intorno a lui i fratelli di dolore concertano le più atroci vendette. Tutti conoscono le vicende dell'assassinio di Pellegrino Rossi (1787-1848), ministro di Pio IX (1792-1878), compiuto dai suoi antichi compagni della Carboneria. Nel 1883, quattro italiani, tali Emiliani, Scuriatti, Lazzoneschi e Adriani, tutti membri de La Giovane Italia, rifugiati in Francia, vennero indicati a Giuseppe Mazzini (1805-1872) e ai suoi seguaci come i colpevoli. Il 22 ottobre 1916 venne assassinato il conte Stüskh, cancelliere austriaco. Fritz Adler, l'assassino, era massone, figlio di un massone, membro di una Loggia svizzera di alti dignitari massonici. Nel corso delle sue dichiarazioni egli rivendicò per tutti, apertamente, il diritto di compiere la giustizia con le proprie mani. In Francia, durante il il periodo dell'affaire Alfred Dreyfus (1859-1935), furono assassinati il capitano d'Attel, che aveva deposto in tribunale contro di lui, il deputato Chaulin Serviniere che aveva raccolto dal d'Attel i particolari della confessione di Dreyfus; il prefetto Laurençeau che aveva denunciato le somme di denaro inviate dall'estero agli amici di Dreyfus, a suo parere per subornarli; l'impiegato del presidio Rocher, che aveva affermato di avere udito Dreyfus confessare parzialmente il suo delitto.

 

pellegrino rossi

giuseppe mazzini

alfred dreyfus

Da sinistra: Pellegrino Rossi, Giuseppe Mazzini ed Alfred Dreyfus.

 

Il capitano Valerio - uno dei testimoni contro Dreyfus - e il presidente Faure, che si era dichiarato contrario alla revisione del processo, sparirono anch'essi in breve volger di tempo. Tutti i difensori di Dreyfus erano massoni e, particolarmente, ebrei. In Svezia il Fratello\ Gustavo III (1746-1792) fu assassino dal Fratello\ Ankerström, emissario della Gran Loggia presieduta da Condorcet (1743-1794), secondo un accordo tra massoni riunitisi nell'anno 1786 a Francoforte sul Meno. In Russia, fu assassinato Paolo I (1754-1801), un massone ribelle che, resosi conto del pericolo rappresentato dalla fratellanza di Loggia, (che altro non è - egli disse - che complicità e omertà nell'estrinsecazione di affari, che per essere trattati così al riparo da ogni indiscrezione sono di natura tutt'altro che limpida), la proibì severamente. La stessa sorte, e per lo stesso motivo, toccò al figlio Alessandro che venne assassinato a Taganrog nell'anno 1825. Gli assassini, nella loro totalità, appartenevano alla Massoneria 25.

 

l Assassinio di non massoni

 

In Francia. La morte di Luigi XVI (1754-1793) è stata attribuita all'opera di massoni. Il Cardinale François-Désiré Mathieu (1839-1908), Arcivescovo di Besançon, e Mons. Bassan, Vescovo di Nîmes, hanno reso noto con lettere che tutto il mondo a suo tempo conobbe, quando fu loro rivelato in merito alla decisione, presa nel 1787, nel Convegno di Wilhelmsbad, di assassinare Luigi XVI e il re di Svezia. Queste rivelazioni vennero fatte ai due insigni prelati da due antichi membri di questo Convegno... Anche l'assassinio del Duca di Berry, nonchè del grande patriota e ardente cattolico Lew di Lucerna (Svizzera), sono stati opera di appartenenti alla sètta... In Austria, il famoso assassinio di Sarajevo, la scintilla che fece divampare l'immane rogo della Prima Guerra Mondiale, fu decretato, annunciato con anticipo, ed eseguito al momento giusto, dalla Massoneria. Un cittadino svizzero, alto dignitario massonico, così si espresse pubblicamente, nell'anno 1912 - si tenga presente la data, che è in anticipo sul crimine di ben due anni! - in proposito al principe che dopo doveva venire assassinato: «L'erede al trono - disse lo svizzero in quell'occasione - è un personaggio di grande intelligenza e di molte qualità. Peccato che sia condannato! Egli morirà quando ancora non avrà raggiunto il trono». I principali responsabili di questo delitto erano massoni. «Queste - dice Wichtl - non sono supposizioni, bensì fatti appurati in giudizio, fatti che, però del tutto intenzionalmente, sono stati sempre taciuti». In Germania, furono assassinati il 30 luglio 1918 il maresciallo Echorn e il suo aiutante, capitano von Dressler. Il giorno avanti, il giornale massonico parigino Le Matin, aveva scritto che una Società Segreta patriottica aveva offerto un forte premio per la testa di Echorn. Non ci vuol poco ad immaginare che razza dì società era quella che aveva passato la notizia a Le Matin. Il 26 marzo 1854, cadde assassinato a Parma il duca Carlo III (1823-1854). L'assassino, tale Antonio Carra, era stato scelto e incoraggiato il giorno prima da tale Adriano Lemmi (1822-1906), nel corso di una riunione segreta massonica da questi presieduta. Questo Lemmi divenne più tardi il Sovrano Gran Maestro della Massoneria d'Italia, e sembra, del mondo. Un certo Lippo aveva confezionato un manichino, effigiante il duca, e su questo manichino tutti i membri della Loggia si erano esercitati (visto che ognuno di loro poteva essere scelto per commettere l'omicidio), nel colpirlo con tremende, scientifiche pugnalate. Il 22 maggio morì Fernando II (1810-1859) di Napoli. Gli venne offerta una fetta di melone contenente un terribile veleno e questa gli procurò una fine atrocemente dolorosa. Anche l'autore di questo regicidio era massone, affiliato ad uno dei rami più criminali della sètta, quello chiamato dei Sublimi Maestri Perfetti. Era discepolo di Mazzini, e una delle persone più rispettabili della corte. L'ex massone Domenico Margiotta, un autore che ha raccolto le notizie relative ad innumerevoli crimini commessi dalla Massoneria in Italia, non si azzarda a fare il suo nome.

 

cardinale mathieu

adriano lemmi

domenico margiotta

Da sinistra: il Cardinale Mathieu, Adriano Lemmi e Domenico Margiotta.

 

In Italia cadde assassinato il 29 luglio 1900, a Monza, in quello splendido parco, l'allora re d'Italia Umberto I (1844-1900), che si era recato colà in visita ufficiale. Il delitto venne commesso dall'anarchico Gaetano Bresci (1869-1901), oriundo di Prato (Firenze), però emigrato da massonetempo negli Stati Uniti d'America e notoriamente appartenente alla Loggia massonica di Peterson, nel New Jersey. In questo caso venne messa in pratica la tradizione che taluni tra i carbonari dettero alla iscrizione sulla Croce (INRI): «Iustum Necare Reges Italiæ»è giusto che i re d'Italia siano ammazzati»). Nel Portogallo venne assassinato re Carlo (1863-1908) e suo figlio Luigi. I massoni prepararono la caduta della monarchia. Il Fratello\ Venerabile Magalhes di Lima, si recò, nel dicembre 1907, a Parigi e fu ricevuto dal Fratello\ Mose, membro della Gran Loggia. In quell'occasione Magalhes, tenne una conferenza, nel corso della quale annunciò la distruzione della monarchia nel Portogallo e la prossima costituzione della repubblica. Il ben noto avversario della Massoneria, l'Abbé Tormentin, scrisse a suo tempo, che i massoni stavano preparando apertamente un colpo di Stato contro la casa reale portoghese ed espresse il timore che da lì a poco re Carlo venisse scacciato dal trono o assassinato. Dieci settimane dopo infatti, i suoi timori si avverarono. Tormentin incolpò pubblicamente e apertamente i massoni di questo assassinio. Ma essi, logicamente, non uscirono mai dall'ombra. In America, Eckert, uno storico americano molto considerato, rivela alcuni particolari sulla persecuzione e l'assassinio di cui fu vittima William Morgan (1774-1826), negli Stati Uniti, che aveva pubblicato un libro che rivelava i segreti della Massoneria, sulla distruzione della tipografia, nonché sulla persecuzione del tipografo e su altri odiosi crimini che furono commessi dopo questo assassinio. L'Autore ci dà anche notizia dell'ondata di indignazione popolare sollevata dal fatto che le pubbliche autorità, quasi tutte massoni, tennero mano agli assassini, apprezzati sommamente dalle Logge 26. è noto, inoltre, che anche l'assassinio del presidente cattolico dell'Ecuador Gabriel Garcia Moreno (1821-1875), fu compiuto per ordine della Massoneria.

 

gaetano bresci

william morgan

gabriel garcia moreno

Da sinistra: Gaetano Bresci, William Morgan e Gabriel Garcia Moreno.

 

l Uccisioni, esecuzioni sommarie e saccheggi

 

Molto utile sarebbe che tutti leggessero la cronaca della Rivoluzione Francese, vergata da Hyppolite Taine (1828-1893), un libero pensatore. Potrebbero così farsi un'idea esatta di quanto avvenne in Francia tra il 1789 e il 1882, ossia negli anni più tragici della rivoluzione. Le Logge della Massoneria funzionarono, in quei giorni, come veri e proprî centri del delitto. Quanto accadde, anche allora, sembra rispondere ad una regola fissa visto che sempre, quando per una ragione o per l'altra, queste diaboliche forze eversive riescono a prorompere, si ha lo stesso quadroghigliottina sanguinoso di morte. Uomini, donne e fanciulli, vengono assassinati, spesso dopo sevizie atroci. Persecuzioni e arresti sono all'ordine del giorno. Neanche i poveri morti vengono lasciati in pace: dissepolti e tratti dalle bare, le loro misere ossa vengono prima esposte a ludibrio e quindi date in pasto ai cani. «Nel periodo suddetto - c'informa diligentemente Taine - centinaia di migliaia di persone, di ogni età e di ogni sesso, furono costrette alla fuga, e altrettante catturate e rinchiuse in carcere. Diecimila persone vennero assassinate in un solo giorno, in una provincia, senza essere state sottoposte al giudizio neanche del più evanescente simulacro di tribunale». Secondo quanto risulta ancora dagli archivi storici del tempo, il generale Lazare Hoche (1768-1797) scrisse nell'anno 1796, ossia dopo sette anni di terrore, al Ministro dell'Interno: «Soltanto un uomo su venti di quelli che formavano la popolazione maschile nel 1789 è restato in vita. Le prigioni stracolme non consentono ai detenuti di sdraiarsi al suolo: i rinchiusi sono oltre 400.000. Più di un milione e duecentomila singoli hanno sofferto nella persona. Diversi milioni, ossia tutti coloro che possedevano qualcosa, hanno sofferto nei loro beni di cui sono stati criminosamente spogliati» 27. Dinanzi a questo spaventevole panorama, che puntualmente, ricompone il suo atroce mosaico ogni qualvolta l'odio lungamente covato e distillato goccia a goccia, principalmente nelle Logge massoniche, dilaga tra il popolo, anche l'Angelo della Morte si copre, inorridito, il volto. L'elenco delle atrocità ispirate e commesse, direttamente o indirettamente, dalla Massoneria potrebbe continuare a lungo. Le opere consultabili, le fonti storiche del tutto serie e attendibili, che ce ne danno notizia, formano una vasta biblioteca - la biblioteca delle persecuzioni di cui è stata fatto oggetto l'umanità - che resterà nei secoli, per sempre, ad ammonire i troppo dimentichi uomini di buona volontà.

 

V
LA MASSONERIA PROPAGANDISTA

DELLA RIVOLUZIONE GIACOBINA

 

L'Arcivescovo e Vescovo di Port-Louis, Mons. Léon Meurin, nella sua opera Filosofia della Massoneria, scrive: «Nel 1844, Lord Disraeli metteva in bocca dell'ebreo Sidonia, le seguenti parole 28: "Da quando la società inglese ha incominciato ad agitarsi, così che le sue istituzioni appaiono lord disraeliminacciate da poderose associazioni, voi potete vedere che gli ebrei, prima tanto leali e sottomessi, militano nelle file rivoluzionarie [...]. Questa misteriosa diplomazia russa, che tanto mette in orgasmo gli occidentali, è organizzata, e per la maggior parte realizzata da ebrei [...]. La formidabile rivoluzione che si sta preparando in Germania, i cui effetti saranno ancor più sconvolgenti di quelli provocati dalla Riforma, si sta organizzando completamente sotto gli auspici dell'ebraismo[...]. Nel conte Cancrin, ministro russo delle finanze, riconosco un ebreo lituano; nel ministro spagnolo Mendizabal, vedo un ebreo aragonese; nel presidente del consiglio francese, maresciallo Soult, riconosco il figlio di un ebreo francese; nel ministro prussiano, conte di Arnim, vedo ancora un altro ebreo [...]. Vedo quindi, caro Coningsby, che il mondo è governato da personaggi molto diversi da quelli in cui credono coloro che non sono al corrente dei fatti reali». Durante la rivoluzione del 1848, diretta dal Grand'Oriente di Francia, il Gran Maestro di questo, l'ebreo Crémieux, divenne ministro della Giustizia. Egli fondò, nell'anno 1860, l'Alleanza Israelita Universale e scrisse impudentemente su Archives Israélites dell'anno 1861 (pag. 651), che «al posto dei papa e dei cesari sta sorgendo un nuovo regno, una nuova Gerusalemme. I nostri bravi massoni, con i loro occhi bendati, aiutano gli ebrei nella Grande Opera di costruzione del Tempio di Salomone, ossia del nuovo impero Cesaro-Papista dei cabalisti». Nel 1862, un massone berlinese stampò un bollettino di otto pagine lamentando la preponderanza che gli ebrei avevano nelle Logge. Sotto il titolo «Segno dei tempi» egli segnalava il carattere pericoloso delle elezioni berlinesi del 28 aprile e del 6 maggio dello stesso anno. «Un elemento - scrisse - è affiorato alla superficie e ha esercitato una pericolosa influenza dissolvitrice in tutti i sentimenti: l'ebreo. Gli ebrei sono alla testa con i loro scritti, parole, azioni. Essi sono i capi e gli agenti principali di tutte le imprese rivoluzionarie e riescono a farle sfociare nelle barricate. Lo si è visto chiaro a Berlino nel 1848. Com'è possibile che a Berlino siano stati eletti 217 elettori speciali, ebrei e che, inoltre, in due distretti, siano stati eletti unicamente ebrei, con esclusione di qualsiasi altro candidato cristiano? Non solo, ma questo stato di cose sta peggiorando, da allora. Gli ebrei costituiscono la maggioranza della Corporazione municipale, dimodoché Berlino può essere chiamata, giustamente, la capitale degli ebrei. Nella stampa gli ebrei parlano di popolo e di nazione come se al mondo esistessero soltanto loro, e i cristiani non vi fossero. La spiegazione di questo potrebbero darla quegli agitatori massoni, che stando alle dichiarazioni del Fratello Lamartine, originarono le rivoluzioni, del 1789, del 1830, del 1848, ecc..., dichiarazioni confermate dal Fratello Garnier Pagès, ministro della repubblica, che affermò pubblicamente, nel 1848, che la Rivoluzione Francese costituiva il trionfo dei principî della lega massonica; che la Francia aveva ricevuto la sua iniziazione massonica e che 40.000 massoni avevano promesso il loro aiuto per portare a compimento l'opera gloriosa dell'avvento della repubblica, destinata a estendersi in tutta l'Europa e, infine, su tutta la faccia della Terra». Il colmo di tutto ciò è costituito dal potere politico e rivoluzionario acquistato dagli ebrei. J. Weil, ad esempio, capo dei massoni ebrei, scriveva in un suo rapporto segreto: «Noi esercitiamo una poderosa influenza sui movimenti del nostro tempo e sul progresso della civiltà, e sempre più la eserciteremo: sino a giungerejuan alvarez mendizábal alla repubblicanizzazione dei popoli». Un altro capo massonico - l'ebreo Louis Boerne - in un suo scritto, del pari segreto, afferma: «Abbiamo scosso con poderosa mano i pilastri sui quali riposa il vecchio edificio, sino a farli gemere». Juan de Dios Álvarez Mendizábal (1790-1853), anch'egli ebreo, anima della rivoluzione spagnola del 1820, capeggiò la presa di Oporto e di Lisbona e, nel 1838, realizzando mediante la sua influenza massonica, la rivoluzione di Spagna, divenne primo ministro. L'eccellentissimo Signor Arcivescovo continua: «L'ebreo Mendizabal, aveva promesso, quale ministro, di restaurare le precarie finanze spagnole, però, in breve volger di tempo, il risultato delle sue manipolazioni furono un terribile aumento del debito nazionale e una grande diminuzione della rendita, nel mentre lui e i suoi amici ammassavano immense fortune. Inoltre, la vendita di oltre 900 istituzioni cristiane, religiose e di carità, dichiarate proprietà nazionale da Las Cortes, dietro istigazione degli ebrei, offrì a questa gente una magnifica occasione per aumentare favolosamente le loro personali fortune. Nella stessa maniera vennero trattati i beni ecclesiastici. L'impudente dileggio dei migliori sentimenti religiosi e nazionali, giunse a tal punto che la favorita di Mendazibal, osò uscire in pubblico ostentando una magnifica collana d'oro e di diamanti che fino a poco tempo fa aveva adornato la statua della Santa Vergine Maria, in una Chiesa della capitale spagnola»! Il massone berlinese da noi citato quasi all'inizio di questo capitolo continua scrivendo: «Il pericolo per il trono e per l'altare minacciati dal la preponderanza ebraica, è giunto al suo punto massimo. Parrebbe quindi giunta l'ora di levare una voce di allarme». Ciò difatti fanno i capi della Massoneria tedesca quando scrivono: «Gli ebrei hanno capito che la cosìddetta Arte Reale (ossia la politica massonica) è un mezzo risolutivo per stabilire il loro regno esoterico [...]. Il pericolo minaccia, non soltanto il nostro Ordine Massonico, ma tutti gli Stati in generale. Gli ebrei trovano nelle Logge molteplici occasioni per praticare il loro arciconosciuto sistema di corruzione e per seminare la confusione in tutte le cose [...]. Tenuta presente la parte giocata dagli ebrei nei crimini della Rivoluzione Francese, e il loro fondato convincimento del futuro regno israelita su tutto il mondo, nonché l'influenza esercitata su un gran numero di ministri di Stato, non può non vedersi quanto pericolosa sia la loro attività otto von bismarcknell'ambito della Massoneria. Il popolo ebraico costituisce una casta in opposizione ostile con tutta la razza umana, perché Dio - si afferma - non ha che un popolo eletto, al quale tutti gli altri popoli debbono servire da sgabello. Occorre tener presente che tra i diciassette milioni di abitanti della Prussia non vi sono che 600.000 ebrei; e occorre, inoltre, considerare l'ardore convulsivo con il quale questo popolo di vivacità orientale e irreprimibile lavora per giungere, con tutti i mezzi, a sovvertire lo Stato, ad occupare, magari attraverso la corruzione a mezzo di denaro, tutte le cattedre di insegnamento superiore e quindi monopolizzare a suo favore la cariche governative». Richard Carlile (1790-1843), una delle maggiori autorità massoniche, scrive: «La Massoneria della Gran Loggia è, attualmente, interamente composta da ebrei». La Gazzetta della Croce, organo principale dei conservatori prussiani, pubblicò, dal 29 giugno al 3 luglio dell'anno 1875, una serie di articoli in cui si dimostrava che i più importanti ministri dei governi tedesco e prussiano - non escluso il principe Otto von Bismark (1815-1898) - erano in mano degli ebrei, i re della Borsa, e che, praticamente, erano i banchieri ebrei che governavano la Prussia e la Germania. Questa realtà indusse l'ebreo Gutzkow ad affermare: «I veri fondatori del nuovo impero tedesco sono gli ebrei. Ebrei sono infatti i più innanzi nelle scienze tutte, nella stampa, nelle arti e nella politica». M. Stamm - un ebreo tedesco, studioso di questioni religiose - scrisse nel 1860 un libro su questo tema, nel quale dimostrò che il regno della libertà universale sulla Terra, verrà fondato dagli ebrei. Sempre nel 1860, lo stesso, pubblicò sul Volksblatt una lunga lettera affermando che gli ebrei avrebbero occupato presto il posto della nobiltà cristiana. «L'aristocrazia caduca - egli scriveva - dovrà togliersi di mezzo nell'epoca di luce e di libertà universale che è così vicina. Non comprendete dunque - continuava la lettera - qual'è il vero spirito della promessa fatta dal Signore Dio Sabaoth a nostro padre Abramo? Promessa che verrà sicuramente mantenuta il giorno in cui tutte le nazioni della Terra saranno sottomesse ad Israele? Credete forse che Dio si riferisse ad una monarchia universale con Israele come re? Oh, no! Dio disperse gli ebrei su tutta la superficie del globo onde realizzare una specie di lievito in tutte le razze umane onde potessero dominarle, da quegli eletti che sono. è difficile - continua la lettera - che la terribile oppressione sofferta dalle nazioni cristiane d'Europa, che si vedono impoverire dall'usura e dall'avarizia degli ebrei e si lagnano nel vedere che le ricchezze nazionali si accumulano tutte nelle mani dei grandi banchieri, possa essere lenita soltanto da sporadiche sollevazioni antisemite. Le monarchie il cui cemento non è stato ancora polverizzato dal martello massonico e le cui dinastie non sono state ancora ridotte al livello dei massoni scamiciati, scalzi e con gli occhi bendati, si coalizzeranno contro la mostruosa sètta e faranno a pezzi le file di questi anarchici». è propriochristian graf von haugwitz Carlile - un massone tra i più furiosi - che scrive, evidentemente atterrito dalla sorte che toccherebbe all'umanità qualora questa cadesse in mano agli ebrei: «Se i legislatori tornano ad occuparsi delle Società Segrete, faranno bene a non compiere alcuna eccezione in favore della Massoneria». Il privilegio del segreto è stato accordato ai massoni in Inghilterra, Francia, Germania e, riteniamo, in tutti i Paesi. Il fatto che tutte le rivoluzioni scaturiscano dal seno della Massoneria risulterebbe inesplicabile se noi non sapessimo, come per certo sappiamo, che eccezion fatta, provvisoriamente, per il Belgio, in tutte le altre nazioni i ministeri sono in mano a massoni e che questi sono a loro volta diretti dagli ebrei 29. Una delle testimonianze più interessanti di queste verità è, senza dubbio, quella del massone Christian Graf von Haugwitz (1752-1832), ispettore delle Logge prussiane e polacche. In un suo libro di memorie, scritto nel 1777, egli dice: «Ho ricoperto la carica di alto dirigente delle Logge della Prussia, Polonia e Russia. Ho acquistato in queste circostanze la ferma convinzione che tutto ciò che è accaduto in Francia dal 1789, la rivoluzione, in una parola, incluso l'assassinio del re, con tutti i suoi orrori, non solo è stato decretato in quelle circostanze, ma anche preparato a mezzo di riunioni, istruzioni, giuramenti e segnali che non lasciano adito a nessun dubbio circa l'acuta intelligenza di chi tutto questo meditò e diresse» 30. Per quanto riguarda l'assassinio di Luigi XVI, disponiamo anche della testimonianza del reverendo padre gesuita Abel. «Nell'anno 1784 - egli dichiara - ebbe luogo a Francoforte una riunione straordinaria della Gran Loggia Eclettica [...]. Uno dei membri di questa mise in discussione la condanna a morte di Luigi XVI, re di Francia, e di Gustavo III, re di Svezia. Quest'uomo si chiamava Abel, come me. Era, purtroppo, mio nonno» 31. Dopo questa riunione, uno degli intervenuti, il marchese de Visien, dichiarò quanto massone francesesegue: «Tutto ciò che posso dire è che si sta tramando una cospirazione così bene ordita e tanto profonda, che sarà molto difficile non soccombano la religione e i governi» 32. L'esistenza di questa cospirazione e il suo proposito di assassinare il re di Francia e il re di Svezia appaiono egualmente confermati dalla maggior parte degli autori che hanno condotto ricerche sul problema massonico 33. D'altronde, i tragici avvenimenti verificatisi confermano pienamente tutte le rivelazioni. Tutti sanno ormai che il 21 gennaio del 1793, re Luigi XVI morì ghigliottinato dopo un simulacro di processo i cui giudici, nella loro maggioranza, erano massoni. L'anno dopo fu la volta di Gustavo III di Svezia ad essere assassinato da tale Aukastrem, discepolo di Condorcet. E nello stesso anno sparì misteriosamente anche l'imperatore Leopoldo. «Che la Francia non sacrifichi per vivere la ragione stessa della sua esistenza - concluse il marchese di Visien - nonché l'ideale filosofico, politico e sociale dei suoi antenati del 1789; che non spegna la fiaccola del genio rivoluzionario col quale ha illuminato il mondo». Lo stesso oratore massone aggiunge: «La peggiore umiliazione per la Francia consisterebbe nel rinnegamento della sua opera rivoluzionaria [...]. Se la nazione un giorno dovesse perire, perisca almeno senza aver abdicato ai suoi ideali» 34. Sull'importanza decisiva attribuita agli ideali ottantanovisti dal Congresso massonico di Bruxelles, così si espresse un altro massone, partecipante al congresso suddetto: «Nessuno dimenticherà mai che fu la Rivoluzione Francese quella che consentì potessero divenire realtà i principî massonici segretamente elaborati nei nostri templi» 35. Nel corso della riunione della Loggia di Angers, tenutasi nell'anno 1922, uno dei Fratelli\ convenuti esclamò: «La Massoneria che ha disimpegnato l'incarico più importante nel 1789, dev'essere pronta a mettere i suoi quadri di combattimento a disposizione di una rivoluzione che è sempre possibile e nei voti» 36. Passiamo ora allo studio della partecipazione ebraica alla rivoluzione in generale. Nel 1648, osserviamo che il grande capo rivoluzionario Oliver Cromwell (1599-1658) fu sostenuto anche dagli ebrei. Una delegazione giunta dal fondo dell'Asia e diretta dal rabbino Jacob ben Azabel si presentò infatti dinnanzi al dittatore inglese, e i risultati di questo colloquio non si fecero attendere: Cromwell usò tutto il suo potere per derogare le leggi restrittive imposte agli ebrei in Inghilterra 37. Uno dei più intimi collaboratori di Cromwell fu il rabbino di Amsterdam Manasse ben Israel (1604-1657) 38. Ernest Renan (1823-1892), che non può essere certo sospettato di antisemitismo, scrive quanto segue: «Nel movimento rivoluzionario francese, l'elemento ebraico svolge una parte capitale», ed è molto difficile non essere d'accordo con lui. è verissimo, infatti, che fino al 1789 gli ebrei operarono con molta prudenza e si nascosero dietro le organizzazioni massoniche e le società filosofiche. Questo non impedì, però, a nessun figlio d'Israele di prender parte attiva agli avvenimenti rivoluzionari e di sfruttarli dal punto di vista materiale.

 

oliver cromwell

manasse ben israel

ernest renan

Da sinistra: Oliver Cromwell, Manasse ben Israel ed Ernest Renan.

 

Il primo colpo contro la guardia svizzera di sentinella al palazzo reale de Les Tuileries fu sparato, infatti, dall'ebreo Zalkind Hourwitz Lang 39. Visto però che questo ardore bellico comporta, logicamente, alcuni pericoli, gli ebrei preferiscono spesso dedicarsi ad altre attività meno pericolose e, soprattutto, più redditizie. Il vecchio ebreo Benoltas, un milionario di Cadice, venne nei suddetti frangenti rivoluzionari nominato tesoriere generale dell'Ordine. Ebbene, egli ebbe presto a disposizione un fondo di trecentomila pesos forti 40. Il vettovagliamento degli eserciti repubblicani assicurato dagli ebrei Biderman, Max, Beer, Moselmann e altri, dette luogo alle lagnanze del comandante Bernanville, dell'esercito della Mosella, in quanto vennero inviate alle truppe scarpe da adolescenti con suole di cartone, calze da bambini e teli da tenda completamente marci 41. Poiché vennero abrogate le leggi restrittive dei diritti degli ebrei, grazie all'intervento di Padre Grégoire, di Mirabeau,marc bedarride Robespierre e altri (un provvedimento questo, che sempre viene preso, immediatamente da tutti i governi rivoluzionari), e poiché prevalsero i casi detti ideali del 1789, «una vera e propria nuvola di stranieri - scrive Jean-Baptiste Honoré Raymond Capefigue (1801-1872) - aprì le sue cateratte sulla Francia, dove piovvero ebrei, soprattutto oriundi delle due sponde del Reno» 42. Fu quello il momento in cui apparvero nell'arena politica i Klotz, i Beniamino Veitel Ephrain, gli Etta Palm. «Il Messia è venuto per noi, il 28 febbraio 1790, sotto forma di Carta dei Diritti dell'Uomo - scriveva l'ebreo Cohen - e, realmente, l'aver concesso anche agli ebrei tutti i diritti di cittadinanza, rappresenta una grande vittoria per Israele». «La rivoluzione del 1830 - scrive un altro ebreo, Marc Bedarride (1776-1846) - non ha fatto che consacrare questo felice risultato». Questi eletti, nella loro nuova veste di rappresentanti del popolo ostentavano cognomi del tutto francesi come Foulf, Cerbeer, Crémieux, ecc... E la tradizione di avere almeno un rappresentante ebreo nel governo della repubblica è stata rispettata, salvo rarissime eccezioni, sino ai nostri giorni 43. L'ebraismo, è chiaro, non ha giocato questo ruolo preponderante nei movimenti rivoluzionari soltanto in Francia. «Il movimento rivoluzionario che squassò il centro Europa nel 1848, ad esempio - scrive Lambelin - fu preparato, diretto e scatenato dagli ebrei», e questa verità, effettivamente, scaturisce lampante da numerose prove e da tutti i fatti verificatisi 44. Anche nelle file della rivoluzione rancese del 1870, e tra gli stessi membri della Comune, gli ebrei figurano in primo piano, rappresentati, particolarmente, da Ravel Isaac Calmer, Jacob Pereyra e altri. L'autore suddetto segnala, infatti, la presenza di diciotto ebrei, quali membri influentissimi della Comune 45. Risulterà, inoltre, interessante e opportuno sottolineare che durante l'incendio di Parigi del 1871, gli incendiari lasciarono completamente intatti i centocinquanta edifici di proprietà della famiglia ebraica Rothschild. Continuando nello studio di questi movimenti europei, l'imbattersi in personaggi ebrei di ogni genere, qualità e importanza è consueto. Erano ebrei, ad  esempio, il poeta Heinrich Heine (1797-1856) e lo scrittore Ferdinand Lassalle (1825-1864). Senza parlare del tristemente noto Karl Marx (1818-1883), l'ebreo di Treviri, e di molti altri. «Per distruggere la vecchia società che lo repelle - scrive Drumont - l'ebreo ha avuto l'abilità di mettersi alla testa dell'azione rivoluzionaria cosìddetta democratica. I Karl Marx, i Lassalle, i principali nichilisti, tutti i capi della rivoluzione cosmopolita sono ebrei. è in questo modo che gli ebrei sono riusciti, e riescono, ad imprimere ai movimenti la direzione che meglio loro conviene» 46. Non dimentichiamoci che i fondatori dell'Internazionale del 1864 furono gli ebrei Marx, Neumeier, Fribourg, James Cohen, Lasalle, Aaron, Adler, Franklel, ecc...

 

heinrich heine

karl marx

ferdinand lassalle

Da sinistra: Heinrich Heine, Karl Marx e Ferdinand Lassalle.

 

L'unico sul conto del quale non è stata raggiunta la piena convinzione della sua appartenenza alla razza ebraica è Compers, ma si tratta, in realtà, di un semplice dubbio. Per dirigere il movimento rivoluzionario venne fondato in Francia il ben noto giornale L'Humanité, e in favore di questo giornale venne aperta una sottoscrizione che raggiunse presto la somma di 780.000 franchi. Trascriviamo i nomi dei dodici più cospicui donatori, i quali, guarda caso, sono tutti ebrei. Si tratta, infatti, di Bruhl Lewy, di Abram Lewy, di A. Dreyfus, di Herr, di Eli Rodriguez, di Leone Picard, di Blum, di Rouff, Kasevitz, Salomone Reinach e Sachs. Dopo aver preso cognizione di tutto quanto sopra, non ci sembra debba provocare alcuna meraviglia ciò che nel corso del Sinodo ebraico di Lipsia, iniziatosi il 29 giugno del 1869, venne sancito con la seguente mozione, approvata ad assoluta unanimità: «Il Sinodo riconosce che lo sviluppo e la realizzazione dei principî moderni (leggasi "rivoluzionari"; N.d.A.) costituiscono la più sicura garanzia presente e futura per l'avvenire dell'ebraismo e dei suoi membri e sono condizione, la più energicamente vitale, per l'esistenza, l'espansione e la maggior affermazione dell'ebraismo stesso» 47. «I diversi aspetti della rivoluzione, danno l'esatta misura della carica di ideali che Israele ha portato nel mondo», scrive Paul Leroy-Beaulieu (1843-1916), autore nient'affatto tacciato di antisemitismo. A noi non resta che confermare le sue parole. Nessuno, infatti, può negare l'importanza dell'intervento ebraico nell'opera e nell'azione rivoluzionarie.

 

l La Società delle Nazioni

 

Abbiamo visto come la Società delle Nazioni sia stata fondata e sostenuta dalle stesse forze occulte nelle quali sempre ci imbattiamo nel corso di eventi perniciosi e distruttivi per l'umanità. Oggigiorno, la Massoneria, gli ausiliari di questa, i partiti di sinistra e, più di tutto, l'ebraismo, parlano chiaramente della necessità di distruggere ogni sentimento nazionale e ogni principio di sovranità degli Stati, per giungere all'edificazione nazioni unitedi un super-governo internazionale. Allo stesso tempo, queste forze sviluppano, con ogni metodo, la loro propaganda anti-militarista e pacifista, diretta a svirilizzare e a demoralizzare i popoli. E ognuno ha dinanzi agli occhi la dolorosa realtà di questa tremenda e rovinosa azione negatrice. Privati del loro sentimento nazionale, i popoli si troveranno domani totalmente disarmati e alla completa merce di quella forza occulta e astuta che possiamo oggi definire tranquillamente come imperialismo ebreo-massonico 48. Il Fratello\ Eugenio Bertraux - altro esempio - ha recentemente proposto alla Gran Loggia di Francia la deroga all'articolo nº 17 della costituzione della stessa Gran Loggia, articolo che prescrive a tutti i suoi adepti di sottomettersi alla legislazione del Paese in cui abbiano la facoltà di riunirsi liberamente e di sentirsi disposti a qualsiasi sacrificio che la loro Patria esige, in quanto secondo i principî della morale universale, ogni massone è, per definizione, un uomo essenzialmente libero che dipende unicamente dalla sua coscienza. «Ebbene, la nostra coscienza massonica - continua il Fratello\ Bertraux nella sua proposta - non può esigere imperativamente da noi l'accettazione di tutti i sacrifici che la Patria può imporre». La deroga proposta tornerà quindi «a beneficio della salvaguardia della coscienza dei singoli adepti, in quanto, in caso di altri tragici conflitti, queste coscienze individuali obbedirebbero o meno - sotto la propria responsabilità - agli ordini impartiti, ordini che potrebbero essere in assoluto contrasto con la loro sensibilità, con la loro ragione e con la loro fede nella Verità Suprema» 49.

 

l L'azione ebreo-massonica nei confronti del cattolicesimo

 

L'Eminentissimo Cardinal Caro, a questo proposito assicura: «è indubitabile che l'azione della Massoneria contro la santa Chiesa cattolica altro non è che la continuazione della guerra a Cristo praticata dal giudaismo da 1900 anni a questa parte. Una lotta tremenda, resa insidiosa, in quanto basata sul segreto, sull'inganno e sull'ipocrisia. Una lotta che sfrutta ogni occasione favorevole offerta dal mondo cristiano. Non dimentichiamoci che il giudaismo è il più dichiarato e implacabile nemico del cristianesimo, dice la Webster. L'odio al cristianesimo e alla persona di Cristo è cosa che ha una storia remota e che non può essere osservato e giustificato come risultato di una persecuzione; forma invece, un tutto unico con la tradizione rabbinica che ha le sue origini in epoca assai anteriore a quella in cui poté verificarsi qualsiasi persecuzione di ebrei ad opera di cristiani» 50. Da parte sua, il giornale The British Guardian, nel suo numero del 13 marzo 1925, fà questa affermazione: «La Chiesa cristiana è oggi attaccata come mai lo è stata durante i secoli, e quest'attacco è, quasi esclusivamente, opera di ebrei» 51. è purtroppo evidentissimo, ormai, lo stretto legame esistente tra la Massoneria e l'ebraismo - persecutori della Chiesa cattolica e, secondo i casi, di tutto il cristianesimo - e il bolscevismo e il comunismo. Tutti sono a conoscenza di quanto è accaduto, anche recentemente, in ogni parte del mondo. così come tutti sanno, oggi, quali sono le relazioni che corrono tra gli ebrei e i massoni 52.

 

l La Massoneria favorisce e propaga il comunismo che è opera ebraica

 

Dalla copiosa documentazione presentata dall'Eminentissimo Cardinale Caro per dimostrare che ebraismo e Massoneria propagano il comunismo, selezioniamo la seguente. Se chi legge vorrà coscienziosamente considerare l'importanza estrema dei fatti rivelati, non potrà che giungere alla nostra stessa conclusione: è necessario che tutto il mondo si renda conto della gravità del pericolo e della forma che questo ha assunto, onde falce e martellopoterlo combattere, neutralizzare e se possibile, prevenire. «Secondo il giornale "Tribuna Russa" - scrive dunque il Cardinale Caro - un giornale che si stampa a Monaco in lingua d'origine, il giudaismo militante mantiene su differenti piani le seguenti organizzazioni di combattimento, tutte più o meno mascherate, che hanno il compito di preparare il trionfo della 3ª Internazionale. Noi emigrati russi - continua il suddetto giornale - abbiamo visto con i nostri stessi occhi la immensa quantità di ebrei che militano nelle file degli autori della rivoluzione. Prescindendo dal lavoro preparatorio della rivoluzione stessa e dei fatti del 1905, è molto utile soffermarsi su ciò che il giornale ebraico di Vienna "Der Hammer" ("Il Martello") scrisse a proposito dell'argomento "Beylis" 53. "Il governo russo ha deciso di dichiarare guerra agli ebrei di Kiev, scrive il giornale. Bene. è però necessario che tutti sappiano che dall'esito di questa guerra dipende non la sorte degli ebrei - perche il popolo ebraico è invincibile - ma bensì quella del popolo russo. Per il governo russo è questione di vita o di morte. L'odierna sua vittoria segnerà l'inizio della sua rovina. Stiano attenti i governatori russi! Noi offriamo al mondo intero la dimostrazione che a nessuno è concesso impudentemente di giocare con gli ebrei, siano essi di Kiev o di qualsiasi altro luogo"» 54. Disgraziatamente per la Russia e per tutto il mondo civile, la minaccia non risultò vana: sei anni più tardi era stata realizzata. Aggiungiamo alcune cifre: il primo Consiglio (Soviet) dei deputati operai e soldati fu composto di ventitre membri: diciannove membri erano ebrei. Il Consiglio dei Commissari del Popolo del 1920 ebbe diciassette ebrei tra i suoi ventidue membri. Tra i quarantatre alti funzionari della Commissione di Guerra vi furono trentaquattro israeliti. Il Commissario dell'Interno ebbe cinquantaquattro ebrei su sessantaquattro impiegati; quello degli affari esteri, tredici ebrei su diciassette membri. Nell'Amministrazione del Demanio la percentuale degli ebrei si elevò all'86%; in quella della Giustizia al 95%, ecc... Riassumendo questa statistica, possiamo affermare che tra i 545 agenti principali della cosìddetta Rivoluzione russa, 447 appartengono al popolo eletto, sessantotto a diverse nazionalità (lettoni, tedeschi, polacchi, ecc...) e solo trenta sono dirita montagnana - moglie di togliatti nazionalità russa. Queste notizie provengono da fonte d'informazione bolscevica. Figurano infatti, secondo quanto è contenuto nell'opera del già citato scrittore francese Mons. Jouin, dal titolo Il pericolo giudeo-massonico (pagine 108 e seguenti) in un opuscolo dal titolo Chi governa in Russia, pubblicato a New York nell'anno 1920. Aggiungiamo che attualmente, sedici dei ventidue agenti commerciali sovietici all'èstero, sono ebrei 55. Nel suo libro Il manganello e l'aspersorio, lo scrittore laico Ernesto Rossi polemizza vivacemente con la rivista Civiltà Cristiana, adirato dai seguenti passi della stessa, che reca: «Vediamo "eroi" della sètta, che non seppero resistere ad un regalo di due milioni, essere immortalati con statue in tutte le città. Vediamo i figliuoli di questi "eroi" che intascano somme ingenti, deplorando la miseria dominante. Con la sinagoga trescava con Mazzini; i frutti dei suoi amori al Campidoglio di Roma non sono ignoti. Con la sinagoga trescava con Garibaldi, con Cavour, con Farini, con il Depretis; e umili servi della sinagoga sono stati e sono molti di quei "grandi" ai quali la dabbenaggine pubblica ha eretto o erige lapidi, busti e monumenti, per glorificarne l'amore alla "libertà" e alla "patria"» 56. Molti scrittori di diverse tendenze hanno affermato che in Italia il problema ebraico non ha presentato caratteristiche di sovversione nazionale. Non condividiamo quest'opinione, limitandoci a ricordare che coloro che introdussero il comunismo nel nostro Paese, furono gli ebrei Modigliani, Treves, Della Seta, Musatti, Momigliano, Donati, ecc... 57. «E il famoso Togliatti, capo del comunismo italiano da molti anni, non è forse sposato con l'ebrea Rita Montagnana? E il fratello di lei, Mario Montagnana, non è stato il direttore del quotidiano L'Unità (edizione di Milano)? Si deve sapere, inoltre, che sono del pari ebrei quelli che dirigono la stampa comunista: Longo (dirigeva Vie Nuove); Alatri (dirigeva L'Unità di Roma) ; Tedeschi (dirigeva L'Unità di Milano in collaborazione con Montagnana); Cohen dirige ancora il Paese Sera, Levi Lotta Sindacale, Jacchia dirigeva il giornale Repubblica, da dove passò alla direzione della stampa del Partito Comunista Italiano» 58.
 

banner centro culturale san giorgio ccsg

 

Note

 

1 Estratto dall'opera Complotto contro la Chiesa, 1962, pagg. 89-133.

2 Cfr. P. Rosen, Satan et Cie («Satana e Compagnia»), Bloud & Barral 1890, pag. 219. L'Autore era un ex rabbino convertito al cattolicesimo.

3 Cfr. Mons. L. Meurin, Simbolismo de la Masoneria, 1957, pagg. 201-202.

4 Cfr. A. Ricoux, L'existence des Loges de Femmes («L'esistenza delle Logge femminili»),  Ed. Tequi, Parigi 1891, pagg. 78-95.

5 Cfr. Revue Internationale des Sociétés Secrètes, Parigi, nº 2, 1913. pag. 58. La detta pubblicazione venne fondata da Mons. Jouin, nella parrocchia di Sant'Agostino di Parigi, a sue spese; per il suo lavoro fu elogiata da Sua Santità Benedetto XV e dal Segretario di Stato, Cardinale Gasparri, rispettivamente il giorno 23 marzo 1918 e 20 giugno 1919. Commento dello scrittore filosemita Renzo de Felice, nella sua opera Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo, Edizioni Einaudi, Torino 1961.

6 Cfr. A. Pike, Morals and Dogma of the Ancient and Accepted Scottish Rite of Freemasonry («Morale e dogma del Rito Scozzese Antico e Accettato della Massoneri»), Charleston 1871.

7 Cfr. M. Fara, La Masoneria en Descubierto («La Massoneria allo scoperto»), Edizione La Hoja de Roble, Buenos Aires, pag. 23.

8 Cfr. E. Benamozegh, Israel y la humanidad («Israele l'umanità»), pag. 71.

9 Cfr. R. Gougenot des Mousseaux, Le juif, le judaïsme et la judaïsation des peuples chrétiens («L'ebreo, il giudaismo e la giudaizzazione dei popoli cristiani»), pagg. 338-339.

10 Cfr. L. de Poncins, Las fuerzas secretas de la revolución («La forza segreta della rivoluzione»), pagg. 139, 140, 141.

11 Cfr. Revue Internationale des Sociétés Secrètes, nº 8, 1926, pag. 269.

12 Cfr. Archives Israélites, 1864, pag. 335.

13 Cfr. Almanaque de los franc-masones, Leipzig, 1884.

14 Cfr. Les Cahiers de l'Ordre («I quaderni dell'Ordine»), nn. 3-4, 1926, pagg. 22-23.

15 Cfr. M. Fara, op. cit., pag. 111.

16 Cfr. Card. J. M. Caro, El Misterio de la Masoneria («Il mistero della Massoneria»), Diffusione Editoriale, pag.. 258.

17 Cfr. Mons. L. Meurin, Filosofia de la Masoneria, 1957, pagg. 30, 41 42, 211, 212.

18 Ibid., pag. 34.

19 Nel periodo della Comune a Parigi, fu necessario difendere dal saccheggio il tesoro del Banco di Francia, ma nessuno levò minaccia alcuna verso gli istituti bancari degli ebrei.

20 Cfr. D. Camille, «La Franc-maçonnerie, secte juive («La massoneria, sètta ebraica»), in Le Monde, pagg. 43-46.

21 Il centro attivo di questo raggruppamento è, come i lettori forse sapranno, la Gran Loggia «Alpina».

22 Cfr. Card. J. M. Caro, op. cit., pagg. 263-266.

23 «Dalla Rivoluzione Francese in poi, gli ebrei hanno fornito il più cospicuo addentellato alla Massoneria» (cfr. Jewish Encyclopedia).

24 Cfr. Della questione giudaica In Europa, Prato 1891, pag. 53.

25 Cfr. I grandi crimini della Massoneria.

26 Cfr. P. Eckert, II, pagg. 207 e ss.

27 Cfr.F. M. Benoit, Franc-maçonnerie, vol. II, pag. 268; Card. J. M. Caro, op. cit., pagg. 190, 191, 193, 195, 196. 197, 198, 201.

28 Cfr. B. Disraeli, Coningsby, VI, XV.

29 Cfr. Mons. L. Meurin, Filosofia de la Masoneria, pagg. 212, 213, 214, 215.

30 Cfr. Von Haugwitz, Memorias.

31 Cfr. P. Abel, La nueva prensa libre («La nuova stampa libera»), Vienna 1898.

32 Cfr. P. A. Barruel, Mémoires pour l'histoire du jacobinisme («Memorie per la storia del giacobinismo»).

33 Cfr. AA. VV., Las sociedades secretas y la sociedad («Le Società Segrete e la società»).

34 Cfr. M. Fara, op. cit., pagg. 62-63.

35 Cfr. Congresso Internazionale di Bruxelles, 1910, Memoria, pag. 124.

36 Cfr. Bulletin Officiel du G\ O\ de France, ottobre 1922, pag. 281.

37 Cfr. L. Halévy, Resumen de la historia de los Judios («Riassunto della storia degli ebrei»).

38 Cfr. R. Lambelin, Las victorias de Israel («Le vittorie di Israele»), pag. 44.

39 Cfr. L. Kahn, Los Judios de Paris durante la revolucion («Gli ebrei di Parigi durante la rivoluzione»).

40 Cfr. Maxima nº 44 del Grande Oriente Esp., del 1º aprile 1824; cit. in M. Fara, op. cit., pag. 83.

41 Cfr. P. Gaxotte, La Révolution Française («La Rivoluzione Francese»), pagg. 279-280.

42 Cfr. Cfr. Capefigue, Las grandes operaciones financieras («Le grandi operazioni finanziarie»).

43 Cfr. Archives israélites, VIII, 1847, pag. 801.

44 Cfr. Bedarride, Les Juifs dans la France, l'Italle et l'Espagne («Gli ebrei in Francia, in Italie e in Spagna»), pagg. 428 e 430.

45 Cfr. R. Lambelin, op. cit., pagg. 10 e 62.

46 Cfr. E. Drumont, La France juive («La Francia ebraica»).

47 Cfr. R. Gougenot des Mousseaux, op. cit., pag. 332.

48 Cfr. J. P. Leroy-Beaulieu, Israel entre las Naciones («Israele tra le nazioni»), pag. 66.

49 Cfr. M. Fara, op. cit., pag. 115.

50 Cfr. Card. J. M. Caro, op. cit., pag. 177.

51 Cfr. Rivista del SS.mo Sacramento, 1925, pag. 430.

52 Cfr. Card. J. M. Caro, op. cit., pagg. 267-268.

53 L'argomento «Beylis» fu, allora, un argomento che sollevò grande scalpore. Trattava dei continui omicidi che venivano regolarmente commessi a Kiev. Questo Beylis, uno degli assassini che poté essere acciuffato, venne sottoposto a giudizio, ma riuscì a farsi assolvere dalla giuria. Il processo rivelò tuttavia che quei fatti di sangue rispondevano ad una specie di ritualità, frutto di un'organizzazione ebraica chiaramente individuata (N.d.A.).

54 Cfr. Der Hammer, nº 254, 1911; cit. in Negch-Wolodoff, L'Imperatore Nicola II e gli ebrei; da Mons. Jouin nel suo libro Il pericolo giudeo-massonico, e ne Il fronte unico, Edizione del Petit Oranais, 1927. Vedi anche M. Fara, op. cit., pagg. 81 e 82.

55 Cfr. Bollettino dell'Agenzia Urbs, del 25 agosto 1927; cit. in R. Lamelin, La Vittoria d'Israele, pag. 170.

56 Cfr. E. Rossi, Il manganello e l'aspersorio, Firenze, pag. 336; Civiltà Cattolica, settembre-novembre-dicembre del 1889.

57 Riferendosi a Treves e a Modigliani, l'ebreo Salvatore Jona scrive: «Furono uomini di punta del socialismo italiano; e sebbene essi fossero uomini di tepida fede ebraica, non può negarsi che si dedicarono con semitica passionalità e tenacia al perseguimento del loro ideali» (cfr. Gli ebrei in Italia durante il fascismo, Milano 1962, pag. 9).

58 Cfr. opuscolo Rivelazioni d'interesse mondiale. Altre pubblicazioni che si addentrano nello studio delle relazioni ebraico-massoniche sono: D. G. Foatta, L'ebreo: ecco il pericolo, Prato 1891; G. Panonzi, L'ebreo attraverso i secoli e nelle questioni della moderna società, Treviso 1898.

 

home page