titolo il nazismo esoterico

di Cunha Alvarenga 1

 

postato: 5 maggio 2012

 

nazionalsocialismo esoterico

 

«Himmler, nel 1935, due anni dopo la fondazione, fece dell’”Ahnenerbe” un’organizzazione ufficiale, collegata all’Ordine Nero. Gli scopi dichiarati erano: "Ricercare la localizzazione, lo spirito, gli atti, l’eredità della razza indo-germanica e comunicare al popolo, in forma interessante, i risultati di queste ricerche. Questa missione dev'essere eseguita impiegando metodi scientificamente esatti". Tutta l'organizzazione razionale tedesca messa al servizio dell'irrazionale. Nel gennaio 1939, l'"Ahnenerbe" era puramente e semplicemente incorporata alla SS e i suoi capi inseriti nello Stato Maggiore personale di Himmler. In quel momento essa disponeva di cinquanta Istituti diretti dal Prof. Wurst, specialista degli antichi testi sacri e che aveva insegnato sanscrito all'Università di Monaco» 2. A questa potente organizzazione militare venne ordinato il recupero del santo Graal, le cui ultime tracce si perderebbero nel Montsalvat, il castello dei catari di Montségur...

 

 

Prefazione

 

Nel film Indiana Jones and the Last CrusadeIndiana Jones e l'ultima crociata»; 1989), larcheologo interpretato da Harrison Ford deve ritrovare niente meno che il famoso Graal, e, come nel primo film della trilogia The Raiders of the Lost ArkI predatori dell'Arca perduta»; ese lebe deutschland!1980), si trova a dover fronteggiare i concorrenti nazisti. Pur trovandoci nel campo della pura finzione, questa pellicola prende spunto da una storia parzialmente vera 3. In effetti, il Führer e le alte sfere del regime nazionalsocialista desideravano entrare in possesso di questa leggendaria coppa convinti che con essa avrebbero ricuperato la Conoscenza andata perduta, la Gnosi, l'unica in grado di spiegare la genesi dell'Universo e le origini del super-uomo ariano. Che il nazionalsocialismo affondasse le sue radici nell'occultismo è ormai cosa assodata. Al processo di Norimberga, quando tutto era già terminato, prima di finire sulla forca, Alfred Rosenberg, l'ideologo principale della Gnosi hitleriana ebbe a dire: «La "Thule"? Ma tutto è partito da lì. L'insegnamento segreto che abbiamo potuto attingervi ci è stato più utile, per ottenere il potere, delle divisione delle SA e delle SS. Gli uomini che avevano fondato questa società erano dei veri maghi» 4. Ecco ancora una volta riemergere una delle costanti di questi ultimi due secoli di Storia: spesso, i leader di movimenti apparentemente animati dal positivismo o dal razionalismo, capaci - come nel caso del nazismo - di produrre armi con tecnologie avanzatissime (aerei a reazione, razzi, missili intercontinentali, ecc...), conducevano una sorta di doppia vita. Hitler, il grande oratore, il trascinatore di folle oceaniche, prima di prendere ogni decisione importante, anche di carattere strategico o bellico, si rivolgeva al suo astrologo personale. Il capo indiscusso dell'Ordine Nero, Himmler, si ritirava di tanto in tanto nel castello di Wewelsburg dove lui e i suoi stretti collaboratori praticavano la cerimonia iniziatica dell'«Aria Densa», un rito in cui le spire di fumo che uscivano da enormi grate poste sul pavimento venivano interpretate come una qualsiasi fattucchiera farebbe con i fondi di caffè.

 

Ma Hitler e Himmler hanno avuto illustri predecessori. Anche Voltaire (1694-1778), il padre dell'Illuminismo, il partigiano giacobino del «trionfo della Ragione», indossava regolarmente cappuccio e grembiule quando entrava nella londinese Loggia delle Nove Sorelle in cui era stato iniziato agli impenetrabili segreti della Massoneria. Nel 1863, l'anticlericale Giuseppe Garibaldi (1807-1882), l'eroe dei due mondi, il «Gran Maestro dell'Umanità», divenne presidente onorario della Società Spiritica di Venezia. Anche il noto rivoluzionario marxista nicaraguense Augusto César Sandino (1883-1934), anch'egli ferocemente anticlericale e razionalista, nel 1923 divenne discepolo di un movimento magico messicano denominato Scuola Magnetico-Spirituale della Comune Universale 5.

 

voltaire giuseppe garibaldi augusto césar sandino
Voltaire Giuseppe Garibaldi Augusto C. Sandino

 

Una conclusione si impone: il naturalismo e il razionalismo sbandierato da tanti movimenti anticristiani di questi ultimi due secoli - tutti figli della Rivoluzione Francese - celava dietro la facciata del culto della Ragione il ritorno all'irrazionale, alla superstizione pagana, e talvolta persino l'adorazione satanica. Se l'uomo abbandona Cristo diventa inevitabilmente schiavo dell'Anticristo. La Storia è lì ad insegnarcelo.

 

                                                       Paolo Baroni

 

Le metamorfosi della Gnosi

 

Più di una volta ci siamo occupati dello studio della Gnosi (dal greco gnôsìs, ossia «Conoscenza»), fondamento panteista di tutte le grandi eresie che hanno flagellato la cristianità dai tempi degli Apostoli. La Gnosi è, per così dire, avvinghiata ai fianchi della Santa Chiesa; terribile errore religioso che, combattuto dalla verità cattolica e dalla stessa messo persino a ferro e fuoco, quando la sua presenza diventagnosi massonica insopportabile può dare l'illusione di scomparire dal quadro storico, per poi (assomigliando per questo a una brace accesa che vive sotto le ceneri) ricomparire e produrre nuove e indicibili devastazioni. Nel corso della Storia, la Gnosi ha preso svariati aspetti. Occorre così distinguere il fondo gnostico che si incontra in tutte le eresie, e i sistemi gnostici propriamente detti, nei quali quel fondo prese corpo durante i primi secoli del cristianesimo. Parlando in generale, bisogna distinguere una Gnosi pagana e una Gnosi detta «cristiana». L'origine della Gnosi pagana si perde nella notte dei tempi. In essa era immersa l'antichità. Fra gli gnostici-manichei esiste la tradizione che la fà risalire a tempi precedenti il diluvio in Atlantide, Lemuria e Iperborea 6, antiche civiltà pagane che sarebbero state distrutte da quel tremendo castigo. Per riportarci a periodi più propriamente storici anteriori all'era cristiana, vediamo la Gnosi pagana in Persia, in India, in Grecia e fra altri popoli. Dopo l'avvento del Redentore si comincia a parlare di Gnosi cristiana; designazione impropria, dato che le eresie gnostiche non sono altro che tentativi di coprire il vecchio errore pagano sotto vesti cattoliche. Infatti, in seno alla Santa Chiesa la Gnosi cercò di infiltrarsi nel dogma cattolico usando a quel fine i più svariati stratagemmi. Nei primordi del cristianesimo (II, III e IV secolo), la Gnosi appare nelle eresie che da essa prendono il nome. Al contrario di ciò che insegna la Rivelazione, secondo cui tutta la creazione è buona, sia quella degli esseri spirituali che quella degli esseri materiali, lo gnosticismo afferma l'opposizione fra lo spirito (principio del bene) e la materia (principio del male), quello imprigionato in questa a causa di un disastro cosmico. Evoluzionista, sospira l'avvento di un’era in cui, al termine di mutazione successive, lo spirito si libererà nuovamente dalle catene fisiche che lo legano. Panteista, lo gnosticismo confonde la Divinità con lo spirito prigioniero nella materia. Gli gnostici vanno contro il dogma della creazione confondendo il Creatore con la creatura.

 

Essi ripudiano il dogma della SS.ma Trinità e dell'Incarnazione del Verbo, dato che negano l'unione ipostatica del Verbo Divino con la natura umana in una stessa Persona. Nella logica del loro errore mostruoso rifiutano di riconoscere la SS.ma Vergine come Madre di Dio, verità proclamata dal Simbolo di Nicea, che condannò gli gnostici del tempo e la tendenza esoterica che si stava infiltrando nella cristianità. A questo proposito, un altro aspetto fondamentale e inseparabile di questa eresia è il suo carattere segreto, magico e occultista, che le fà assumere, di volta in volta, la fisionomia della magia bianca o della magia nera.

 

I corollari politici e sociali della dottrina gnostica

 

Fin dai tempi apostolici, le conseguenze sociali e politiche di questo insieme di errori non si fecero aspettare. È molto significativo in questo senso, che fra i primi eretici gnostici sorti fra le file della Santa Chiesa, alcuni capeggiati da Simon Mago (I secolo) e usando il nome di ebioniti, cioè «poveri», considerassero la povertà non come un consiglio evangelico, ma come un precetto, e che questa negazione della proprietà privata li portasse all'egualitarismo e al comunismo. Nel loro errore verso le cose materiali, gli gnostici giustificavano il suicidio rituale (detto «endura») ed erano anche contro il Sacramento del matrimonio, che santifica la procreazione di nuovi esseri, in cui - sempre secondo loro - lo spirito si troverebbe ancora ignominiosamente prigioniero della materia.

 

Ripetizione monotona degli stessi errori

 

Il fondo panteista che la Gnosi porta con sé emerge nell'era cristiana sotto i più diversi aspetti. In questo primo periodo, vediamo le cosiddette eresie indo-elleniche negare il dogma dell'Incarnazione del Verbo, rigettando ora la divinità del nostro Salvatore, ora la Sua Umanità. Il manicheismo 7 (III-XII secolo) divenne allora il principale gruppo gnostico: esso sosteneva un duplice panteismo, il panteismo dello spirito, il cui gesù cristo consolatoreprincipio emanatore era il bene, e il panteismo della materia, il cui principio emanatore era il male, entrambi necessari e facenti un gioco di antitesi. I manichei professavano il rifiuto delle cose materiali, si astenevano dal matrimonio, perché propagatore del male, e dal possesso dei beni terreni come forma di attaccamento ad un cattivo principio. Di questo periodo sono anche, fra gli altri, i neoplatonisti di Alessandria, i montanisti 8, i doceti 9, gli antitrinitari e i sabelliani 10. Vengono poi l'arianesimo 11, il pelagianismo 12, il nestorianesimo, il quietismo, il monofisismo e il monotelismo. Il nestorianesimo (V secolo d. C.) inaugurò un nuovo filone eretico, quello che non toccava più l'esistenza di due nature in Nostro Signore Gesù Cristo, ma le loro relazioni e operazioni reciproche. L'unità della Persona cominciò ad essere attaccata come lo era stata la dualità nella natura. Nella scia del nestorianesimo viene poi il quietismo, che sosteneva essere stata la natura in tal grado assorbita dalla Divinità, che il corpo di Nostro Signore sarebbe umano in quanto alla forma e all'apparenza esteriore, ma non in quanto a sostanza. Il quietismo diede luogo al monofisismo (V secolo d. C.), che ammetteva una sola natura in Nostro Signore: quella divina; e al monotelismo che ammetteva una sola volontà in Gesù Cristo: la volontà divina. Queste fantasie, nel loro aspetto teologico, furono fulminate dal seguente Decreto del IV Concilio di Calcedonia (451): «Conformemente agli insegnamenti dei Santi Padri, dichiariamo con voce unanime che si deve confessare un solo e medesimo Gesù Cristo Nostro Signore; ugualmente perfetto nella Divinità come nell'Umanità; vero Dio e vero uomo, composto di un'anima razionale e di un corpo; consustanziale al Padre secondo la Divinità, consustanziale a noi secondo l'umanità; in tutto somigliante a noi tranne che nel peccato; generato dal Padre prima di tutti i secoli secondo la Divinità; ugualmente nato in questi ultimi tempi secondo l'umanità; un solo medesimo Cristo, Figlio unigenito, Signore in due nature, senza confusione, senza cambiamento, senza divisione, senza separazione; senza che l'unione sopprima la differenza fra le due nature, l'una e l'altra conservando e concorrendo in un'unica Persona e sussistenza; di modo che non si trova separato o diviso in due persone, ma in un solo e medesimo Figlio Unigenito, Dio o Verbo, Nostro Signore Gesù Cristo, come i Profeti e lo stesso Nostro Signore ci insegnarono, come il simbolo dei Padri ci ha trasmesso».

 

Ricordiamo queste nozioni fondamentali e le caratteristiche dell’errore gnostico per accentuare ulteriormente che nel corso della Storia vediamo monotamente risorgere questa vecchia idra travestita di nuove apparenze. Sempre combattuta e mai completamente estinta, la Gnosi cammina sottoterra attraverso i secoli, e in pieno Medioevo si manifesta nella cristianità facendo sorgere uno dei suoi poderosi focolai della Francia meridionale, nella regione della Linguadoca, sotto il nome di catarismo o eresia albigese. Il neomanicheismo cataro fu sterminato nel Sud della Francia per mezzo di una vera crociata (1208-1229), che fu invocata dalla Chiesa a causa delle devastazioni che l'errore stava causando fra i fedeli. «È innanzitutto evidente che il potere civile si inquietò per l’esistenza delle eresie tanto quanto l'autorità religiosa e a volte di più. Le eresie che più lo preoccupavano non erano quelle che si mantenevano nel puro campo teologico, dato che non vediamo che si sia commosso per la negazione della Transustanziazione fatta da Berenger di Tours. Quelle che lo inquietavano erano quelle in cui l'errore teologico si alleava con dottrine anarchiche e antisociali; queste erano perseguitate dai prìncipi (esortati a farlo dalla Chiesa) per lo meno quanto lo erano dai Papi, perché vedevano nell'eventuale loro trionfo "la rovina della patria", secondo la ben nota espressione di Roberto il "Pio"» 13.

 

Vediamo nuovamente, nel declino del Medioevo, l'errore gnostico pullulare da tutte le parti, sebbene in modo sempre nascosto; non solo i precursori dell'eresia protestante, come John Wycliffe (1320-1384) e Jan Hus (1369-1415), ma lo stesso Martin Lutero (1483-1546) si dissero influenzati dalla Gnosi. Fu anche gnostica, ad esempio, la facciata puritana di Oliver Cromwell (1599-1658) in Inghilterra, e soprattutto a partire dai sec. XVIII e XIX vediamo il risorgere di un enorme movimento sotterraneo di tendenza nitidamente gnostico-manichea, magica e occultistica da tutte le parti.

 

john wycliffe jan hus martin lutero
John Wycliffe Jan Hus Martin Lutero

 

Una strana missione a Montségur

 

Ciò che abbiamo fin qui detto a mo' di preambolo, è materia pacifica per chi si disponga a studiare la storia religiosa del mondo in tutti i suoi risvolti. A molti può sembrare strano che moderne correnti neopagane come il nazismo si mostrino completamente immerse nella Gnosi e nell'occultismo. Fra gli altri, nel libro Il mattino dei maghi, Louis Pauwels (1920-1997) e Jacques Bergier (1912-1978) 14 sollevano una punta del velo che copre quel mistero, sebbene lo facciano in forma un po' fiabesca. Anche nella raccolta intitolata Les énigmes de l'Univers («Gli enigmi dell'Universo»), l'opera Hitler et la traditione cathare («Hitler e la tradizione catara»), i cui autori Jean e Michel Angebert, dichiarandosi in posizione nettamente anticattolica, offrono un'impressionante documentazione sulle origini gnostiche e occultiste del Terzo Reich nazionalsocialista.

 

Il capitolo preliminare di questo libro ha per titolo «Otto Rahn e la crociata contro il Graal». Vi si legge che nell'estate del 1931, un giovane tedesco, Otto Rahn 15, partì verso il Sud della Francia per una missione misteriosa. Nella prossimità della parte provenzale di Lavenet, visitò lungamente le rovine del castello di Montsègur, il favoloso Montsalvat dei trovatori provenzali, definito blasfemamente dagli Autori «il Tabor dei catari di Occitania e l'ultimo rifugio dell'eresia albigese; esso è uno di quei luoghi alti in cui soffia lo spirito. Da tempo immemorabile, il Pog, lo sperone roccioso su cui fu costruito il castello, è stato considerato come un luogo sacro» 16.

 

louis pauwels jacques bergier il mattino dei maghi
Louis Pauwels Jacques Bergier Il mattino dei maghi
hitler et la traditione cathare - jean-michel angebert otto rahn castello di montsègur
Hitler et la tradition.... Otto Rahn Castello di Montsègur

 

Le caratteristiche singolari di questo edificio fanno credere che esso sia stato costruito non in funzione di necessità militari, ma secondo un piano di architettura religiosa. «È dunque lecito pensare - e tutta l'epopea albigese lo conferma - che Montsègur fu veramente un tempio votato ad un culto, un luogo sacro destinato ad offrire, in caso d’invasione, "una resistenza ad oltranza"» 17. Otto Rahn passò tre mesi nella regione di Lavenat e, successivamente, nel 1937, vi ritornò per un periodo più breve.

 

Nel periodo fra un escursione e l'altra, nel 1933, egli pubblicò il libro Kreuzzug gegen den GralLa crociata contro il Graal»), un'opera che ebbe grande ripercussione in Germania, nel quale situava a Montsègur il misterioso Graal, indicando i catari come i suoi ultimi custodi. Il fatto curioso è che ciò che spinse Rahn per due volte a fare accurate ricerche fra le rovine di Montsègur e dintorni fu un ordine ricevuto personalmente da Alfred Rosenberg (1893-1946), il famigerato teorico del nazionalsocialismo.

 

Il Graal: calice sacro dell'ultima cena o mito gnostico?

 

Secondo la leggenda medievale, il Graal o Santo Graal sarebbe un calice sacro fatto con un enorme smeraldo del diadema di Lucifero, ossia la pietra preziosa che sarebbe caduta sulla terra nel momento in cui quell'arcangelo ribelle fu precipitato nell'inferno. Il calice formato da questoil graal smeraldo, tagliato in centoquarantaquattro facce, fu - ancora conformemente alla leggenda - usato da Nostro Signore durante l'Ultima Cena, e con esso Giuseppe d'Arimatea raccolse il Preziosissimo Sangue del Salvatore uscito dalla ferita aperta dalla lancia di San Longino. Questo recipiente sacro, portatore di virtù straordinarie, sarebbe scomparso misteriosamente a partire da una certa epoca, dopo essere stato in possesso di uno dei cavalieri della Tavola Rotonda. Invece, secondo gli autori di Hitler et la tradition cathare, «per i partigiani dell'unità della grande Tradizione, cioè dell'unità fondamentale e trascendente di tutte le religioni, le leggende e le diverse mitologie, è evidente che i cristiani si sono appropriati del mito del Graal per fare di esso la coppa di smeraldo che contenne il Sangue di Cristo, sviando in questo modo il simbolo dal suo senso originario». In questo «senso originario», la perdita del Graal «può essere paragonata alla perdita della Tradizione, con tutto ciò che questo comporta in impoverimento spirituale». Così, «il mito del Graal è il riflesso di un insegnamento perduto. Questa fu l'interpretazione dei nazionalsocialisti che svilupparono il loro pensiero vedendo nella pietra-Graal una legge di vita valida solo per certe razze» 18. La missione di Otto Rahn nel Sud della Francia, e soprattutto il suo cercare fra le rovine di Montsègur, avevano per scopo il ritrovamento della pietra-Graal contenente il segreto della genesi del mondo: il Graal sarebbe il libro sacro degli ariani perso e poi ritrovato, e infine nascosto a Montsègur dai catari.

 

«È a questo titolo che Otto Rahn, il grande specialista di catarismo, fu inviato dai pontefici del nazismo nella regione albigese al fine di scoprire la famosa pietra-Graal, il mito del XX secolo - alfred rosenbergevocata nelle sue poesie da Wolfram d'Eschenbach (soprattutto nel suo "Parsifal") che parla di una "pietra preziosa"». Ora, i manichei, originari della Persia (e perciò a questo titolo ariani), associavano alla parola gorr («pietra preziosa«) la parola al («splendente»), il che darebbe per contrazione «Graal», nel senso di «pietra preziosa incisa», e questa sarebbe quindi la nozione storicamente più fondata per la sua stessa origine etimologica. «Questo ci permette di capire tutto l'interesse dei dirigenti hitleriani, con Rosenberg in testa, all’esito di queste ricerche» 19. Lo stesso Rosenberg scrisse enfaticamente nel suo famoso libro del 1930 Il mito del XX secolo: «Oggi si risveglia una nuova fede: il mito del sangue, la fede nel difendere ugualmente col sangue l'essenza divina dell'uomo in genere» 20. La stima entusiastica di Hitler per questo libro assume così tutto il suo significato: «Quando leggerete il nuovo libro di Rosenberg, capirete queste cose, perché è l'opera più vigorosa nel genere, più di quelle di Chamberlain» 21. Houston Stewart Chamberlain (1855-1927) e il conte francese Joseph-Arthur de Gobineau (1816-1882) possono, dal punto di vista razzista, essere considerati come precursori del nazismo. Un altro grande filosofo nazista, Alfred Baeumler (1887-1968), scriveva pensando al mito del Graal: «Il mito del sangue non è una mitologia al pari di altre mitologie, non pone una nuova religione, al pari di altre religioni. Esso ha per contenuto il fondo misterioso della propria formazione mitificante. È dal suo principio strutturatore che procedono tutte le mitologie; la conoscenza di questo principio strutturatore non è a sua volta una mitologia, ma il suo stesso mito, perché è vita contemplata con venerazione. Lo sviluppo della sua realtà occulta è il punto di inflessione del nostro tempo». Dopo aver trascritto questo testo, incalzano Jean e Michel Angebert: «Possiamo, alla luce di tali spiegazioni, penetrare in profondità il neo-gnosticismo o, se si preferisce, il manicheismo dei dirigenti e degli intellettuali nazisti fondato su una Gnosi razzista. L'adattamento di tutti questi miti al XX secolo doveva essere la grande preoccupazione dei nazisti» 22.

 

houston stewart chamberlain joseph-arthur de gobineau alfred baeumler
Houston Chamberlain J.-A. de Gobineau Alfred Baeumler

 

Un movimento guidato da stregoni e maghi

 

Lo gnostico Otto Rahn godeva di un grande prestigio fra i capi nazisti, e un suo libro, La corte di Lucifero, fu imposto dal Reichsführer SS Heinrich Himmler (1900-1945) «ai principali dignitari del nazismo, conferendogli così il valore dei Vangeli» 23. Lo stesso Himmler, vivamente interessato alle ricerche di Otto Rahn a Montsègur, fece ricostruire il castello di Wewelsburg, vicino a Paderborn, in Westfalia. In esso, situato sotto una sala riunioni di dimensioni impressionanti, si trovava il «Santo dei Santi», un salone ad arcate a ogiva, il quale doveva ricevere il prestigioso Graal sopra un altare di marmo nero con incise le lettere «SS» in argento scritte usando alfabeto runico. «Le meditazioni degli ospiti di Wewelsburg vertevano sulla mistica biologica, sulla morale dell'onore, sul mito spirituale del sangue e su altri temi gnostici e dualistici cari alle élite dell'oltre-Reno. Questi ritiri avevano per scenario una sala di quasi cinquecento metri quadrati situata sopra il locale in cui era l'altare della nuova religione» 24.

 

castello di wewelsburg

Sopra: a sinistra, il castello di Wewelsburg. A destra, la cripta dove Himmler sedeva con dodici iniziati (come nell'Ultima Cena) appartenenti all'Ordine Nero e venivano praticati vari riti magici.

 

Considerato in questo contesto, il nazismo non appare come un fenomeno meramente politico, ma come un movimento guidato da stregoni e maghi, e ciò in uno dei Paesi più avanzati in campo tecnologico e scientifico, confermando la verità, già sperimentata dal Faust di Johann Wolfgang Goethe (1749-1832), secondo cui l'estremo razionalismo scientifico conduce alla magia. E il proposito degli autori del libro che stiamo commentando sembra in questo senso molto chiaro: «È pertanto un'analisi del pensiero nazionalsocialista fatta alla luce delle antiche tradizioni esoteriche che proponiamo ai lettori di questo libro: essendo il tema centrale la Gnosi, con la sua più significativa concretizzazione dal tempo del profeta Mani, lo sviluppo si ordina naturalmente intorno al catarismo, caratteristica apparizione neo-gnostica del Medioevo, e prosegue con lo studio dei Templari. Subito la Gnosi si nasconde, degenerando con i Rosacroce e con gli Illuminati di Baviera, per sfociare, dopo molti tentativi, nel misterioso gruppo "Thule 25.

 

Al contrario delle spiegazioni pseudo-storiche che vedono nel Terzo Reich la continuazione del Reich di Otto von Bismark (1815-1898) e del Kaiser Guglielmo II (1859-1941), la Germania di Hitler appariva agli occhi dei suoi fondatori e dei suoi iniziati come la terza epoca del genere umano 26, secondo la dichiarazione dello stesso Führer: «I tempi antichi furono. Il nostro movimento è. Fra i due, l'"età di mezzo" dell'umanità, il Medioevo, che durò fino a prima di noi e che stiamo chiudendo» 27. Secondo alcuni autori, Hitler sarebbe stato condotto dal suo delfino Rudolf Hess (1894-1987) alla pratica dell’occultismo 28 e avrebbe appartenuto anche a Logge massoniche quali l'Ordo Templi Orientis («Ordine del Tempio d'Oriente»; O.T.O.).

 

heinrich himmler rudolf hess società thule
Heinrich Himmler Rudolf Hess Società Thule

 

Non la pensano così Jean e Michel Angebert. Per essi, il Führer era già giunto a tali pratiche per mezzo di una sua formazione pseudo-mistica anteriore e grazie alla sua affiliazione al gruppo Thule 29.

 

l «Sarà Hitler a ballare, ma sono io che ho scritto la musica»

 

Fra i gruppi gnostici che diedero origine al nazismo, citiamo la Società del Vril e il Gruppo Thule o Thulegeselschaft, la prima fondata in Germania dal barone Rudolf von Sebottendorf (1875-1945). Ma pare sia stato Dietrich Eckart (1869-1923), scrittore e giornalista di fama, nonché membro della Thulegeselschaft, che lanciò veramente Hitler, fornendogli i primi fondi necessari a sostenere la sua campagna politica inaugurale. Rudulf Hess, Alfred Rosenberg, Dietrich Eckart, Karl Ernst Haushofer (1869-1946), Max Amann (1902-1957), «tutta quella gente, come abbiamo potuto verificare, apparteneva alle Società Segrete di stampo massonico, fossero il gruppo "Thule" o la "Società del Vril" Non meravigli, inoltre, che la si incontri sempre coinvolta nella realizzazione dei riti della nuova religione della croce uncinata. Disponendo da allora di una base politica, di appoggi finanziari importanti, e di un apparato segreto (che poteva essere guidato da Hitler), il partito nazionalsocialista andava trasformandosi nella macchina da guerra di quei nuovi gnostici, avendo per capo un formidabile detonatore, Adolf Hitler, l'unico uomo che possedeva il carisma e le qualità sufficienti per svegliare la Germania dal suo sonno letargico e fare di essa lo strumento docile dei suoi disegni magici. Nel suo letto di morte, nel 1923, Dietrich Eckart confessava ai suoi intimi: "Dovete seguire Hitler. Sarà lui a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Noi gli demmo forse noi i mezzi per comunicare con loro. Non vi lamentate; egli avrà influenzato la Storia più di qualunque altro tedesco"» 30.

 

rudolf von sebottendorf dietrich eckart max amann
R. von Sebottendorf Dietrich Eckart Max Amann

 

Renan, l'ex seminarista, precursore del nazismo

 

La Gnosi hitleriana voleva agire sull'uomo per trasformare l'Universo, nello stesso modo in cui, tramite processi mistico-religiosi, ella pretendeva di agire sopra l'Universo per trasformare l'uomo: «In questa prospettiva, la natura agisce sullo spirito e lo spirito sulla materia, in modo da provocare una trasmutazione di tutti i valori che, solo così, sono capaci di generare il superuomo del Punto Omega, che è quello della propaganda nazionalsocialistaperfezione. Tale è il significato della parola "io sono l'alfa e l’omega" e del mito gnostico del Serpente che si morde la coda. Nel fondamento di una tale dottrina, destinata ad un piccolo numero di iniziati, si manifesta l'orgoglio demente che desidera fare dell'uomo il proprio dio, calpestando sotto i piedi la morale tradizionale e disprezzando la quasi totalità degli uomini, destinata a ritornare (come per i manichei e i catari) al caos ("hyle") delle origini» 31. In queste elucubrazioni gnostiche sulla razza, il nazismo trovò un appoggio insperato nello spretato Ernest Renan (1823-1892), il blasfemo autore della Vita di Gesù, il quale scriveva nei suoi Dialoghi filosofici (Parigi 1876): «Una larga applicazione delle scoperte della fisiologia e del principio di selezione potrebbero portare alla creazione di una razza superiore, che avesse diritto al governo non solo per la sua scienza, ma per la superiorità del suo sangue, del suo cervello, dei suoi nervi. Sarebbero delle specie di dèi o dèe, esseri di valore dieci volte superiore a quel che noi siamo, che potrebbero esser fatti vivere in ambienti artificiali. La natura non fà nulla che non sopravviva in condizioni normali; ma la scienza potrebbe estendere i limiti della vitabilità». Renan conosceva il ciclo delle leggende ariane di Asgärd, paese mitico di uomini bianchi superiori, gli iperborei, antenati degli attuali indoeuropei. Perciò egli prosegue dicendo: «Una fabbrica di "asi", una Asgärd potrebbe essere ricostruita al centro dell'Asia. Allo stesso modo in cui l'umanità salì dall'animalità, così la divinità salirebbe dall'umanità. Ci sarebbero degli esseri che sipropaganda nazista servirebbero degli uomini come gli uomini si servono degli animali [...]. Ma ripeto, la superiorità intellettuale porta con sé la superiorità religiosa. Questi signori futuri li dobbiamo sognare come incarnazioni del bene e della verità: bisognerebbe sottomettersi ad essi». E prosegue: «In codesto modo si concepisce un'epoca in cui tutto ciò che un tempo regnò allo stato di preconcetto e di opinione vacua, regnerebbe allo stato di realtà e di verità: Dio, inferno, paradiso, potere spirituale, monarchia, nobiltà, legittimità, superiorità di razza, poteri soprannaturali, possono nascere nuovamente per opera dell'uomo e della ragione. Sembra che, se una tale ipotesi si debba realizzare in qualche grado sopra il pianeta Terra; è in Germania che si verificherà» 32. Ecco dunque il razionalista Renan diventare quasi profeta del nazismo... La cosmogonia hitleriana ricevette un gran contributo dalle teorie del profeta del gelo eterno, lo scienziato austriaco Hanns Hörbiger (1860-1931), alle cui elucubrazioni gnostiche il Führer diede pieno appoggio. Horbiger, che si era abbeverato nei miti profondi che si trovano nell'inconscio dell'umanità, era partigiano della teoria dei cicli adottata da Platone (427-347 a. C.). «La Terra, la vita e l'umanità, non conobbero un'evoluzione continua, ma un'ascensione a denti di sega, interrotta da cadute che avrebbero fatto retrocedere l'umanità al livello anteriore. Dopo le civiltà dei giganti, la Terra avrebbe così conosciuto catastrofi senza nome che avrebbero inghiottito interi continenti (Atlantide e Hiperborea), portando con sé la degenerazione dell'Uomo Superiore. Per ritrovare l'uomo-dio è necessaria una nuova mutazione che è il segno di tutte le altre. All'inizio ritornerà a dar vita al nostro Universo sotto un nuovo ciclo. Qui ritroviamo il leit-motiv delle speculazioni hitleriane sull'uomo e sul mondo del XX secolo» 33. Il filososo ebreo francese Henri Bergson (1859-1941) profetizzava: «L'Universo è una macchina per costruire dèi». Il gesuita Pierre Teilhard de Chardin s.j. (1881-1955) doveva fargli eco ammettendo la possibilità di una «deriva che avrebbe dato origine a qualche forma di ultra-umano: la famosa teoria dei mutanti biologici finiva appena di nascere» 34.

 

ernest renan hanns hörbiger pierre teilhard de chardin s.j.
Ernest Renan Hanns Hörbiger Teilhard de Chardin

 

I leader nazisti vedranno in essa un appoggio per il loro desiderio di creare il superuomo ariano. «L'uomo nuovo vive in mezzo a noi. Egli è qui - esclamava Hitler in tono trionfante - vi basta questo? Voglio dirvi un segreto: ho visto l'uomo nuovo. È intrepido e crudele. Ho avuto paura davanti a lui» 35. Dopo il millennio in cui impererebbe il nazismo e in cui l'evoluzione toccherebbe l'apice, la verità e il falso, lo spirito e la materia si separerebbero e tornerebbero alla loro radice; la luce ritornerebbe grande e l'oscurità tornerebbe ad essere tutta riunita. «Le ultime particelle di luce si riunirebbero in una gigantesca forma che salirebbe al cielo al tempo stesso in cui la materia formerebbe un enorme sfera ("bolos") somigliante al caos originale. È così che alla fine dei tempi, come il fuoco e il gelo, i due principî antagonisti saranno nuovamente separati l'uno dall'altro, così come si trovavano in origine» 36.

 

«La nostra unica fede religiosa è il nazismo»

 

Il nazismo era una nuova religione simbolizzata dal Volk («popolo»), sfondo mitico della deificazione del sangue e della razza. Di conseguenza,
esso non poteva non scontrarsi con il cristianesimo. Il responsabile del Deutsche Arbeitsfront («Fronte tedesco del lavoro»), il Dr. Robert Ley (1890-1945), fu molto chiaro e preciso quando dichiarò: «La nostra fede, quella che sola ci può salvare, è il nazionalsocialismo, e questa fede religiosa non ne tollera nessun altra al suo fianco» 37. L'antagonismo fra la Chiesa e i nazisti non fu, come vogliono certi osservatori ingenui o troppo sapienti, un conflitto politico, ma la lotta di una religione neopagana contro la vera religione di Nostro Signore Gesù Cristo. Il Concordato concluso fra la Santa Sede e il Terzo Reich, grazie alla mediazione di Franz von Papen (1879-1969), non fu niente di più che l'anestetico destinato ad addormentare l'avversario per poterlo più facilmente distruggere.

 

Il cosiddetto «cristianesimo positivo» nazista era in realtà la religione della razza e del sangue, cioè la Weltanschaung nazionalsocialista, uno dei peggiori pericoli che la Santa Chiesa dovette affrontare nel corso della Storia. Questo «cristianesimo positivo», mai esplicitato in modo chiaro, era solo uno pseudo-cristianesimo nazionalista, socialista e gnostico, che prendeva dal cattolicesimo, come già fece l'eresia americanista di Padre Isaac Thomas Hecker (1818-1888), gli elementi che reputava positivi, le virtù «attive», ecc..., respingendo le virtù «passive» e gli elementi «negativi», in particolare l'Antico Testamento e le Lettere di San Paolo.

 

robert ley franz von papen isaac thomas hecker
Robert Ley Franz von Papen Isaac T. Hecker

 

I capi nazisti erano gli unici accreditati a definire il «cristianesimo positivo», come ben spiegò la rivista delle SS Das Schwarze Korps («L'Ordine Nero»): «Essendo il cristianesimo positivo un termine introdotto dal nazionalsocialismo, quest'ultimo è l'unico accreditato per interpretarlo» 38. Diversamente non solo questo «cristianesimo», ma tutto il fondo della dottrina nazista rimane un mistero, poiché una cosa è ciò che si lasciava trasparire all'esterno e un'altra molto diversa era la vera dottrina professata dagli alti iniziati del nazionalsocialismo. Nel settimanale francese ahnenerbeCarrefour («Incrocio»), del 6 gennaio 1960, a proposito della detenzione del Prof. Werner Heyde (1902-1959), accusato dell'eliminazione sistematica dei malati mentali al tempo del Terzo Reich, il giornalista e storico Jacques Nobecourt dichiarava: «L'ipotesi di una comunità iniziatica si impose a poco, a poco. Una comunità veramente demoniaca, retta da dogmi occulti, molto più elaborati delle dottrine elementari del "Mein Kampf" e de "Il mito del XX secolo", e servita da riti le cui tracce isolate non si notano, ma la cui esistenza appare inevitabile agli esperti» 39. Jean e Michel Angebert commentano: «In completa consonanza con questo giudizio, possiamo affermare che, nonostante la scomparsa dei documenti concernenti l'insegnamento iniziatico dei quadri superiori delle SS, ci è dato di ricostruire facilmente, alla luce di quelle spiegazioni, lo spezzettato puzzle magico necessario alla comprensione del fenomeno. La nostra spiegazione, di conseguenza, ha il merito di riunire, intorno alle ricerche tedesche sull'origine dell'uomo bianco riguardanti il Medioevo in generale e Montsègur in particolare, l'insieme storico, culturale ed esoterico della Weltanschaung nazista» 40. E incalzano i due autori: «Nessuno studioso serio si è mai posto il problema che, nonostante sia fondamentale il sapere che "La crociata contro il Graal" e "La corte di Lucifero" (dell'autore tedesco, Colonnello delle SS e per giunta membro della "Ahnenerbe" - organismo superiore di ricerca delle SS - Otto Rahn) fossero letture obbligatorie per gli ufficiali superiori di quel nuovo Ordine Teutonico, secondo il valore dello stesso Reichsführer SS Himmler, il quale agendo in questo modo conferiva ad esse il valore di Vangelo; nonostante ciò, le opere di questo genere non erano molto numerose e il fatto di rendere la loro lettura obbligatoria prova che esse contenevano la chiave della cosmogonia hitleriana per quanto poco qualcuno si desse da fare per cercarla» 41. E precisano più avanti: «Per noi, tutto si dipana intorno al tema centrale del Graal» 42.

 

Il teosofo Alfred Rosenberg e Il mito del XX secolo

 

Rosenberg fu davvero la testa pensante della Gnosi nazista. Nato in Estonia da famiglia germano-baltica, egli ottenne a Mosca all'inizio del 1918 il diploma di architetto, e da lì fuggì in Germania all'esplosione della Rivoluzione comunista (e probabilmente anche a causa delle sue origini ebraiche). Datosi agli studi teosofici, egli entrò nella Thulegeselschaft, il gruppo di carattere occultista di cui abbiamo fatto menzione più sopra,alfred rosenberg dove attirò l'attenzione di Dietrich Eckart per la sua cultura che sorpassava la mediocrità dell'ambiente. Eckart lo presentò ad Hitler, il quale stava cominciando la sua carriera politica. Rosenberg fu uno dei primi iscritti al Partito nazista e «la sua influenza fu decisiva nella formazione spirituale del futuro signore della Germania, nel quale egli rafforzò ancor di più l'antisemitismo e il gusto per il mistero» 43. Nella sua opera principale, Il mito del XX secolo, Rosenberg rigetta l'Antico Testamento e del Nuovo ripudia principalmente le Lettere di San Paolo 44. Per questo teorico del nazismo «vi è un cristianesimo positivo ed un cristianesimo negativo. Il primo si rifà all'immagine di Gesù vivo, il secondo all'immagine di Gesù crocifisso» 45. Rosenberg non considerava il cristianesimo delle origini come un avversario, dato che esalta la personalità di Cristo da vivo, ma sull'esempio degli gnostici, alla cui famiglia apparteneva per numerose affinità, rigettava quello che definiva come una mistificazione orientale: il sapere, la Resurrezione, la Crocifissione del Salvatore. L'odio per la Chiesa come corpo sociale si afferma nel corso del libro. L'idea di una Chiesa universale, unica, che deve determinare e coordinare tutta la vita dello Stato, la scienza, l'arte e la morale in virtù dei dogmi, per Rosenberg, non è se non «un residuo di quelle idee di caos proprie dei popoli che avvelenarono la nostra essenza». Contro quella concezione si erse Martin Lutero che «oppose alla monarchia politica e universale del Papa l'idea di una politica nazionale» 46. Più ancora: «Per il filosofo (Rosenberg), tutti gli avvenimenti sono significativi e dimostrano la lotta eterna che oppone in questo mondo le forze della luce alle forze delle tenebre. In questa prospettiva, tutti gli eretici e, in primo luogo i catari, sono considerati come eroi di una tragedia di dimensioni cosmiche. In questa lotta degli elementi germano-nordici d'Europa contro l'universalismo romano, contro il cattolicesimo dominatore, vi fu un combattimento gigantesco; è nella storia degli albigesi, dei valdesi, dei catari, degli ugonotti, dei protestanti, dei luterani, che si deve vedere il quadro entusiasmante di una lotta epica» 47.

 

Sempre secondo Il mito del XX secolo, l'anima germanica e nordica rigetta la concezione statica di un Dio unico, sovrano dell'Universo, rompe con l'Antico Testamento, fedele in ciò allo spirito di Lutero, che riguardo a questo fu, per altro molto tardi, «liberato dai giudei e dalle loro menzogne». Proseguendo nella sua cascata di falsità, il profeta del nazismo aggiunge che la morte non dev'essere considerata come il salario del peccato, come vuole il cristianesimo. Al contrario, essa è un semplice fenomeno naturale «il quale non perturba la nostra eternità che era prima e continua ad essere poi» 48. Non è tutto ciò una copia fedele dello gnosticismo della scuola neoplatonica di Alessandria?

 

La strana personalità di Hitler

 

A riguardo dell'enigmatica personalità di Hitler i già citati autori affermano: «Quel che è certo è che l’aspetto profetico, mistico e da veggente di questo moderno mago può ugualmente presentare al mondo la figura turpe di un cinico, di un essere duro e insensibile, capace di condannare a morte senza il minimo scrupolo tutte le persone che potrebbero metterglisi sul cammino» 49. Rivelando un grande potere adolf hitleripnotico nel parlare tanto a una persona quanto ad un'enorme moltitudine, ci fu chi affermò che egli era manipolato da esseri invisibili, i «Superiori Incogniti» evocati da Hermann Rauschning (1887-1982), ex gauleiter di Danzica, il quale descrive il Führer come una persona messa in contatto con esseri misteriosi che lo terrorizzavano: «Una persona appartenente alla sua cerchia intima mi disse che egli si sveglia la notte lanciando grida convulse. Chiama aiuto. Seduto sull'orlo del letto, si trova come paralizzato. È preso da un panico che lo fa tremare al punto che il letto si scuote. Proferisce vociferazioni confuse e incomprensibili. Si affanna come se fosse sul punto di soffocare. La stessa persona mi raccontò di una di queste crisi con particolari che io mi rifiuterei di credere se la fonte non fosse così sicura. Hitler era in piedi in camera sua, barcollando guardando intorno a sé con un'aria allucinata: "È lui! È lui! Lo vedo qui"!, borbottava. Le sue labbra erano livide. Il sudore scorreva in grosse gocce. Repentinamente, egli pronunciò delle cifre senza alcun senso, poi parole, pezzi di frase. Era orribile. Egli impiegava termini bizzarramente allineati, completamente estranei. Dopo tornò nuovamente silenzioso, continuando però a muovere le labbra. Gli si fecero frizioni, gli si diede da bere una bevanda. Poi, improvvisamente, egli ruggì: "Lì, lì! Nell'angolo. Cosa c'è lì"? Batteva il piede sul pavimento di legno e urlava. Gli assicurarono che non succedeva niente di straordinario e allora egli, a poco, a poco, si calmò» 50. «Le parole di Hitler "seguo il cammino che la provvidenza mi indica con la sicurezza di un sonnambulo", vanno nel senso delle ipotesi di poteri non naturali. Ma da dove avrebbe ricevuto tali poteri? Dal gruppo "Thule" che lo aveva iniziato all’esoterismo orientale? Dal misterioso monaco dai guanti verdi inviato dai saggi del Tibet? O da una rivelazione più antica»? 51.

 

hermann rauschning hitler mi ha detto - hermann rauschning
Hermann Rauschning Hitler mi ha detto

 

Fra l'altro, Hitler odiava i cacciatori. Egli credeva nella reincarnazione delle anime in corpi di animali, esattamente come i buddisti e i catari, i quali sostenevano la metempsicosi 52. Egli dichiarò un giorno: «Chi si suicida ritorna fatalmente alla natura corpo, anima e spirito» 53.

 

Conclusione

 

Da tutto quanto si è detto sopra come riassunto del libro di Jean e Michel Angebert, ci viene una certezza: quella del carattere gnostico e occultista del nazionalsocialismo nell'azione e nell'intenzione dei suoi principali capi. E abbiamo così una prova in più del fatto che la Gnosi porta con sé come conseguenza naturale il socialismo. Nella sua opera Dal fondo della notte, sulla lotta fra comunisti e nazisti dopo la Grande Guerra, Jan Valtin (1905-1951), un marxista, descriveva la sorpresa e il disaccordo delle basi comuniste in Germania al ricevere dai loro vertici istruzioni di non resistere ai partigiani di Hitler. E il Ministro della Propaganda nazista Joseph Goebbels (1897-1945), poco prima della caduta di Berlino, diceva in un proclama alla radio che il nazionalsocialismo, sebbene sconfitto dalle armi, sarebbe stato comunque vittorioso con l'instaurazione del socialismo nel mondo.

 

jan valtin joseph goebbels
Jan Valtin Joseph Goebbels

 

Ora, considerate le origini hegeliane del socialismo marxista, non potrebbero le odierne correnti di sinistra essere derivate da una delle teste dell'idra gnostica e panteista che va spargendo il suo catarro sulle élite intellettuali del mondo moderno? Ecco una ricerca che potrebbe essere molto utile per spiegare i fenomeni politico-sociali e... religiosi dei nostri giorni. Soprattutto se questo studio abbraccerà anche le attività dei partigiani del New Age e dei cosiddetti gruppi «profetici», propugnatori di un falso ecumenismo sinistreggiante.

 

Molto ancora ci sarebbe da dire sull'aspetto escatologico della Gnosi e delle sue sembianze moderne. Scimmia di Dio, il demonio si propone di influire sui terribili avvenimenti che stanno per abbattersi sull'umanità come castigo per i suoi peccati di apostasia. Valga per noi, cattolici fedeli, il messaggio della Vergine di Fatima; la certezza che, dopo indicibili sofferenze e prove per i buoni, il Cuore Immacolato di Maria trionferà sopra il Serpente antico, fomentatore della menzogna della Gnosi e di tutte le altre trame dei suoi sèttari.

 

APPENDICE

NAZIONALSOCIALISMO E CHIESA CATTOLICA

Una delle accuse più frequentemente proferite dai nemici del cattolicesimo è quella di una presunta connivenza tra regime hitleriano e Chiesa di Roma. Riportiamo di seguito alcune affermazioni di parte nazista che stroncano questa calunnia che, nonostante la documentazione storica ben più vasta di quella che presentiamo, viene continuamente ripetuta.

  • «Per i parroci e i Vescovi ci sono i campi di concentramento e non più i pulpiti delle chiese tedesche».
    - Westdeutcher Beobachter, del 24 maggio 1935.

  • «Dopo il discorso del ministro Goebbels, una cosa è chiara: il Terzo Reich non desidera alcun "modus vivendi" con la Chiesa cattolica, bensì il suo annientamento, tra le menzogne e il disonore, onde far posto ad una chiesa germanica, al cui centro sta la glorificazione del sangue tedesco».
    - Basler National-zeitung, del 31 maggio 1937.

  • «La terra che abitiamo non deve più interessare la Chiesa; per le cose di questo mondo e nel nostro territorio solo il nazionalsocialismo deve dettare leggi».
    - Alfred Rosenberg; discorso del 10 dicembre 1937.

  • «Come devono scomparire tutti gli influssi nocivi degli astrologi, indovini e altri gabbamondo, si deve neutralizzare, il più possibile, l'influsso della Chiesa. Solo quando avverrà ciò, lo Stato potrà avere pieno potere sui singoli cittadini».
    - Martin Bormann; da una circolare segreta a tutti i gauleiter del 1941.

  • «Il compito dei "pretacci" è di demolire il potere del Reich [...]; ma farò sentire io, a questi elementi, tutta la forza dello Stato. Se li credessi, ora, pericolosi, li farei, subito, fucilare tutti».
    - Adolf Hitler; discorso conviviale al Berchtesgaden, dell'11 agosto 1942.

  • «Non vogliamo altro dio che la Germania».
    - Adolf Hitler; Bayrischer Kurier, del 25 maggio 1923.

  • «Da oggi innanzi, non andremo più contro i comunisti, ma contro i cattolici. Non c'è che una soluzione: o tedesco o cattolico»!
    - O. Wagner; cit. in P. L. Villa, Pio XII, Ed. Civiltà, Brescia 1964, pag. 117.

  • «Diamo tempo fino alla primavera (del 1935; N.d.R.), e poi, ciascuno dovrà scegliere tra appartenere alla Chiesa o al Partito Nazionalsocialista».
    - Il Gauleiter di Essen; cit. in P. L. Villa, op. cit., pag. 81.

  • «Ma anche l'ultima divinità internazionale, la Chiesa cattolica, deve scomparire, e scomparirà sotto il pugno di ferro della politica nazionalsocialista».
    - Das Schwarze Korps, del 1º gennaio 1938.

 

banner centro culturale san giorgio

 

Note

 

1 Articolo estratto dalla rivista Catolicismo, Anno XXI, nº 249, settembre 1971.

2 Cfr. L. Pauwels-J. Bergier, Il mattino dei maghi, Ed. Mondadori, Milano 1988, pag. 372.

3 Entrambi i film, oltre ad essere conditi di rocambolesche «americanate», sono impregnati di spirito anti-tedesco. Non bisogna dimenticare che li ha diretti il regista ebreo Steven Spielberg...

4 Cfr. G. Vannoni, Le Società Segrete dal Seicento al Novecento, Ed. Sansoni, Firenze 1985, pag. 288.

5 Cfr. M. Introvigne, Il cappello del mago, Ed. SugarCo, Milano 1990, pagg. 23-25.

6 Secondo il mito narrato da Platone, Atlantide era un'isola al di là delle Colonne d’Ercole, dominio del dio Poseidone e dei suoi figli. Terra di ricchezze favolose, dopo un tremendo cataclisma si sarebbe inabissata nell'Oceano. Gli iperborei erano invece un popolo mitico che i greci situavano all'estremo Nord. Essi adoravano il dio Apollo, che passava con loro l'inverno e sulla loro terra non scendeva mai la notte.

7 Religione dualista fondata nel III secolo d. C. dal persiano Mani (216-277), da cui prende il nome. Egli ricevette due rivelazioni da parte del «re della luce» e si considerò l'ultimo dei profeti e l'annunciatore della rivelazione definitiva per il mondo intero.

8 Il montanismo fu un movimento ereticale sorto in Asia Minore nel II secolo per iniziativa del prete frigio Montano. I montanisti erano convinti di possedere speciali illuminazioni divine e credevano in un'imminente fine del mondo.

9 Il docetismo (secoli I-IV d. C.) fu un'eresia che, negando l'Umanità di Gesù Cristo, escludeva la possibilità che Egli avesse sofferto durante la Sua Passione e morte.

10 Il sabellianismo (III secolo d. C.) fu un'eresia antitrinitaria che prese il nome dal teologo africano Sabellio.

11 L'arianesimo fu un'eresia cristologica e antitrinitaria diffusasi a partire dal IV secolo per la predicazione del Vescovo Ario, che negava l'uguaglianza tra il Padre e il Figlio e gli attributi divini di quest'ultimo.

12 Il pelagianismo (V secolo d. C.) è un'eresia che prese il nome dal monaco Pelagio. il quale sosteneva che l'uomo è in grado di realizzare una vita senza peccato grazie alle soli doti morali di cui Dio lo ha dotato. Niente trasmissione del peccato originale, e quindi inutilità del Battesimo dei bambini, ma solo quello degli adulti per cancellare i peccati personali.

13 Cfr. J. Guiraud, L'inquisition médiévale, Ed. Bernard Grasset, Parigi 1928, pag. 81.

14 Cfr. L. Pauwels-J. Bergier, Il mattino dei maghi, Ed. Mondadori, Milano 1963, pagg. 515. Pauwels, massone, occultista e discepolo del mistico armeno Gurdijeff, è stato direttore del Figaro Magazine e di riviste esoteriche. Bergier è invece un alto iniziato al Rito Martinista.

15 L'Obersturmbannführer SS Otto Rahn nacque il 18 febbraio 1904 a Michelstadt, in alta Assia, vicino a Marburgo. Specializzatosi all'Università in Romanistica (lo studio delle civiltà di lingua romanza), si appassionò ben presto alla vita e alla letteratura dei paesi della Linguadoca. Scomparve misteriosamente durante una tempesta di neve il 13 marzo 1939 sul monte Wilder Kaiser.

16 Cfr. J.-M. Angebert, Hitler et la tradition cathare, Ed. Robert Laffont, Parigi 1971, pag. 27.

17 Ibid., pag. 29.

18 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pagg. 32-33.

19 Ibid., pag. 34.

20 Ibid.

21 Cfr. O. Strassen, Hitler et moi, Parigi 1940; J.-M. Angebert, op. cit., pag. 35.

22 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pag. 65.

23 Ibid. In questa sua opera, all'opposto del cristianesimo, che vede in Lucifero l'angelo superbo abbattuto da Dio e da questi trasformato in diavolo, Rahn identifica in Lucifero il vero principio del Bene impegnato in un'eterna lotta contro il vero principio del Male oggi incarnato dalla Chiesa di Roma e dalla sua Gerarchia corrotta.

24 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pag. 193.

25 Ibid., pag. 72.

26 Ibid., pag. 193.

27 Cfr. H. Rauschning, Hitler m'a dit («Hitler mi ha detto»), Ed. Coopération, Parigi 1939; J.-M. Angebert, op. cit., pag. 193. Secondo lo storico svizzero W. Haenel, il libro attribuito a Rauschning sarebbe un falso, ma scritto da un personaggio «che ben conosceva il nazismo dall'interno» (cfr. C. A. Agnoli-P. Taufer, L'ascesa del nazismo e lo sterminio degli ebrei, Ed. Civiltà, Brescia 1988, pag. 24, nota nº 92).

28 È ormai universalmente ammesso che Hess fosse un membro di società massoniche occultiste come l'Ordo Templi Orientis e l'Hermetic Order of the Gloden Dawn («Ordine Ermetico dell'Alba Dorata»).

29 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pag. 195.

30 Ibid., pag. 209. Chi saranno quei misteriosi «loro» di cui parla Eckart? Forse i «Superiori Incogniti», una sorta di demoni evocati durante questi riti luciferini?

31 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pag. 217.

32 Ibid., pagg. 217-219.

33 Ibid., pagg. 224-225.

34 Ibid., pag. 230.

35 Cfr. H. Rauschning, op. cit.; J.-M. Angebert, op. cit., pag. 230.

36 Cfr. J.-M. Angebert, op. cit., pag. 229.

37 Ibid., pag. 245.

38 Ibid., pag. 247.

39 Ibid., pag. 258.

40 Ibid., pag. 259.

41 Ibid.

42 Ibid., pag. 260.

43 Ibid., pag. 262.

44 Ibid., pag. 264.

45 Ibid.

46 Ibid.

47 Ibid., pagg. 264-265.

48 Ibid., pag. 268.

49 Ibid., pag. 279.

50 Cfr. H. Rauschning, op. cit.; J.-M. Angebert, op. cit., pag. 282.

51 Ibid., pag. 283.

52 Ibid., pag. 287.

53 Cfr. A. Hitler, Libres prepos, Ed. Flammarion, Parigi 1952; J.-M. Angebert, op. cit., pag. 291.

 

home page