Nella versione integrale Home Video, rilasciata nel luglio del 1988 su laserdisc, nella stessa scena ci sono alcuni frames (2170-2172) non più presenti nella successiva versione uscita su VHS o DVD.

 

jessica uncut

jessica rabbit senza mutandine

A sinistra, Jessica Rabbit nella versione «censurata»;

a destra in quella uncut presente sul laserdisc uscita nel 1988.

 

jessica rabbit senza mutandine

Niente mutandine!

 

In tali fotogrammi, la bella Jessica appare nature, senza mutandine... A darne notizia fu la rivista Variety nel marzo del 1994 scrivendo alcuni osservatori avevano «scoperto diverse bizzarrie subliminali ad opera dei disegnatori che hanno rappresentato la nudità del personaggio Jessica Rabbit. La cosa diventa evidente rallentando la scena a 24 frames al secondo» 1.

 

La notizia venne ripresa dalla CNN e da altre riviste, e si sparse così rapidamente che, nel volgere di pochi minuti, tutte le copie su laserdisc erano state vendute. Un portavoce della Disney replicò a Variety affermando che «la gente ha bisogno di una vita intera per accorgersi di cose di quel genere. Noi non ne sapevamo nulla, e si è senz'altro trattato di una stupida trovata dei disegnatori di cui noi ora paghiamo le conseguenze e della quale non ci siamo mai accorti. Allo stesso tempo, la gente dovrebbe sviluppare un certo senso di umorismo a riguardo di queste cose» 2. E non è finita. Dopo circa diciassette minuti dall'inizio, il detective Valiant si reca al Club Inchiostro e Tempera, il locale dove si esibisce la moglie di Roger Rabbit.

 

 

La bella Jessica si presenta sensuale sul palcoscenico e - sempre nella versione laserdisc - la sua immagine si riflette per un paio di frames sul pavimento del Club mentre si sposta sulla destra. Guarda caso, nell'immagine riflessa Jessica è seminuda. Non si vede più la gonna che porta e sembra a seno scoperto! 3

 

 

Occorrerebbe chiedere alla Disney, a Zemeckis e a Spielberg perché hanno voluto inserire un personaggio con una carica sessuale mai vista prima in un cartoon come Jessica Rabbit in una pellicola destinata soprattutto ai bambini. Quanto alle immagini oscene, esse si commentano da sole: sesso, sesso e solo sesso... 

 

  torna

 

banner centro culturale san giorgio

Note

 

1 Cfr. M. Fleming, «Jessica Rabbit Revealed», in Variety, del 14 marzo 1994.

2 Cfr. M. Fleming, «Kopelson Does Major Defense Spending», in Variety, del 17 marzo 1994.

3 Di questa immagine se ne dà notizia alla pagina web

http://www.eeggs.com/items/8362.html

 

home page